Stefano Donno on twitter

sabato 28 febbraio 2009

Nature Mutations

Domenica 08 marzo alle ore 19:30 con la spettacolare performance sul rapporto Uomo-Natura e dal vivo “Plink” ideata e curata da Massimiliano Manieri performer.

“Plink”,performance 2008

Progetto, regia e performer: Massimiliano Manieri (1968 Copertino, Le)
Assistente di scena e segretaria di produzione: Claudia Ingrosso (1972,Lecce)
Riprese : Andrea Federico (1980, Casarano, Le).
Montaggio audio e video : Emanuele Franchini (1977, Lecce)

“La tematica della mostra nasce dall’esigenza di indagare il rapporto tra arte, scienza, natura e nuove tecnologie. Con “Nature Mutations” entriamo nello specifico di una delle tante problematiche che assillano l’uomo ed il suo habitat cercando di analizzare ciascuno degli interventi proposti dagli artisti invitati.
La mutazione si sa, è il processo naturale dell’evoluzione.
Luce e creazione del cosmo nelle ipnotiche opere dell’inglese Paul Davies e dell’americana Karen Neill che porta in mostra il movimento fluido del cristallo liquido e della sua natura molecolare come anche nelle “mutazioni in oro” per l’artista irlandese TJ Miles (vive ed opera anche in Spagna). Al microcosmo ed ai suoi frammenti organici, guarda l’installazione di Pauline Thompson che porta in mostra cento tessere piccolissime. La mutazione indica la ciclicità evolutiva del cosmo, della Terra e degli esseri che la popolano. Sull’evoluzione della terra, gioca l’artista israeliana Liora Rosenman che porta in mostra la creazione dell’acqua e del fuoco, mentre l’americana Irina Kassabova ci invita ad osservare la struttura di creature fossilizzate. Esse parlano di forme viventi che oggi non ci sono più, si sono evolute ma rimane lo spirito come dicevano gli antichi dell’animale precedente. Sul concetto della Terra come una grande massa d’acqua popolano le strane meduse della pugliese Angioletta De Nitto, a metà tra esseri alieni e esseri acquatici che nuotano nello spazio o su esseri zoomorfi, né piante, né animali, né pietre con l’installazione della milanese Maria Luisa Imperiali che li preserva da un futuro remoto. Natura e mondo organico in generale nelle opere fotografiche dell’artista svizzera Shelley Vouga. Più onirica e sognante la trasformazione dello spazio, della natura e della sua storia con le opere pittoriche dell’americana Melissa Furness che gioca sugli esseri unicellulari a metà umani e per metà cellule. Ed ancora con i “cuori chirurgici ” del leccese Francesco Sticchi che riflette sul rapporto tra natura, medicina e scienza.
Sul rapporto Uomo-Natura riflette Massimiliano Manieri, Marco Utili e l’israeliana Dima Noff.
L’americano Doug Baird, guarda al cambiamento della natura incontaminata e alle contaminazioni dovute all’uso di sostanze inquinanti. Stesso concept per la canadese Mary Jane Jessen, che ci mostra paesaggi acquatici contaminati e ridotti ad una desertificazione innaturale. Natura come mutazione identitaria nelle opere dell’austriaca Helga Traxler e identità fantascientifica nelle opere di Miska Tor giovane artista del Sudan. Sulla tecnologia cibernetica e l’essere umano ma anche su certe malformazioni gioca la ricerca della artista belga Christine Ligi.”


Evento: NATURE MUTATIONS
Giorni e Orari Visite: dal lunedì al venerdì ore 11 – 19, sabato ore 17 - 20
Sede: Primo Piano LivinGallery
Indirizzo: Puglia - Lecce - Lecce | Viale Guglielmo Marconi 4
Telefono Sede: 0832.304014
Sito Web: www.primopianogallery.com
Email: primopianogallery@libero.it
Curatori: Dores Sacquegna
Artisti: Collettiva artisti internazionali
Catalogo available

venerdì 27 febbraio 2009

Minime

Libri Aparte presenta "Minime", un nuovo catalogo progettato e ideato dagli autori Mauro Bendandi e Roberto Pagnani che presentano dodici studi pittorici a tecnica mista dedicati agli oggetti. Lampadari, prese elettriche, pomelli di rubinetti, caffettiere, lampadine, zuccheriere, bicchieri, bottiglie e tazzine compongono una galleria di figure scaturita del desiderio di raccontare tutto ciò che capita
sotto mano nella profusione quotidiana degli oggetti con cui si entra in contatto e viene scelto per diventare occasione di sguardo e di sospensione.

