Stefano Donno on twitter

mercoledì 31 marzo 2010

Il libro del giorno: Dante's Inferno di Christos Gage e Diego Latorre (Panini Comics- Wildstorm)

Il videogame: nei panni di Dante il giocatore dovrà scendere nelle viscere dell'Inferno per salvare l'amata Beatrice, trascinata negli inferi da Lucifero. Durante il suo viaggio Dante capirà di trovarsi all'Inferno anche per affrontare i suoi stessi demoni e riscattarsi dai peccati che ha commesso, affrontando enormi creature mostruose (con la possibilità di prenderne il controllo) e tutti gli incubi del suo passato). Quello che troverete invece in DANTE’S INFERNO, nuovo fumetto della Wildstorm creato sulla scia del videogioco di Visceral Games e pubblicato da Electronic Arts, è invece una storia molto diversa dalla classica Divina Commedia di Dante Alighieri. Il Dante che incontrerete qui è un guerriero nato, disposto a tutto pur di salvare la sua amata Beatrice che, a causa sua, è caduta tra le braccia del diavolo. Per questo non esita a entrare nell’Inferno e qui inizierà la sua avventura tra la perduta gente. Di Christos Gage e Diego Latorre.

Mondo meraviglioso, di Javier Calvo, traduzione di R. Schenardi (Fanucci). Intervento di Nunzio Festa




















Un romanzo senza madre né padre. Come Lucas Giraut e Valentina Parini, principali attori in scena nell’ultimo romanzo dello spagnolo Javier Calvo. Proprio l'istrionico e indomabile animatore del “dio riflettente”, tradotto qualche anno fa in Italia dall'altra furbacchiona, Isbn. Un padre morto e quasi mai esistito, e uno fuggito via. Una madre snaturata fredda e calcolatrice e una sorda alle grida d’una figlia sola piuttosto che pazza. Dentro una Barcellona sempre in bilico tra sogno e realtà. Una foto pinkfloydiana di tempi andati. Tre tele apocalittiche di valore al centro della matassa tutta da sbrogliare. Una villa Ummagamma e un libro del King (passione, e ossessione, della quasi adolescente Valentina). Ecco cosa ruota attorno agli strani personaggi di “Mondo meraviglioso”. Un cocktail di descrizioni vivide, scenari psichedelici e intrecci a mestiere. Che stordiscono piacevolmente il lettore lasciandolo sorseggiare cicchetti di storie interrotte e poi riprese. Senza che si perda mai il filo, né la curiosità di sapere cosa c’è oltre il Lato Oscuro della Luna, quel luogo non luogo che affonda le sue radici nell’amicizia tra Lorenzo Giraut, appassionato d’antiquariato ormai morto, padre di Lucas, Bocanegra - strano personaggio molto temuto persino dal grande e grosso Manta - e Koldo Cruz l’uomo con la tempia metallica esageratamente elegante tanto da far pensare alla solitudine di chi ha avuto tutto. Piacevole lasciarsi trascinare nei luoghi più assurdi d’un mondo fantastico. Un tarantiniano “Alice nel paese delle meraviglie” senza Alice, ma con una gamma di personaggi con pellicciotti al collo, abiti firmati e tute sudice abituati a gallerie d’arte come a sotterranei loschi. Tutti fottutamente con morte e vita insieme dietro l’angolo. Un inno al passato, al presente e al futuro: intesi come crisi e opportunità. Di e per un’umanità costantemente alla ricerca di madri e padri. “Mondo meraviglioso” è un libro per chi osa stupirsi ancora davanti all’ironia e all’assurdità della realtà. Un modo per riflettere con i piedi per aria su quello che è il nostro Stare al mondo.


martedì 30 marzo 2010

Il libro del giorno: I cari estinti. Faccia a faccia con quarant'anni di politica italiana di Giampaolo Pansa (Rizzoli)

