Stefano Donno on twitter

lunedì 4 ottobre 2010

Il libro del giorno: FANFARIJE di Finiguerra Assunta (LietoColle)














... si tratta di qualcosa di più disperante e travolgente d'una passione carnale: sono gridi dal fondo di un pozzo senza uscite, sono lamenti a volte imploranti a volte blasfemi spesso autoflagellanti di chi è faccia a faccia con la morte. ... una specie di premonizione apocalittica non meno struggente.... Qual è la fonte di vita? Dio? La carne? Il sesso? Siamo al confine tra la bestemmia e la protesta. Eppure questa fonte si annuncia con una litania che attesta la condizione umana religiosamente più ortodossa, e la ripetizione in chiusura sembra quasi una preghiera: è l'ombra che affila il coltello, anche se respira in mano alla fonte. Vengono in mente le interpretazioni pagane e manichee sulla "doppia faccia" del dio. Una delle qualità di Assunta è quella dell'autoironia. C'è una specie di distacco anche dal dolore più terribile..... È per me particolarmente difficile scrivere queste righe. Sì, perché "non fa più luce la finestrella / i mandarini hanno perso il profumo". Non sono nemmeno sicuro che queste sarebbero state le dizioni definitive. La morte ha interrotto il suo lavoro. Giacché il lavoro sulla natura dello sguardo si fa prima, e il lavoro di rifinitura si fa dopo. Ma Assunta non ha avuto tempo. "Stracca mi sento e avviata alla pazzia (...) e col mio sangue dipinge il tramonto" scrive in inizio e chiusura di due strofe. Tuttavia permane in questa sua poesia la luce del suo talento: "Restate qui... non mi lasciate sola / c'è la morte che m'aspetta col forcone (...) Restate qui... non mi lasciate sola / calmate questo dolore che mi mangia / come un verme da mattina a sera // e di notte quasi sempre vince lui".

dalla prefazione di Franco Loi

Nun suacce da nde venghe né nde vache/ se prime è nate a morte e ddoppe ije/ si nda nuttuate eterne cu a malevasije/ nu bbrìndese hanna fatte a malagurje/ Sacce sule ca re bbocce de sapone/ nun tènene u tiémbe de na fumuate/ e ndó cuastiédde de preta salenate/ ng'è nghiuse na fémmena peccatore/ se vatte u piétte e u tuacche vatte ndèrre/ vatte u tuamburre e re mmane o bboje/ e vvatte ucine a porte cu na foje/ nun ng'è une, p'a madosche! e i diende nzerre

Non so da dove vengo né dove vado / se prima è nata la morte e dopo io / se nell'eterna nottata a malvasia / hanno fatto un brindisi per malaugurio // So sol­tanto che le bolle di sapone / non hanno il tempo di una fumata / e nel castello di pietra salinata / è rinchiusa una donna peccatora // si batte il petto e il tacco batte a terra / batte il tamburo e le mani al boia / e batte sulla porta con una foga / non c'è uno, per la madosca! e i denti serra

Sciatevinne tutte quande, sciatevinne/ sópe a culnette tenghe na veppetèdde/ e ngimme e piede na bannére de Labbèdde/ re tténe càvede quanne face fridde/ nun me cercate cchiù, ije só nissciune/ nun só ulisse e mmanghe polifeme/ nun só nausiche e mmanghe re ssirene/ né circe ca l'uommene tramute ‘n puorce/ ije só a vendette de na vita storte/ m'afferre a re ccangedde de na galere/ nde u sole a qquadrettine fine a sere/ se face pagà nu prezze troppe care

Andate tutti quanti via, andate / un poco d'acqua ho sul comodino / e sopra i piedi un tessuto di Bella / li tiene caldi quando fa freddo // non mi cercate più, sono nessuno / non sono ulisse e neanche polifemo / non sono nausìcaa né le sirene / né circe che gli uomini tramuta in porci // sono la vendetta d'una vita storta / mi afferro alle grate di una galera / dove il sole a quadretti fino a sera / si fa pagare un prezzo troppo caro

Assunta Finiguerra di San Fele (PZ) è mancata il 2 settembre 2009. Ha vinto numerosi premi tra cui il "Giuseppe Jovine" il "Premio Pascoli" e finalista al premio "DeltaPoesia". Suoi testi poetici sono apparsi su Pagine, Periferie, Poesia, Lo Specchio, L'Area di Broca, Capoverso, Ciemme, Gazzetta Ufficiale Dialetti, Kamen', Incroci e in diverse antologie fra le quali: Nuovi Poeti Italiani a cura di Franco Loi, Einaudi Editore. Nel 2006, all'Università la "Sapienza" di Roma, Alessia Santamaria ha discusso una tesi sulla sua poesia, relatore Ugo Vignuzzi

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Macro pop 2