Stefano Donno on twitter

venerdì 30 gennaio 2009

Marcello Buttazzo

Dal cielo notturno
cadono giù
frammenti
di stelle ferite
e polvere nera.
I pugni chiusi
afferro
ruggine di ricordi
limatura di ferro
residui di sogni
voli
sul bianco destriero.
Volo fra scintille di fuoco
marosi d'amore
e ritrovo
il mio angelo in pena
le ali spezzate.


Angelo
mio dannato angelo
ti aspettai
invano
nelle albe color giacinto.
L'anima
solcata di rosso tormento

da Di Rosso tormento, Calcangeli 2008

martedì 27 gennaio 2009

Latitanze di Mauro Daltin a Udine















Rassegna Parole in circolo
libri, poesia, narrativa

VENERDI' 30 GENNAIO - ORE 21.00

CIRCOLO ARCI MIS(S)KAPPA
VIA BERTALDIA 38
UDINE

OGNI LATITANZA HA IL SUO NOME


Presentazione dei libri

Latitanze
di Mauro Daltin

e

A ogni cosa il suo nome
di Francesco Tomada



Introduce
Vincenzo Della Mea (poeta)

Ogni Latitanza ha il suo nome è il titolo di questa serata dove Mauro Daltin presenterà la raccolta di racconti Latitanze (Besa editrice) e Francesco Tomada presenterà il suo libro di poesie A ogni cosa il suo nome (Le Voci della Luna). Il tutto sarà coordinato da Vincenzo Della Mea. Un reading e molte chiacchiere per raccontare un libro di poesie assieme a un libro di narrativa, entrambi freschissimi di stampa.

Mauro Daltin lavora nell’editoria da alcuni anni, ora come responsabile editoriale. Ha fondato la rivista "PaginaZero-Letterature di frontiera". Collabora come autore con il Touring Editore, conduce programmi radiofonici e spesso si diverte a leggere in pubblico. Ha pubblicato il libro L’eretico e il cattolico. Intervista a Elio Bartolini (Kappa Vu) e la raccolta di racconti Latitanze (Besa Editrice). Latitanze è anche un blog: http://latitanze.wordpress.com

Francesco Tomada è nato nel 1966 e vive a Gorizia. I suoi testi sono apparsi su numerose riviste e pubblicazioni in Italia, Slovenia, Canada, Francia, e sono stati tradotti anche in inglese e cinese; è inoltre presente nelle raccolte Frantumi e Intrecci (Sottomondo). L’infanzia vista da qui è la sua prima raccolta, edita nel dicembre 2005. Nel 2008 è uscita la sua seconda raccolta A ogni cosa il suo nome (Le Voci della Luna).

sabato 24 gennaio 2009

La ladra di Sara De Giorgi


Stamane l’ombra è volata via
assieme a quella ladra che covava
il suo nido sul mio capo
le tempie si sono fatte più sottili
sfiorando l’osso
a voler trattenere il trotto vermiglio
a voler comprimere i rami di vene.

E l’asfalto mi ha disserrato gli occhi
su un terreno invisibile
estensione ingovernabile
d’una luce orba e pietosa
sopra vi era un aumento gravido
di rose artificiali
su escrescenza di tubero
su linee fetali
moltiplicazione inaugurale
del mercato d’animali
riempimento esponenziale
di sacche umane
riconoscimento
del palpito cosmico.

Sono loro che si adattano
alle righe del tempo
ascoltano le modificazioni paradossali
ci si immergono
si incuneano
nelle fessure, nelle piaghe
ed io che mi dolgo ancora
nella rigidità obsoleta
di vecchie immagini
di antiche icone
imparo così
ad avvicinarmi all’aderenza
del fango al ghiaccio
lentamente
mentre odo la ladra
innalzarsi in volo dal mio capo
ove aveva fatto il nido.

venerdì 23 gennaio 2009

Hi-Pop ... now!

