Stefano Donno on twitter

martedì 13 luglio 2010

Cento volte buonanotte di Paola Borracino (Wip edizioni)











Interessante esordio il romanzo (a mio avviso sarebbe meglio definirlo un racconto lungo) di Paola Borraccino dal titolo “Cento volte buonanotte” pubblicato dalla brava casa editrice WIP Edizioni. L’autrice, originaria del capoluogo pugliese, dove stanzialmente vive, ha – ma guarda un po’ – una formazione classica, ha studiato Diritto (dev’essere così pesante studiare codici civili, penali, di procedura civile e penale, che tutti poi si buttano a pesce sulla letteratura) e scrive sui suoi blog www.sullamiascrivania.blogspot.com e www.centovoltebuonanotte.blogspot.com. La vicenda non posso definirla una fiaba metropolitana, perché per proporzioni e densità antropometrica, Bari non può esserlo. Semmai Bari può essere una splendida idea. E di fiaba secondo me c’è poco. Ma procediamo con ordine. La storia parla di due giovani Giulia e Alessandro che si prendono e poi si lasciano, e poi si prendono e poi si rilasciano e poi (… paranoie d’amore!) come nella migliore tradizione di una commedia brillante contemporanea. Ma c’è della morbosità, non patologica ovviamente, negli animi dei due protagonisti, quasi autolesionistica nel non voler tagliare reciprocamente un cordone ombelicale che li ha tenuti vicini forse per troppo tempo. Fondamentalmente le pagine di quest’opera sono dense di romanticisimo, ma anche capaci di far prendere la parola ad una latente melanconia (tutta al femminile!), che assale la protagonista nei momenti di contemplazione della sua altra “metà del cielo”.

continua qui

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Macro pop 2