Minime è composto da un astuccio quadrato contenente dodici cartoline dedicate ai particolari delle opere di Mauro Bendandi e Roberto Pagnani, presentate dal testo di Viola Giacometti e accompagnate da un inedito componimento del poeta Valerio Fabbri.

Venti esemplari del libro contengono una doppia incisione a punta secca dei due autori a tiratura limitata che sarà disponibile alla vendita solo sul sito www.libriaparte.it.
"Minime" è presentato in occasione della mostra "Casa di Cose", opere di Mauro Bendandi e Roberto Pagnani

Teatro Rasi - Ravenna
Inaugurazione venerdì 27 febbraio 2009
ore 18.00

Minime è disponibile presso il bookshop del Teatro Rasi e sul sito www.libriaparte.it

giovedì 26 febbraio 2009

Il sogno e l'approdo per Sellerio

Salvatore Ferlita presenta il volume Il sogno e l’approdo pubblicato dalla casa editrice Sellerio. Gli scrittori Maria Attanasio, Davide Camarrone, Giosuè Calaciura, Santo Piazzese, Gaetano Savatteri e Lilia Zaouali si confrontano in questo libro sul tema del rapporto tra la Sicilia e lo straniero.
Dai loro racconti verranno tratti degli spettacoli teatrali che il Circuito teatrale regionale siciliano metterà in scena nel corso del 2009 in sei teatri della provincia siciliana - Biancavilla di Sicilia, Caltagirone, Comiso, Modica, Racalmuto e Villafrati - nell’ambito del progetto “Scenario Mediterraneo” realizzato con il sostegno dell’Assessorato al Turismo della Regione Sicilia.
Partecipa all’incontro l’Assessore al Turismo della Regione Sicilia On. Titti Bufardeci.
Saranno presenti gli Autori.

Il tema dello straniero, dell’altro da sé, in sei racconti inediti di altrettanti scrittori siciliani, o quasi (Lilia Zaouali da anni risiede a Palermo).
Sono racconti ambientati in epoche diverse sulle rive del Mediterraneo, mare che separa ma anche unisce “collezioni di regioni isolate che tuttavia si cercano costantemente le une con le altre, donde tra loro un costante andirivieni, nonostante le giornate di cammino o di navigazione da cui sono separate”, ha scritto Fernand Braudel.
Al centro la Sicilia, l’isola che meglio vale a illuminare la storia mediterranea, da sempre luogo di crocevia etnico, approdo di culture diverse, luogo strategico del mare nostrum e punto di attrazione irresistibile per viaggiatori di tutti i tempi e di tutti i paesi.
Nel Decalogo di Nordìa di Maria Attanasio una donna straniera si trova catapultata in un paranoico condominio di privilegiati a Nordìa, città immaginaria nata dopo la ‘Grande Emergenza’. Una storia fantastica, ma poi non tanto lontana dalla realtà.
Giosuè Calaciura, scrittore che ha già dato prova della sua sensibilità al tema dello straniero e all’Africa, assume nel Mare è piccolo ma Dio è grande il punto di vista di quelli che arrivano, per i quali l’approdo è una specie di visione, di allucinazione disperata.
In Questo è un uomo di Davide Camarrone Osea, immigrato di seconda generazione, giornalista, italiano a tutti gli effetti, si finge clandestino. Rinchiuso in un cpt siciliano, viene espulso e “rimpatriato” in Libia dove patisce sofferenze e degradazione fino all’annientamento.
Santo Piazzese racconta Il viaggio segreto di Niels Bohr a Palermo. Il Premio Nobel per la fisica del 1922, il danese Niels Bohr, si trova in città. Non è un viaggio di studio, ma nessuno conosce il vero motivo della sua presenza a Palermo. Una sera Bohr si ritrova all’Arena Perla, il cinema all’aperto dove danno vecchi film western.
Siracusa 1837, scoppia un’epidemia di colera. Un francese viene accusato di avere propagato il morbo. è L’infame agente Bainard di Gaetano Savatteri. La paura lo spinge alla confessione mentre la folla inferocita lo assale. Anni dopo un senatore siciliano fra i banchi di Palazzo Carignano racconterà la storia al collega Alessandro Manzoni.
In La pupa di zucchero di Lilia Zaouali, Faika, tunisina, viene a Palermo per incontrare la figlia Neyla. Faika è vedova, ha una nuova relazione che vuole regolarizzare con il matrimonio, ma non prima che la figlia si sia sposata; Neyla convive con Pietro, ma all’insaputa della madre. Segreti e bugie tra i mercati di Palermo, una commedia degli equivoci.