SalentoWeb.Tv lancia un nuovo format. Ideato e curato da Stefano Donno, HI-Pop sarà un contenitore di idee e riflessioni, dialoghi e spunti, una finestra aperta sul mondo del web dove tutto è in continuo divenire. La rivoluzione digitale sta mutando i gusti, le tendenze, l'immaginario collettivo. Cambia anche il rapporto di ciascuno di noi con i prodotti di consumo di massa, che diventano sempre più easy e sempre più free. HI-Pop si occuperà di questo e di molto di più.

Ospite della prima puntata Stefano Cristante, sociologo delle comunicazioni di massa (Università del Salento)
Si parlerà di www.gamestar.it e di Dante Alighieri ... più pop di così ...
anzi più Hi-Pop!!!

Segui il link
http://www.salentoweb.tv/index.php?option=com_seyret&task=videodirectlink&Itemid=2&id=261

giovedì 22 gennaio 2009

CAVERNA OLIMPO di Silla Hicks

2 anni prigioniero
in un cubo di un metro
senza aria nè luce
non riesco a sedermi:
immagino un mondo
di statue di creta
muoversi fuori

anche uscissi domani
non saprei camminare
abbagliato
stordito
striscerei sulle piaghe

coperto di polvere
roso di pulci
ti sfido a indovinare
che - una volta -
ero
un uomo

CAVERNA OLIMPO(16 febbraio 2009)

mercoledì 21 gennaio 2009

Toghe Rosso Sangue. Segnalazione a cura di Nunzio Festa

Agostino Pianta, ucciso da un detenuto, Pietro Scaglione ucciso dalla mafia, Francesco Ferlaino, ucciso dalla ‘Ndrangheta, Francesco Coco ucciso dalle Brigate Rosse, Vittorio Occorsio ucciso da Ordine Nuovo, Riccardo Palma ucciso dalle Brigate Rosse, Girolamo Tartaglione, ucciso dalle Brigate Rosse, Fedele Calvosa ucciso dalle Unità combattenti comuniste, Emilio Alessandrini ucciso da Prima Linea, Cesare Terranova ucciso dalla mafia
Nicola Giacumbi ucciso dalla colonna “Pelli”, Girolamo Minervini ucciso dalle Brigate Rosse
Guido Galli ucciso da Prima Linea, Mario Amato ucciso dai Nar, Gaetano Costa ucciso dalla mafia, Gian Giacomo Ciaccio Montalto ucciso dalla mafia, Bruno Caccia ucciso dalla mafia,
Rocco Chinnici ucciso dalla mafia, Alberto Giacomelli ucciso dalla mafia, Antonino Saetta ucciso dalla mafia, Rosario Angelo Livatino ucciso dalla mafia, Antonio Scopelliti ucciso dalla ‘Ndrangheta e dalla mafia, Giovanni Falcone e Francesca Morvillo uccisi dalla mafia, Paolo Borsellino ucciso dalla mafia, Luigi Daga ucciso da terroristi islamici. Sono venticinque i magistrati uccisi dalla criminalità tra il 1969 e il 1995. “Toghe rosso sangue. La vita e la morte dei magistrati italiani assassinati nel nome della giustizia”, che da domani 22 gennaio sarà in libreria, è un atto civile utile a ricordare quelle vite umane messe nel macero della storia. Il volume del giornalista Paride Leporace, fra le cose più importanti, ricostruisce la carriera professionale dei giudici assassinati in Italia, spiega il contesto in cui maturò il loro omicidio, raccoglie tante testimonianze fino a quelle dei carnefici. Le pagine sono pensate per salvare dall'oblio coloro che diedero la vita per l'esercizio della giustizia. Leporace, direttore del “Quotidiano della Basilicata”, già fondatore di “Calabria Ora”, autore di innumerevoli reportage ad alcuni dei più eclatanti casi di cronaca nera italiana, da alle stampe il suo primo volume per la Newton & Compton, collana Contromano. Un testo civile. Dove con la scrittura dei fatti Paride Leporace entra nelle vicende di coloro che furono eliminati in quanto colpevoli di servire lo Stato. “Venticinque vite umane sacrificate sull’altare di oscuri disegni eversivi e colpite senza pietà, vittime cancellate dalla memoria collettiva. Così, per molti magistrati caduti nell’esercizio delle loro funzioni, si è assistito a un deprecabile processo di rimozione del loro impegno – oltre che della loro vita – dalla faticosa storia della Repubblica italiana”. Da Agostino Pianta a Falcone, per tratteggiare le figure “la figura dei magistrati italiani uccisi da mafiosi, criminali comuni e terroristi”.