"Il primo comunista che ho conosciuto era una comunista. Si chiamava Elvira, aveva curve maliziose e ballava divinamente il samba all'italiana. Per di più s'era invaghita di Walter Audisio perché lo riteneva il killer di Mussolini. Andavo per i tredici anni e la sbirciavo nel dancing del Pci, vicino al mio caseggiato di ringhiera. Dopo l'odalisca rossa, ho fatto molti altri incontri per raccontare da cronista le avventure dei padroni politici della Prima Repubblica. Li ho conosciuti talmente bene che, con l'andar del tempo, sono diventati i miei vicini di scrivania. Più li osservavo, più me li vedevo accanto. Così oggi mi domando: stavamo meglio quando c'erano la Dc, il Pci e il Psi, oppure adesso, con i carrozzoni personali di questo fosco 2010? Lascio la risposta ai lettori dei .Cari estinti., un titolo beffardo e un tantino nostalgico. Gli estinti sono i potenti che dal 1948 al 1989 hanno guidato l'Italia. Nel rievocarli, mi sono sentito un viaggiatore che narri la fine di un mondo esplorato per anni. Dominato da leader come il pio Rumor, l'irriducibile Fanfani, l'eterno Andreotti, l'enigmatico Moro, l'aggressivo De Mita, il monacale Berlinguer, l'ardimentoso Craxi, il tenace Almirante, l'ambizioso Spadolini. Li ho rimessi sulla scena ripercorrendo il loro tempo. Il caos delle correnti. L'alterigia dei ras locali. Il cancro della mafia. Le bombe del terrorismo. Il sequestro di Aldo Moro. Il ciclone della Loggia P2. La guerra fra comunisti e socialisti."

Ereva Curaggio di Valerio Cascini (Altrimedia edizioni)

















Pazzo


Non è stato il fatto di un momento.
Ci siamo preparati piano piano, per tempo.
Quando è arrivata l'ora del combattimento,
gente di carne e ossa non ha contato niente.
Sangue con sangue, pazzo, se n'è andato,
e chi è rimasto, la testa l'ha perduta.

Paccio

Nu è stato u fatto i nu mumendo.
Ni simo preparate a tembo a tembo.
Arrivata l'ora ru combattimendo,
gende i carne e ossa nun simo valute nende.
Sango cu sango, paccio, si nn'è gghiuto,
e chi è rumasto, a capo s'ha pirduta

Questa è la nuova raccolta del poeta di Castelsaraceno, sradicato dalla sua terra per vivere e lavorare a Torino. Ma radicato nel fiore del ricordo e nel ricorso al ricordo quale tentativo d'abilitare la memoria all'abolizione del rimpianto. Dialoga e interagisce con paesaggi e personaggi del tempo stato. Valerio Cascini destina versi che paiono venire dal centro gravitazionale dell'omaggio al sentimento, senza per questo cadere nella trappola del vagheggiamento. L'utilizzo del dialetto, in tutto ciò e in tanto altro ancora, ha il ruolo e il destino di dare testimonianze a queste volontà dell'autore.

Troppo piombo di Enrico Pandiani (Instar Libri)