mercoledì 25 febbraio 2009

Porno Start

A Milano una rassegna artistica sul tema della pornografia e dell' erotismo.Una mostra non “facile” in una città che spesso ha adottato la censura come unico mezzo di confronto su questi temi.Porno start, un titolo certo provocatorio forse ancor più delle intenzioni curatoriali. Una collettiva che nasce dalla consapevolezza che l'erotismo, la pornografia e il sesso sono sempre stati temi centrali dell'arte e che la creazione artistica stessa possa essere interpretata come atto erotico che genera forti pulsioni vitali.Le opere in mostra, frutto delle più svariate forme espressive, mettono in evidenza le fantasie, i gusti e l’interpretazione che ogni artista dà sull’argomento.Dall’erotismo estetico di Buttò, alla poetica new pop dal taglio sottile e ironico di Papeschi alle immagini spesso sarcastiche di Benaim.I linguaggi artistici utilizzati spaziano dall'arte digitale alla pittura, dall'arte performativa alla fotografia.L'intento è di non mostrare una sessualità fine a se stessa, ma la componente erotica dell'arte in una grande varietà di stili e di ricerche. L'erotismo che appare in queste opere è quindi spesso solo allusivo. L'esposizione privilegia infatti un erotismo molto estetizzante. Un Eros in cui le figure rappresentate consumano poco sesso. La sessualità si consuma piuttosto nello sguardo dell'artista, nel suo rapporto creativo con l'oggetto raffigurato o in una riflessione critica e sociale del ruolo della pornografia e dell'erotismo.L’atteggiamento nei confronti del sesso e dell’erotismo è oggi cambiato?Indubbiamente c’è un grande interesse per le opere artistiche che mettono assieme letteratura, arte e pornografia. Partendo da questa certezza, possiamo ritenere che la mostra sia non solo accettabile, ma che possa riscuotere un forte interesse.PORNO START , start come inizio di una triade di collettive sui temi che muovono lo spirito e le dinamiche umane da sempre: il sesso, la religione e il potere.L'intenzione è di cogliere una visione finale che evidenzi i legami, le interazioni, le conflittualità e contraddizioni dell'una nei confronti delle altre.


ARTISTS: Andy, Angela Loveday, Danilo Pasquali, David Rosado, Emanuele Benedetti, Fabio Ballario, Gaetano Leonardi, Giuseppe Petrilli, Japi honoo, Laurent Benaim, Massimo Festi, Max Papeschi, Persefone Zubcic, Roberto Pattina, Saturno Buttò, Tom Porta, Xante Battaglia, Xena Zupanic, and more.


In Milan, the first art exhibition of pornography and eroticism theme.This is not a “simple” exhibition for a city which has often censured without comparison in this way.Porno Start under a title certainly provocative maybe ever more curatorial intentions.A collective exhibition born by knowing which eroticism, pornography and sex always was one of principal theme of art and also create it’s erotic note generating strong vital impulses.The works on show, in various forms of expression, show the fantasy preferences and interpretation from the single artist of argument.From aesthetic eroticism by Buttò to new pop poetic with subtle and ironic meaning by Max Papeschi to sarcastic images by Benain.The artistic language used to differentiate among themselves, from digital paint to performance art and photography.The intention does not show the sexuality's sake, but the artistic erotic component in more and different style and research. The eroticism which is shown, are often allusive.The exhibition favour a very aesthetic eroticism. The figures which are represented here, consume little sex, the sexuality is consumed in the artist’s creative relation with his object or in critical reflection of the role pornography and eroticism.Does the behaviour of the people change in front of sex and eroticism today?There is a big interest in artistic works which are combined with literature, art and pornography.Starting from this point, we can believe that the exhibition will be not only accepted by the people but also will take their attention.PORNO START, start like one of the beginning triad collections on themes which move the spirit and human dynamic from ancient times; sex, religion and power.The intention is the combine the final vision which demonstrate relations, interaction, conflicts and contradiction between each subjects.

ARTISTS: Xante Battaglia, Saturno Buttò, Andy, Xena Zupanic,Laurent Benaim, Max Papeschi, Danilo Pasquali, David Rosado, Roberto Pattina, Persefone Zubcic, Massimo Festi, Giuseppe Petrilli, Anonimo, Emanuele Benedetti, Japi Honoo, Tom Porta and more.