venerdì 16 gennaio 2009

Dell'eroico furore - corso di scrittura creativa a cura di Michelangelo Zizzi

1 Cos'è un testo letterario. Cosa significa leggere. Il problema della lettura come problema ermeneutico.

2 Differenza tra poesia e prosa: tempo della prosa e della poesia, oggettività, soggettività ed intersoggettività.

3 Poesia: cenni di storia della poesia del Novecento.

4 Poesia: suono, ritmo, figura, immaginazione, polisemia.

5 Poesia: il silenzio, l'anamnesi, l'inventare, il produrre, il creare.

6 Poesia: creatività e psicodinamica. Tecniche di liberazione dell'immaginario creativo. (Laboratorio di Scrittura)

7 Narrativa: cenni di storia del romanzo del Novecento. (Laboratorio di Scrittura)

8 Narrativa: intreccio, fabula, tempo del racconto e tempo del raccontare. (Laboratorio di Scrittura)

9 Narrativa: senso e polisemia della narrazione. (Laboratorio di Scrittura)

10 Narrativa: il flusso di coscienza, la coscienza ricognitiva. Tecniche dell'abbandono. (Laboratorio di Scrittura)

11 Risultati, confronti e rapporti con editoria e pubblico.


Organizzazione temporale: il corso si articola in 11 incontri di full immersion di 3 ore ciascuno, con cadenza settimanale.






Scheda bio-bibliografica

Michelangelo Zizzi è scrittore, performer, critico letterario. È laureato in filosofia, in medicina ed è dottore di ricerca; si è occupato di narratologia, storia della letteratura moderna e contemporanea, storia della letteratura meridionale e salentina, scrittura creativa. Ha insegnato in un Liceo privato per 7 anni.

Attualmente non vincolato da alcuna amministrazione, organizza e conduce corsi di scrittura creativa in proprio e per scuole, istituti, associazioni culturali, fondazioni private e pubbliche; ed è consulente filosofico.

A livello di critica letteraria, si è finora prevalentemente occupato di letteratura poetica e narrativa dell'Otto – Novecento e in particolare di Dino Campana, Vittorio Bodini Girolamo Comi, sulle cui figure ha pubblicato svariati articoli e saggi monografici.
Tra questi ultimi:
 'Il Sud e la Luna. Per una geografia dell'immaginario in Vittorio Bodini', Levante editore, Bari, 1999.
 'Autoritratto con monade. Fenomenologia della poesia in Girolamo Comi', Multimedia Pensa, Lecce, 2000.
 'L'orfismo in Comi', Multimedia Pensa, Lecce, 2002.

Inoltre dirige la collana di teoria e critica letteraria Lo spazio letterario per l'editore Levante di Bari e la collana di Scrittura Creativa Incipio per Lupo Editore di Copertino e collabora come consulente esterno a numerose case editrici nazionali, tra le quali Mondadori.

È considerato da alcuni autori (Dario Bellezza, Maurizio Cucchi, Paolo Valesio, Leonardo Colombati, Pietrangelo Buttafuoco; quest'ultimo gli ha dedicato un'intera puntata del suo programma 'Giarabub' su La7) uno dei massimi poeti italiani. Oltre 3000 pagine web attestano la continuità del suo lavoro di scrittore, conferenziere e performer.

