Stefano Donno on twitter

lunedì 19 luglio 2010

Lo splendore dei discorsi di Giuseppe Aloe (Giulio Perrone editore). Un estratto

















Le grandi organizzazioni criminali non si fondano sulla brama di potere. Sul denaro o sulla forma di attrazione erotica che il crimine eserciterebbe sulle donne. Queste sono solo conseguenze di una complessione molto più radicata. È la vanità il punto di partenza di ogni crimine e di ogni sistema criminale. La vanità e le sue sorelle minori, crudeltà e ira. Niente è più profondamente umano che un gesto criminale. Dove molti vedono una devianza, io colgo invece l’essenzialità dell’uomo. E se anche mi sbaglio, mi sbaglio di poco. Ora, bisogna dire che non tutta la vanità diventa crimine.

Non tutta la crudeltà si trasforma in omicidio. Tutt’altro. Anzi il criminale non fa altro che mettere su piazza queste sue smanie. Le persone normali, chiamiamole così, le coltivano, invece, nel silenzio delle loro case. Ci dormono insieme, nelle loro cucce piene di lenzuola e trapunte. Ci si svegliano. Ci scopano. Ci fanno figli. Come si riesce a controllare un mostro di questa portata se per un’intera vita lo si è custodito gelosamente nel cuore? Nessuno riesce. Questo è il punto. Come si riesce a controllare un mostro di questa portata se per un’intera vita lo si è custodito gelosamente nel cuore? Nessuno riesce. Questo è il punto. Anche noi, prima che accadesse la tragedia, eravamo

una famiglia, tendenzialmente infelice. Come tutte, del resto. Anche fra noi tre c’erano rapporti di misurata crudeltà, di soffocamento morbido, che a turno dovevamo sopportare. Certo in alcuni momenti scoppiava un’aria di sensibile armonia che apriva il cuore, ma mica durano in eterno questi paradisi, se ne vanno con il primo treno disponibile, e allora quella specie di disamore sotterraneo che abita in tutte le case, fa di nuovo capolino, come a dire: sono tornato, avete sentito la mia mancanza? È per questo che di solito si lavora fuori di casa, pensavo all’epoca. Che miliardi di persone ogni mattina, che sia presto o tardi, si alzano, indossano i loro abiti di tradizione, fanno un inchino alla notte passata in casa e vanno via. Uno deve anche poter respirare aria netta nei polmoni, mettere sulla bilancia un’altra parte della propria personalità, una sezione differente.

All’epoca dirigevo uno studio di ingegneria, attività che continuo ad esercitare anche oggi. Ma ora il mio studio è piccolo, riservato a me. Faccio lavori di piccolo calibro, niente grattacieli, o ponti chilometrici fra una sponda di fiume e l’altra. Niente urbanizzazione di interi quartieri. Solo progetti

limitati, tanto per mantenere in esercizio la mano. Garage, case di modesta grandezza, stradine periferiche, tettoie. Quello, invece, era uno studio che occupava un’intera ala di un palazzo. Con i vetri oscurati e vie di fuga segnalate da targhe luminose. Il mio ufficio era all’ultimo piano. Non era un modo piacevole di trascorrere le giornate.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Macro pop 2