Ufficio Stampa:
VOGHERA11 ARTGALLERY
via voghera, 11 20144 Milano
www.voghera11.com info@voghera11.com
tel/fax:02 39811630
mob: 3481009715
vietato ai minori
www.voghera11.com

lunedì 23 febbraio 2009

I Templari di Arcadia su Salento web Tv


Stefano Donno intervista Valentino Zanzarella, Gran Maestro dei Templari di Arcadia di Lecce. Che senso ha oggi, definirsi ed essere un templare? I Templari usano la Rete? Sono su Facebook? In questo nuovo appuntamento di Hi-Pop si parlerà anche di cool technology con la presentazione della rivista XL di Repubblica e del game per PS3 e X-BOX Assassins, di chiara ispirazione templare.

Questo è il link:
http://www.salentoweb.tv/index.php?option=com_seyret&task=videodirectlink&Itemid=2&id=334

sabato 21 febbraio 2009

Il Bardo ... una casa editrice al femminile a cura di Paola Valentino, Anastasia Leo, Ludovica Leo

“Il Bardo” nasce nel 1991 dalla necessità di far conoscere la storia e la cultura salentina. Il primo numero esce nel settembre di quello stesso anno, contiene pochi articoli e qualche poesia. Non si può certo definire un bel giornale, però ha attirato la curiosità di alcuni storici salentini. Infatti, dal secondo numero, pubblicato nel dicembre dello stesso anno, inizia la collaborazione con grandi firme della cultura salentina: Giancarlo Vallone, Cosimo Franco, Giovanni Cosi, Fernando Verdesca, Mario Cazzato, Alvaro Ancora, Arturo Alessandri, Vittorio Zacchino, Antonio De Meo, Alessandro Laporta, Gino Pisanò, Giovanni Greco, Ennio Bonea, Donato Valli, Luigi Manni, Mario Marti, Elio Paiano, Antonio Faita, Paolo Vincenti, Maurizio Nocera e tanti altri, che a titolo gratuito, hanno dato la loro collaborazione per la realizzazione di questi “fogli di culture”. Nel novembre 1995, nasce “Allestimento – Prove di scrittura-“ fortemente voluto dal direttore editoriale Maurizio Leo, il quale annovera tra i suoi collaboratori i nomi più conosciuti del panorama poetico salentino, come Carlo Alberto Augieri, Stefano Donno, Walter Vergallo, Pierpaolo De Giorgi, Arrigo Colombo, Giuseppe Conte, Antonio Errico, Nicola De Donno, Anna Maria De Benedittis Presicce, Pierlugi Mele, Antonio Iaccarino, Salvatore Caliolo, Vito Antonio Conte, Carlo Stasi, Eugenio Giustizieri, Rossano Astremo, Massimo Manieri, Rosanna Gesualdo, Elio Coriano, nonché lo stesso Maurizio Leo e altri ancora. Sempre nel Novembre ’95, Caterina Gerardi inizia la sua collaborazione grafica fornendo le foto per la prima pagina de “Il Bardo“ e per “Allestimento “ .
Nel 1992 nasce la piccola casa editrice “I quaderni del Bardo” , paragonabile solo per qualità editoriale alle pubblicazioni di Vanni Scheiwiller. Non ha una distribuzione, né un catalogo, non ha un ufficio stampa, non ha un correttore di bozze, eppure fra i suoi 16 titoli troviamo nomi come Paolo Valesio, direttore del dipartimento di italianistica dell’università di Yale, di cui pubblica nel 1999 lo splendido “Anniversari” E ancora un inedito di Vittore Fiore “Nicola a Copertino” (2003), ha fatto ruotare attorno a sé nomi come Rina Durante, Massimo Melillo e Domenico Fazio. 5 i titoli che Maurizio Leo pubblica con “I Quaderni del Bardo”: “Dogmaginazione” (1992); “L’Albergo di latta” (1994); “Fobia” (1995); “non suona più il jukebox nell’appartamento di Allen” (1998); “Il bazar delle parole scomposte” (2002). Nel 1993 Vittorio Zacchino con “Religiosità e tradizione nelle poesie di San Giuseppe da Copertino”; nel 1996 Eleandro A. Buongiorno con “Varvara, Q6 – tra i pispilî del tempo”, Armando Giorgi con “Le pantere grigie”, Carlo Tundo con “Nequizia”. Nel 2000 Stefano Donno pubblica “Monologo - +” , mentre nel 2003 Giovanni Cosi edita “Sette lustri di vita lequilese”; ed ancora nel 2004 “Figli di vostro padre uccidete” di Maurizio Nocera e “Dolorosa impotenza del mestiere delle parole” di Elio Coriano. Nel 2000 viene pubblicata “Absentia” piccola antologia che raccoglie i contributi, di quanti sono in prima linea sul piano poetico, a diretto contatto con un pubblico, quello dei pub, molto spesso non sempre disposto all’ascolto. Hanno scritto per questo volume: Stefano Donno, Maurizio Nocera, Elio Coriano, Rosanna Gesualdo, Mauro Marino, Piero Rapanà, Antonio Tarsi, Massimiliano Manieri, Antimo Margiotta e Maurizio Leo.