Tra le opere poetiche uscite in volume singolo ricordiamo:

 'La casa cantoniera' ne La collana di Maurizio Cucchi, Stampa, Varese, 2001
 'La primavera ermetica', Manni, Lecce, 2002
 'Del sangue occidentale', Lietocolle, Como, 2005.

Suoi testi in antologie poetiche sono presenti presso gli editori Guerini & Associati, Crocetti e Marcos y Marcos.

Riguardo alle pubblicazioni di critica letteraria apparse in volume collettivi o riviste, conta circa 35 articoli specifici, nonché 7 prefazioni a volumi di narrativa e poesia.

E' collaboratore di riviste nazionali ed internazionali: Nuovi Argomenti (Mondadori), L'Immaginazione (Manni editore), YIP (Yale University), Gradiva (New York University), Poesia (Crocetti), Atelier, ecc.

In uscita nei prossimi mesi il suo primo romanzo 'La perenne ed improbabile storia di Giovanni Attanasio e del suo vascello di polistirolo' (del quale sono uscite anticipazioni su 'Il Riformista', 'Il Giornale' e su 'Nuovi Argomenti'; il romanzo è considerato da alcuni critici, come nel caso di Luigi Mascheroni ne 'Il Domenicale' del 21 aprile 2007, una vera opera rivelazione).
Ha pubblicato con eteronimi romanzi noir e fantasy.
In uscita per novembre (presso Lupo Editore) 'Teoria della Scrittura Creativa', saggio di fenomenologia e prassi della letteratura.

nella foto Michelangelo Zizzi e Diana di Lietocolle

HiPop su Salento web tv


SalentoWeb.Tv lancia un nuovo format. Ideato e curato da Stefano Donno, HI-Pop sarà un contenitore di idee e riflessioni, dialoghi e spunti, una finestra aperta sul mondo del web dove tutto è in continuo divenire. La rivoluzione digitale sta mutando i gusti, le tendenze, l'immaginario collettivo. Cambia anche il rapporto di ciascuno di noi con i prodotti di consumo di massa, che diventano sempre più easy e sempre più free. HI-Pop si occuperà di questo e di molto di più.
La prima puntata sarà on line da venerdi 23 gennaio 2009 alle ore 12,00. HI POP avrà cadenza quindicinale e, come tutti i prodotti targati SalentoWeb.Tv è aperta al contributo di idee e suggerimenti ed alla partecipazione di tutti.
Se siete sopravvissuti a Matrix, ai viaggi a velocità warp di Star Trek, se pensate che "Il signore degli anelli" sia solo un film, non avete visto HI-Pop. Hi-Pop sarà presentato in web conference da Icaro Internet & Cafè a partire da martedì 20 alle ore 12,00 su www.salentoweb.tv
Interverranno Stefano Donno, ideatore e autore del programma e Francesca Angelozzi, art director di salentoweb.tv

Vi aspettiamo su SalentoWeb.Tv!

giovedì 15 gennaio 2009

Il Fondo Verri lancia "Attore opera viva - basta una sedia?!

Fondo Verri/Teatro Blitz
Laboratorio teatrale “attore opera viva”
basta una sedia!?


Il TeatroBlitz/Fondo Verri riprende il percorso laboratoriale sull’arte dell’attore condotto dall’attore -regista G. Piero Rapanà
Il corso è rivolto ad un massimo di 10 partecipanti che vogliano avvicinarsi al mestiere dell’attore in un lavoro pratico sulle tecniche e i modi del fare teatrale, e in particolare sul Teatro di Parola.
Un percorso di ricerca e sviluppo delle capacità espressive , percettive e creative del proprio essere corpo/voce, per acquisire gli strumenti necessari per un lavoro di creazione del proprio essere “ autore/attore”.
Un lavoro sull’ascolto, sulla percezione e scoperta delle capacità fisiche, sensoriali, emozionali , attraverso la pratica delle tecniche essenziali del lavoro attoriale. Il corso avrà inizio il 31 Gennaio e si concluderà il 30 Maggio Frequenza bisettimanale, ogni martedì e giovedì dalle 19,30 alle 22.30.