“Aveva cominciato a picchiarla non appena aperta la porta. Calci e pugni di una violenza inaudita. Era crollata. Poi l’aveva rimessa in piedi e l’aveva avvertita: se fosse caduta l’avrebbe colpita ancora. E lei non voleva che lo facesse. Ma era successo. Due, tre volte, non riusciva a ricordare. Per questo, nonostante la nausea che arrivava a ondate successive, si sforzava di rimanere dritta. L’unica funzione che il suo cervello riuscisse a fare. Le aveva strappato di dosso la camicia da notte e le aveva legato le mani dietro la schiena. L’acciaio delle manette che le mordeva a sangue i polsi non era che un dolore lontano, come spilli spinti in profondità nella carne. Il calcio in mezzo alle gambe è arrivato improvviso, il dolore un’esplosione di luce che le ha inondato il cervello. È caduta in ginocchio e ha vomitato sul pavimento, conati lunghi e nervosi che non riusciva a fermare. L’ha lasciata finire, poi l’ha afferrata per i capelli, lei ha dovuto strisciare sulle ginocchia per tenergli dietro. Altri colpi in testa e nel basso ventre. Il labbro è scoppiato e il sapore del sangue le ha riempito la bocca. Ha notato i guanti di lattice che fasciavano le mani del suo aggressore. Poi un calcio sul seno l’ha gettata a terra. Ha respirato sangue e aria, il liquido denso le è scivolato in gola. Ha tossito rischiando di soffocare e si è lasciata cadere sulla schiena. Adesso tutto era ovattato attorno a lei, tutto era tranquillo. C’era solo questo ronzio incessante che le attraversava la testa, avanti e indietro, avanti e indietro. Il suo corpo stava diventando leggero. Il soffitto era una macchia scura che continuava a dilatarsi, il dolore una sensazione lontana, come una sinusoide che si ampliava e restringeva senza fermarsi mai. Non sentiva più nulla.” Così inizia “Troppo Piombo” di Enrico Pandiani edito da Instar libri. Tutto si svolge in una Parigi avvolta da una neve malata e grigia. Il protagonista è il commissario Jean Pierre Mordenti, professionista in pestaggi, ma fine lettore di Camus e Proust. Uno insomma in bilico tra l’essere un picchiatore di strada e un intellettuale. E non lo si può biasimare purtroppo vista che la madre l’ha voluto iscritto a Filologia Moderna. Un serial killer si è messo in testa di fare fuori la redazione femminile di "Paris24h", Indizi quasi all’osso, sospetti pochi, ma in compenso una selva di pettegolezzi. Mordenti dovrà capire quale è il nesso criminale tra una sfilata di moda, le banlieues in fiamme, e la redazione del giornale parigino. Tutto sarebbe più facile se non alegiasse la figura obliqua e oscura di Nadège, pulcherrima giornalista di colore che forse ha più di qualche scheletro nell’armadio.

Si tratta di uno splendido noir, con tanto di incipit ad alta definizione, e dotato di una fluida struttura narrativa. “Troppo Piombo” risulta essere un’alchimia perfetta tra desiderio di ritornare ai classici di questo genere e un sottile ammiccamento al post-moderno. Nulla da eccepire sulle atmosfere plumbee che angosciano e fanno tremare i polsi dalla tensione, e incredibile la cura ossessiva degli aspetti militari e balistici. Questo lavoro convince, avvince, e proclama Enrico Pandiani, grafico di professione e scrittore più che dotato, “magister elegantiae” del noir italiano in grado di convincere anche i lettori più smaliziati.

lunedì 29 marzo 2010

Il libro del giorno: La tv che non c'è. Come e perché riformare la Rai di Gilberto Squizzato (Minimum Fax)

Di chi è la Rai? • Audience, canone e pubblicità • In concorrenza con le tv private? • Cos’è la qualità? • Un CdA senza partiti • Format, appalti e libertà creativa • Quanti canali per il servizio pubblico? • Vera azienda culturale o semplice finanziaria? • Giovani, web e tv • La green tv del futuro.

Con una nota di Roberto Natale (Presidente della Federazione Nazionale Stampa Italiana).

Ripercorrendo con lucidità affilata e rigorosa gli ultimi decisivi 15 anni della storia del servizio pubblico e prima di proporre soluzioni radicali e perfino sovversive, Squizzato analizza le cause di una malattia mortale che ha portato oggi la Rai, come ha ammesso lo stesso presidente Garimberti, «ad una lenta agonia» da cui non ci sarà ritorno: «o si cambia o il nostro destino è segnato».
È tempo di mettere in discussione antiche certezze, luoghi comuni e sommari pregiudizi che impediscono di affrontare con lucidità le questioni fondamentali del servizio pubblico.
«Se fossimo in un paese normale o almeno seminormale, i dirigenti della Rai dopo aver letto queste pagine dovrebbero alzare il telefono e ringraziare Gilberto Squizzato, che nonostante lo spirito dei tempi ha deciso di scrivere un libro che rappresenta un vero e proprio atto d'amore per il ruolo e la funzione di quello che una volta veniva chiamato il servizio pubblico radiotelevisivo.
Se e quando la lunga notte della politica e dell'informazione finirà, sarà il caso di ringraziare i giornalisti come lui, che non hanno mai rinunciato a esercitare la loro funzione civile, anche quando amici, e magari compagni, li invitano a lasciar perdere e adeguarsi».