IL BARDO
Via Regina Isabella, 2/D
73043 Copertino (LE)
Info: foglidiculture@libero.it

venerdì 20 febbraio 2009

Il Centenario di Pietro Argento a Gioia del Colle il 7 e 8 marzo 09


Il 7 marzo del 1909 nacque a Gioia del Colle il Maestro Pietro Argento, celeberrimo direttore d’orchestra e compositore pugliese. L’Assessorato alla Cultura del Comune di Gioia del Colle unitamente alle Associazioni “Daniele Lobefaro”, Amici della Musica “ P. Falcicchio”, Associazione Turistica Pro Loco e la Biblioteca Comunale “Don V. Angelilli” hanno voluto celebrare il centenario della nascita del musicista gioiese con alcuni importanti appuntamenti che si terranno a Gioia del Colle il 7 ed 8 marzo 2009.
Le celebrazioni si apriranno il 7 marzo alle 10,00 con l’ inaugurazione della via intitolata al M° P.Argento (ex trav. via Pastore).
Dalle 9,00-12,00 “Pietro Argento e Gioia del Colle”, per gli studenti delle Scuole Medie e Superiori a cura del dott. Gianfranco Amatulli del prof. Franco Giannini, della dott.ssa Paola Sorrentino.
Alle 11,00 presso l’ ex Distilleria (via Paolo Cassano) si terrà l’ inaugurazione della mostra fotografica “Banda, bandisti, Maestri”. A seguire, dalle 11,30 e fino alle 17,00 visione del dvd sulla figura del Maestro a cura dell’ Ass. Musicale “Daniele Lobefaro”, post produzione di Matteo Notarnicola.
Nel pomeriggio, alle 17,30 sempre nell’ ex Distilleria (via Paolo Cassano) si terrà il convegno “Pietro Argento e il suo tempo “.
Interverranno: il Sindaco dott. Pietro Longo; i figli del Maestro: Signora Teresa e dott. Giampiero Argento; dott. Franco Chieco; dott. Gianfranco Amatulli, prof. Franco Giannini, M° Michele Marvulli, avv. Gianvito Pugliese, dott. Nicola Sbisà, dott.ssa Paola Sorrentino, Sig. Giuseppe Vasco.
Il giorno 8 marzo, alle 19,30 si terrà il concerto conclusivo che vedrà in scena al Teatro Comunale “Rossini” il Quartetto Meridies (ingresso libero).


Pietro Argento, nato il 7 marzo a Gioia del Colle nel 1909, iniziò gli studi musicali sotto la guida del padre Prof. Giacomo Argento compianto e mai dimenticato solista di flicorno tenore del Premiato Concerto Bandistico Città di Gioia del Colle.

Proseguì i suoi studi al Conservatorio di Napoli ove studiò pianoforte, organo e oboe e conseguì il diploma di composizione sotto la guida di F. Cilea e di direzione d’orchestra. Presso l’Accademia di Santa Cecilia sotto la guida del M° B.Molinari, conseguì il diploma del Corso superiore di perfezionamento per direttore d’orchestra.

Dopo essere stato maestro dell’orchestra sinfonica dell’Accademia di Santa Cecilia è stato direttore stabile dell’Orchestra sinfonica della RAI di Milano, dell’Orchestra dell’Urbe, dell’Orchestra da camera della “Società del quartetto” di Roma e direttore stabile dell’orchestra sinfonica di Bari.

Strepitosi i successi in Austria, Cecoslovacchia, Francia, Germania, Grecia, Portogallo, Svizzera e URSS. Si ricordino per tutte, le numerose tournées ufficiali nell’ex Unione Sovietica (Mosca, Leningrado, Kiev, Odessa, ecc.) alla presenza del mondo artistico, culturale e politico del Paese. È stato il primo Direttore d’orchestra occidentale ad incidere con l’Orchestra Sinfonica di stato dell’ex URSS a Mosca.