Per info
Tel. 0832.304522
fondoverri@tiscalinet.it

mercoledì 14 gennaio 2009

Genesis P- Orridge



Genesis P-Orridge e gli Psychic Tv. Se n'è occupato negli ultimi due numeri di XL di Repubblica Carlo Lucarelli. Ma non basta. Dietro alla performatività artistica di G.P.O. esiste l'imperativo categorico della ri-definizione della persona e della personalità non solo in chiave organico-fenomenologica, ma anche in simmetrica decostruzione programmatica e continua della personalità ad ogni latitudine sovrastrutturale. Ma questo mi si potrebbe obiettare, l'ha fatto la Orlan ... certo, se escludiamo i rimandi ad Aleister Crowley e alla sua mistica!

sabato 10 gennaio 2009

Cristiano Ferrarese - 1976 (Hacca)

I matti non sono rivoluzionari. I matti non cambiano il mondo. Chi li ha strumentalizzati per fini ideologici, ha commesso un crimine. I matti sono malati: malati gravi che non sovvertono il mondo, ma che sono interiormente devastati da crolli, deformazioni visive, angosce, certezze assurde e sentimenti apocalittici. I matti non sono «buoni» e rassicuranti, né sono gli sconfitti del capitalismo, o le vittime dell'ordine sociale. I matti non vedono verità che altri non vedono. I matti hanno la testa infilata nelle centrifuga, e hanno il cuore in tumulto, come un tornado (e le mani bollenti di febbre). I matti parlano una lingua che non si capisce. E solo le «anime belle» fanno finta di capirci qualcosa. Nella trilogia di Cristiano Ferrarese - giunta al suo secondo tempo, dopo 1967 e prima di 1985 - la follia è ancora un «altrove» di questo mondo. E sempre, in Ferrarese, la metamorfosi, la mania, la paranoia sanno trasformarsi in discorso civile e politico. Il suo «delirio», però, non è utilizzabile dai turisti dell'antipsichiatria. E' un denudamento osceno. E non è una calligrafia dell'inferno, questo 1976. Non vi è il romanzo, il maledetto romanzo «cartesiano». La narrazione è sbriciolata, come dopo una granata. C'è solo odio, rabbia, nostalgia - e amore impossibile. Come nel paranoico per eccellenza (sua altezza Louis-Ferdinand Céline), anche qui la totalità è frantumata e sgretolata, e le parole mai sono belle, ma dette con sublime violenza: singhiozzando, piangendo, odiando, in una dolorosa condizione che è, insieme, sorgiva e terminale.

Andrea Di Consoli
www.hacca.it

domenica 4 gennaio 2009

MONICA SILVA - LIFE ABOVE ALL







ARTE FIERA OFF
BOLOGNA, 22 - 26 GENNAIO 2008


LIFE ABOVE ALL
FOTOGRAFIE DI MONICA SILVA da l’Antologia di Spoon River




Le opere di MONICA SILVA selezionate per l’evento di ARTE FIERA OFF costituivano il corpus centrale della mostra Life Above All, liberamente ispirata ai personaggi dell’Antologia di Spoon Rriver del poeta americano Edgar Lee Masters e tenutasi dal 18 settembre al 23 ottobre da MAZZOLENI ARTE – Milano.
Gli scatti di Monica Silva sono caratterizzati dall’uso di colori dal forte impatto emotivo in modo da sottolineare il paesaggio interiore del personaggio ritratto, messo in posa in ambientazioni eloquenti, scarne e al tempo stesso ricche di particolari come in un raffinato gioco di incastro in cui tutto è ugualmente imprescindibile. I personaggi descritti nei testi vengono interpretati con rara sensibilità dalla fotografa che, come sottolinea il titolo della mostra, per comunicare il messaggio che le ha trasmesso l’opera di Masters ha scelto come soggetti non persone anziane ma giovani nel pieno della loro vita: testimonianza dell’imperitura energia vitale.
Life Above All è opera prima da artista dell’autrice, finora nota in Italia e all’estero per i suoi intensi ritratti di volti noti dello spettacolo e della musica, nonché per i reportages pubblicati in note riviste di viaggio. Non che finora il suo lavoro non fosse artistico, semplicemente non era il risultato di un progetto che, come questo, partisse da una sua esigenza personale oltre che artistica: quella di dare un corpo ed un volto – anche psicologico – a quegli spaccati di umanità che hanno popolato l’infanzia di Masters nella provincia america del Mid-West all'inizio del XX secolo.


