Stefano Donno on twitter

venerdì 2 luglio 2010

Il libro del giorno: Corte d'Assise di Georges Simenon (Adelphi)



















C'è un momento, in molti romanzi di Simenon, in cui il protagonista "raggiunge il limite", attraversa cioè una invisibile frontiera al di là della quale l'immagine che ha di sé va in pezzi - ed egli si trova di fronte a qualcosa che somiglia molto alla verità. Così accadrà anche a Petit Louis in questo romanzo. Uno che si dà arie da gangster e invece è solo una mezza cartuccia. Uno che al massimo può fare il palo, o distrarre con le sue prodezze di giocatore di bocce i turisti di Le Lavandou, mentre i gangster veri, i Marsigliesi, rapinano l'ufficio postale. E che non sa tenere la bocca chiusa: tant'è che, alla matura signora che quella notte se lo porta nella sua camera d'albergo, lascia intendere che di quel colpo qualcosa lui sa. Della signora (che si è presentata come contessa, ma è fasulla quanto lui e si fa mantenere da un ex funzionario delle dogane) Petit Louis diventa l'amante: vitto, alloggio, bei vestiti e qualche oggettino di valore gli regalano un'esistenza da mediocre gigolò che sembra appagare tutti i suoi desideri. Eppure un giorno, quando meno se l'aspetta, si troverà in mano delle carte truccate, e verrà accusato di un delitto che non ha commesso, ma in cui tutte le apparenze sono contro di lui. Solo allora, costretto a confrontarsi con una giustizia che si rivelerà "una macchina mostruosa" decisa a stritolarlo, il piccolo, fatuo malavitoso comincerà a vivere "la sua vera vita, la vita secondo il suo Destino".

4 commenti:

  1. Blog molto interessante in cui sono incappato per caso. Ma mi viene spontanea una domanda. Vedo recensioni a raffica, una o più al giorno. Sono tutti libri letti personalemente o si tratta di un lavoro di gruppo con più lettori/recensori?
    Grazie.

    RispondiElimina
  2. mio caro lettore letti da me e da un gruppo di lettori e da schede a volte che le case editrici mi mandano. Continua a seguirci

    RispondiElimina
  3. Mi permetto un suggerimento. In qualche modo dovrebbe essere comprensibile a chi legge se sitratta di recensioni personali in seguito alla lettura del libro oppure di schede curate dallo stesso editore. Il valore di un'opinione personale è enormemente superiore ad una velina di servizio.
    Buon lavoro (da un innamorato del Salento...).

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Macro pop 2