Ha diretto i più grandi nomi del concertismo mondiale: Oistrach, Rubistein, Kempff, Rostropovic, Magaloff, Bachaus, Gilels, Malinin, Stren, Navarra Orsovsky, Wiessemberg, Ferras, Milstein, ecc..

Ha composto musica sinfonica, da camera, di scena, musica da film e documentari.

Docente titolare della cattedra di direzione ed esercitazioni orchestrali del Conservatorio di Santa Cecilia dal 1952.

Ha registrato per la R.C.A., Mercurio, Angelicum, Urania ecc..

È stato insignito di varie onoreficenze nazionali e straniere. Nel 1963 il Presidente della Repubblica gli ha conferito la Medaglia d’Oro di I classe di Benemeritodell’Arte e della Cultura.

E’ scomparso nel 1994.

giovedì 19 febbraio 2009

Domenico Protino torna a Vina del Mar in Cile

Il cantautore Domenico Protino è pronto a partire alla volta del Cile, dove parteciperà al 50° Festival de La Canción Internacional de Viña del Mar (23/28 febbraio 2009) che ha vinto lo scorso anno con il brano "La guerra dei trent'anni" e che riproporrà in questa edizione straordinaria che prevede la gara tra le canzoni vincitrici degli ultimi anni (2001-2008), per festeggiare il 50° anniversario della manifestazione. Il brano "La guerra dei trent'anni" affronta l’attuale tema della meritocrazia e della tenacia necessaria nel perseguire i propri obiettivi.
Il Festival della canzone di Viña del Mar è la kermesse musicale più importante di tutta l’America Latina e molto spesso è la porta di accesso al ricco mercato sudamericano e occasione di promozione intercontinentale. Oltre alla gara lo spettacolo prevede la partecipazione di importanti ospiti nazionali ed internazionali. Domenico Protino avrà l’onore e l’onere (come unico rappresentate italiano in gara) di condividere il palco con i Simply Red e il grande Santana oltre alle star del firmamento musicale sudamericano.
Sarà possibile seguire la manifestazione in televisione (con l’antenna parabolica) oppure collegandosi al sito internet http://www. canal13.cl Domenico Protino ha da poco pubblicato in Italia il suo album d’esordio prodotto da Progetto Musica e distribuito dalla Warner Music Italia. Attualmente il singolo “La Guerra dei trent’anni” sta imperversando anche nelle radio cilene entrando direttamente in classifica. A breve verrà lanciata la versione spagnola de “La guerra de los treinta años” che anticiperà l’album realizzato interamente in spagnolo e che verrà proposto in tutta l’America Latina.

venerdì 13 febbraio 2009

NOMADINCONTRO

Fino a ieri era il popolo Nomade ad andare da Augusto, oggi è Augusto a bussare alle case di tutti coloro che ne hanno amato la voce, la personalità, il carisma e l’umanità. Il XVII° tributo ad Augusto Daolio, indimenticato cantante dei Nomadi, si terrà sì a Novellara sabato e domenica prossimi, condotto da Red Ronnie, ma sarà anche possibile seguirlo comodamente da casa, in diretta in tutto il mondo su www.macy.it, la televisione musicale ad alta definizione diretta da Massimo Cotto, e su www.nomadi.it


L'evento della diretta sul web – con i concerti, le interviste, i dietro le quinte, gli omaggi e la magia di un raduno unico in Italia - è realizzato in collaborazione con Pulsemedia, una casa di produzione multimediale con sede a Barco di Bibbiano, in provincia di Reggio Emilia, specializzata nella realizzazione di webTV e nella distribuzione di contenuti video su Internet. Tra le pochissime in Europa, è dotata di una regia mobile con link satellitare dedicato in grado di trasmettere eventi in diretta sul web in alta definizione da qualsiasi parte d'Europa. L’intera struttura di Macy.it si sposterà a Novellara per il prossimo weekend, per testimoniare un incontro davvero speciale.



