Stefano Donno on twitter

venerdì 20 marzo 2009

Il realismo drammatico di Andy Warhol. Di Maria Beatrice Protino





















Oggigiorno sei considerato anche se sei un imbroglione: puoi scrivere libri, andare in tv, concedere interviste. Sei una grande celebrità e nessuno ti disprezza per questo anche se sei un imbroglione. Sei sempre una star. Questo avviene perché la gente ha bisogno delle star più di ogni altra cosa.
Scriveva questo Andy Warhol nel suo libro The Philosophy of Andy Warhol, la cui prima pubblicazione risale al 1975.
Warhol sapeva bene che i nuovi media stavano cambiando il modo di pensare degli americani e determinando una trasformazione antropologica della società: come altri artisti suoi contemporanei, anche lui aveva lavorato nel mondo della pubblicità e della comunicazione di massa a sufficienza per intuire questo stato di cose.
Quando Warhol riporta sulla tela l’immagine della bottiglia di Coca-Cola o delle lattine Campbell’s, se ritrae i divi del cinema e lo fa in maniera reiterata (si pensi alle sue produzioni in serie), questo avviene perché vuole rapportarsi al sociale in maniera tutt’altro che inconsapevole o ingenua: egli rivendica un rapporto morale con la società americana dell’epoca. Questo spiega anche il perché di certi suoi atteggiamenti provocatori e apparentemente frivoli: aderendo al dettato dadaista per cui “arte uguale vita”, rispecchia i fenomeni della società a lui contemporanea e li studia dall’interno, perché ciò che gli interessa è recepire e registrare sulla sua tela tutto quello che gli sta attorno.
Si appropria di foto trovate su cui interviene non semplicemente ritoccandole o agendo sui volumi, ma alterandone addirittura la percezione attraverso l’utilizzo di ampie fasce di colore a tinte piatte, riuscendo nell’intento di dar vita ad un evidente conflitto percettivo dell’opera nel suo insieme. Il suo realismo non mira alla riproduzione quanto più fedele possibile del paesaggio urbano o della fauna umana: Warhol vuole dare solo delle informazioni sul soggetto ritratto, in modo da lasciare un messaggio oggettivo, che nulla ha più a che vedere col punto di partenza, ma attua quella cd eliminazione del soggetto per cui si verifica il paradosso di un’arte che, pur guardando alla realtà, vuole rappresentarne una metafora.
I colori accattivanti mostrano un unico soggetto alla volta e non lasciano spazio alla narrazione, riportano sguardi freddi e quasi privi di sentimenti, tanto da risultare finalmente visione di una società che, condizionata dal modo in cui i media sovrappongono la verità e la menzogna, la finzione e la realtà, perde di vista la coscienza e crede si possa nascondere addirittura miseria e sconfitta esistenziale dietro un velo di apparente felicità.




Warhol ha seguito strade battute da altri, ma l’ha fatto con una genialità tale da conferire all’insieme un aspetto assolutamente nuovo, al punto da poter essere preso come modello per l’arte a venire.





<Quel che c’è di veramente grande nell’America è che si è dato il via al costume per cui il consumatore più ricco compra essenzialmente le stesse cose del più povero. Mentre guardi in tv la pubblicità della Coca-Cola, sai che anche il Presidente beve Coca-Cola, Liz Taylor beve Coca-Cola e anche tu puoi berla. Una Coca è una Coca e nessuna somma di denaro ti può permettere di comprare una Coca migliore di quella che beve il barbone all’angolo della strada. Tutte le Coche sono uguali e tutte le Coche sono buone. Liz Taylor lo sa, lo sa il Presidente, lo sa il barbone, lo sai tu> . Andy Warhol, The Philosophy of Andy Warhol, 1975.


Cenni biografici
Andy Warhol, nome d'arte di Andrew Warhola (Pittsburgh, 6 agosto 1928 – New York, 22 febbraio 1987), è stato un pittore, scultore e regista statunitense.
Fu figura predominante del movimento pop art americano.
Dopo la laurea, ottenuta nel 1949, si trasferì a New York.
La grande mela gli offrì subito molteplici possibilità di affermarsi nel mondo della pubblicità, lavorando per riviste come Vogue e Glamour.
Morì a New York il 22 febbraio 1987.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Macro pop 2