DATE:
22 – 26 Gennaio 2009. Le fotografie resteranno esposte fino al 9 Febbraio 2009
SEDE:
I Portici Hotel – Via Indipendenza, 69 – Bologna www.iporticihotel.com/
INFORMAZIONI:
Monica Silva info@monicasilva.it www.monicasilva.it
Mazzoleni Arte – Via G. Morone, 6 – Milano
tel +39 02 795026 - valeria@mazzoleni-arte.com


UFFICIO STAMPA

LIFE ABOVE ALL:

ANNA ORSI
STEFANIA SCHINTU
cell. 335 6783927
tel./fax 0289010225
cell. 347 0082416 fax 010383756
anna.orsi@alice.it
anna.orsi@pressart.eu i
nfo@stefaniaschintu.it
www.stefaniaschintu.it

venerdì 2 gennaio 2009

Giuseppe Petrilli ... pure troppo!


Riprendo le redini di questo mio spazio volendo farvi conoscere da subito per il nuovo anno (su segnalazione della esplosiva Claudia Laricchia) un personaggio, Giuseppe Petrilli, che mi ha colpito molto ... pure troppo direi! E il riferimento allo scrittore pulp (quello della Gialappa's di Mai dire Tv di qualche anno fa) Thomas Prostata non è a caso dal momento che nella mia escursione on-line sul sito e sul myspace di quest'artista mi sono venuti in mente un paio di icone mentali pop: per la letteratura Hank "chinaski" Bukowsky quello della "Macchina del sesso", "Donne", "Storie di ordinaria follia" e Allen Ginsberg e il suo "L'Urlo"; per il cinema "Sin City" e "Pulp Fiction"; per la musica Genesis P-Orridge degli Psychic TV ... E i riferimenti provenienti dal mercato spettacolare della sociologia delle comunicazioni di massa, per questo artista potrebbero aumentare esponenzialmente (è cosa buona e giusta che sia stato recensito sulla stampa periodica di Coniglio) dal momento che come Idra dalle mille teste la sua fame di iconografia viene a essere colmata proprio da ciò che sotto i nostri occhi costituisce il nostro pane quotidiano ovvero l'esserci per Youtube, Wikipedia, YouPorn e affini. Le immagini sono hi-speed-teck, ovvero ad alta definizione, o iper-definizione per essere ancora sui crinali della contemporaneità, nulla viene lasciato all'immaginazione, il tratto deciso è dermograficamente pulsante tanto che i corpi, non assurgono più a ruolo di image di idea del corpo, ma di puro feticcio da consumare nello shock per lo shock di una spinta ketaminica del produci-consuma-crepa. Così parla di lui sul suo myspace: "Dipingo e suono il Blues. Dipingo il “blues” come Kerouac scriveva il bebop… intendendo con questo termine uno stato d’animo, un insieme di sensazioni: ciò che mi muove, sia nella musica, che nella pittura è la passione, nient’altro. Così mi rifaccio a ciò che più mi piace e mi emoziona: il cinema, la musica, ma soprattutto la sensualità e la seduzione femminile. Il subbuglio emotivo che ne deriva si tramuta in segni, curve morbide e colori, per rivivere all’infinito nell’opera d’arte. Sono direttore artistico del jazz club "Lupus in Fabula" di Lucera."

Questi i suoi riferimenti:

www.petrilliartworx.it/
www.myspace.com/giuseppepetrilli

Le opere riportate in questa sede sono di Giuseppe Petrilli

Macro pop 2