Sarà quindi sufficiente accedere alla homepage di www.macy.it e poi tramite link dedicato godersi i Nomadi, Giusy Ferreri, Ligabue, Massimo Bubola, Domenico Protino e la grande musica di Nomadincontro. Comodamente a casa tua, ovunque tu sia

fonte iconografica Ginko53

martedì 10 febbraio 2009

Frammenti di un interno di Vito Antonio Conte

Vito Antonio Conte, torna in libreria con un secondo romanzo dal titolo Frammenti di un interno (Luca Pensa editore pp. 114, euro 12), all’interno della collana AlfaOmega.
Ne proponiamo un estratto:
"Alex e Chiara, un tempo non lontano, si erano amati, poi perduti e rincorsi senza più trovarsi. Nessuno dei due aveva mai dimenticato i giorni e le notti, i lunghi viali alberati a palmizi sino a vecchie dimore patrizie abbandonate e le spiagge tanto desolate quanto belle fuori stagione, inutilmente percorse (tempo dopo) da soli.
Non s'erano più incontrati.
Pensavano sempre la stessa cosa l’uno dell'altra.
E si rincorrevano.
Si cercavano senza incontrarsi.
In esistenze parallele.
Dove non erano riuscite le loro nostalgie malate arrivò l'Agenzia.
Ma, quando videro se stessi riflessi nello specchio degli occhi dove riposa l’unica verità, le loro anime non erano più le stesse.
Li ho visti abbracciarsi come fratelli.
Come fratelli litigare.
E scambiarsi casti baci.
Senza più passione.
Tutto il sentimento bruciato a cercarsi in tracce concentriche.
Io, invece, ero perduto già da molto tempo quando li conobbi.
Irrimediabilmente perduto.
O, forse, perso (che rende meglio l'idea a coloro i quali non hanno mai visto i miei passi per strada).
Perso di sogni e nei sogni.
Perso di sconfitte non scritte.
E di vittorie mai celebrate.
Ma soprattutto nello spazio e nel respiro librato nel cielo quando ormai il tempo non ha più alcuna importanza.
Walles e basta.
Nessuno mi aveva mai chiamato in modo diverso.
Walles!
Walles dei passi mai finiti.
Dei bar notturni.
Degli inciampi.
Dei tempi chiari e delle tempeste.
Degli sbandamenti e degli errori… quanti errori, ma soprattuto quel…
l'unico errore della mia vita
a parte la scelta della facoltà universitaria e, dopo, il lavoro
l'unico errore dicevo
a parte la decisione di vivere in quel cazzo di posto o in quel posto del cazzo (che, poi, non è come dire esattamente la stessa cosa)
l'unico errore che, invero, considero tale
a parte quel viaggio non fatto
ma l'unico vero errore
se non considero quell’altro viaggio che, invece, ho fatto
l'unico errore che riconosco davvero
prescindendo da quella volta che
e, insomma, l'errore vero
se mal non ricordo
che errore
quando Elena mi chiese l'accapatoio, nuda nella doccia del bagno di casa mia, e poi mi chiamò e mi chiese cos'era quel piccolo rigonfiamento sulla sua coscia destra (adiacente un altro monte, però mitico) e io ignorai il grande rigonfiamento tra le mie di gambe passandole la Prep (quella mirabile e miracolosa pomata pluriuso e, in quel caso, unica crema a disposizione –me tapino- per lenire l’infiammo da puntura di zanzara, lasciando in fiamme ben altri rossori)
alla fine
l'unico errore degno di tal nome
se non tengo conto delle altre... punture di zanzara
ma sì, quel cazzo di errore
aiutami a rammentare, cosa?
dici che ho sbagliato tutto? - SARA'!?!
Ma senza quegli errori non avrei visto gli orrori e sarei niente e niente sarebbe rimasto della purezza, di quella purezza che porta all'errore e lo contiene, di quella purezza che si tiene al largo dagli orrori, di quella purezza... così pura."

(Estratto da "Frammenti di un interno", capitolo VII, "Ogni pretesto è buono se è seguito da... un testo")

lunedì 9 febbraio 2009

Tra melma e sangue. Lettere e poesie di guerra, di Clemente Rebora, a cura di Valerio Rossi, Interlinea edizioni. Recensione di Nunzio Festa

Tra melma e sangue è un’opera da custodire. Rossi, il curatore dell’imponente lavoro, ha compiuto un’operazione che potrà essere segnalata per anni. Le righe di una recensione, lunga o breve che questa sia, non potranno mai presentare in maniera adeguata il volume. Che tanto per cominciare, le poesie sono tutte commentate. Eppure è indispensabile e doveroso dire. Clemente Rebora, il Rebora di queste poesie e lettere, da più parti definito tra i migliori poeti del Novecento italiano, suda versi in tempo di Prima guerra mondiale che fanno marcire ogni pur piccolissima idea sul fatto che la guerra possa non essere la più grande barbarie voluta dall’uomo. Siamo di fronte a un dramma e il dramma vitale di Clemente Rebora è scritto con poesia drammatica. Due pezzi estorti al libro servono per argomentare l’unico punto che forse con meno forza era venuto fuori. “La sciagura ritmava in lontananza; / Or s’avvicina. Il patrio terreno / In bilico, già crolla: / E’ un invito di danza… / Signori, alla coda!”. Il secondo: “Poesia, arpeggiante / Zanzara che succhi dal sangue, / Or ciascuno t’intende / E si difende”. I due estratti, in parallelo, ci spiegano di un elemento unico. La poesia di Rebora, nei contenuti, dimostra quello che la guerra provoca nell’individuo oltre che nelle categorie e persino nelle classi. Il canto individuale ma frutto di una sostanza collettiva, il canto spropositato in quanto pure privo a grandi linee di liricità, dice di quello che la guerra combina in ogni uomo e non solamente negli uomini tutti. La tanto citata spiritualità di Rebora è proprio questa prova. Il prima e il durante la guerra, con tutto il suo dopo, sono la poesia stessa di Clemente Rebora, anzi un pezzo della sua esistenza appunto provata dallo sconvolgente avvenimento. I versi di Rebora, ma persino le lettere, riproducono (termine qui utilizzato in chiave comunque salvifica per l’autore) l’animo dell’io di ciascun individuo a contatto con la tragedia.

sabato 7 febbraio 2009

HiPop: la seconda pelle della scrittura. Ospite Luisa Ruggio

On line la seconda puntata di Hi-Pop su salento web tv dal titolo La seconda pelle della scrittura. Ospite in questo secondo appuntamento la scrittrice, giornalista e blogger Luisa Ruggio che parla del ruolo della scrittura non solo negli ambiti strettamente letterari ed editoriali, ma anche tra le maglie e i pluriversi della Rete. Viene inoltre presentata l’interessante pubblicazione de Il Sole 24 Ore in collaborazione con Nova su Facebook dal titolo Il fenomeno Facebook – La più grande comunità in Rete e il successo dei social network. Ovvero: il fenomeno Facebook ai raggi X, i legami, i gruppi di amici, i comportamenti, i dati e le condizioni, le regole e le avvertenze.
La seconda puntata di Hi-Pop è visibile a questo link:
http://www.salentoweb.tv/index.php?option=com_seyret&task=videodirectlink&Itemid=2&id=296

mercoledì 4 febbraio 2009

Non è un gioco. Appunti di viaggio sulla poesia in America Latina, di Carlo Bordini, Luca Sossella editore 2008. Recensione di Nunzio Festa

Bordini attraversa un paesaggio vivo e poetico. Con Non è un gioco, Carlo Bordini da a lettrici e lettori d’Italia, mediante un opuscolo sentimentale, la possibilità d’entrare in contatto con la visione della poesia e non solamente con la poesia stessa d’America Latina. Il piccolo fiore di Bordini è “il rapporto” del suo viaggio nella colombiana Bogotà in occasione del festival di poesia. “Mi sono imbattuto in una società piena di gravissimi problemi (una guerra civile che dura da moltissimi anni, il traffico di droga) ma animata da una grande tensione etica per cercare di risolverli e, soprattutto, da una tensione etica che si avvale del veicolo della parola, della poesia, come uno degli strumenti necessari e portanti per rifondare la società”. Così apre per presentare il volume, Bordini. Per aggiungere, ancora, che “la realtà che tanto mi aveva appassionato non era circoscrivibile all’area della Colombia, ma che quest’area doveva essere allargata”; dunque, “in questo piccolo libro ci sono anche delle testimonianze che riguardano l’Argentina, il Messico e anche la Spagna, una realtà così vicina e oggi tanto lontana da noi”. L’autore mangia e beve la tensione etica e il desiderio che incontra in pezzetini giganti di periferia che nei momenti più forti arrivano persino a innalzare la poesia a esperienza più importante da sostenere. A volte, addirittura, quale unica possibilità di futuro. Grazie a Carlo Bordini sappiamo cosa ci stiamo perdendo invece da queste parti. Ovvero dove la poesia, e persino la semplice parola, non vale praticamente più – molto spesso - un cavolo. L’America Latina invece presenta l’amore per la parola. L’America Latina ha eletto a forza capace di giorni e notti la poesia. In Colombia, per esempio, può persino succedere che un sodato fra tutti quelli che devono pattugliare la nazione si fermino per bloccare un poeta e chiedere lui un autografo o la lettura di un verso.

Non è un gioco. Appunti di viaggio sulla poesia in America Latina, di Carlo Bordini, Luca Sossella editore (Roma, 2008), pag. 62, euro 7.00.

Macro pop 2