Dalla prefazione di Beppe Giulietti, Portavoce dell'Associazione Articolo 21

Nonna Carla di Alain Elkann (Bompiani)

“Da 10 giorni mia madre è ricoverata all’Ospedale S. Giovanni (…) da 3 giorni è nel reparto di rianimazione. È sospesa tra la vita e la morte…“. E’ la prima volta, non so se devo chiedere venia o meno, che leggo un libro di Elkann. E devo dire che le emozioni che mi ha regalato sono tante, e dunque significa che la sua scrittura funziona e merita tutto il mio rispetto. Si tratta di un romanzo diviso in tre parti tutte legate da un desiderio irrefrenabile di capire il senso di vuoto che lascia una persona a noi cara quando non c’è più. In "Nonna Carla" lo scrittore colleziona le pagine a matita scritte nei mesi della malattia della madre, Carla Ovazza, colpita da un ictus nell'aprile del 2000 e venuta a mancare nel giugno dello stesso anno. “Nonna Carla" è sicuramente il libro più intimo di Alain Elkann. Prende infatti le mosse dall'esperienza dolorosa della morte della madre. Le pagine hanno il sapore del diario, forse lo strumento più diretto per coinvolgere il lettore nella storia e nelle vicende narrate giorno per giorno. Pudore e Amore accompagnano ogni rigo di quest’opera. Tutto viene affidato al cuore di chi legge, dalla scoperta della malattia, all'inesorabile baratro del male, dall'esperienza terribile del reparto di rianimazione sino al funerale, con i rituali e le preghiere ebraiche. “Nonna Carla” comunque resterà riposando per sempre a pochi passi dalla tomba di Primo Levi suo compagno di giochi nell’infanzia. Questo è il nucleo centrale di tutta l’opera di Elkann. Poi invece si rimane piacevolmente sorpresi di come la forza della parola, mai paga, voglia ancora dire ed ecco che piccoli frammenti di memoria costruiscono episodi di vita quotidiana, il rapporto dell'autore con sua madre, mater familias nel senso più alto del termine, solida, e generosa in ogni suo gesto. Ad ogni modo queste pagine ci impongono di non dimenticare mai quanto la morte ci coglie impreparati, soprattutto quando porta con sé i nostri affetti, lasciando alle sue spalle un vuoto che il tempo non riuscirà mai a colmare. Le qualità di questo volume risiedono tutte in una onestà fortissima dell’autore nel voler far capire il valore dell’esistenza, il senso dell’esperienza traumatica della morte, attraverso uno stile sempre puntuale, semplice, adamantino. E ancora e non per ultimo uno dei pregi presenti in queste pagine, è il profondo senso di spiritualità e religiosità, come valore che ti tiene sempre legato alla concretezza e al vero valore della vita anche quando problemi all’orizzonte non ce ne sono.


Alain Elkann è nato il 23 Marzo1950 da padre francese e da madre italiana, entrambi di religione ebraica. Giornalista e scrittore, collabora a La Stampa, Shalom, Eco Mese, Nuovi Argomenti, Panta. Bompiani ha pubblicato tra gli altri Vita di Moravia (1990), tradotto in 15 lingue e ripubblicato sempre da Bompiani nel 2007. Delitto a Capri (1992), Vendita all’asta (1993), Cambiare il cuore con Carlo Maria Martini (1993, nuova edizione accresciuta 1997), Essere ebreo con Elio Toaff (1994) che ha vinto il Premio Internazionale Fregene 1995, I soldi devono restare in famiglia (1996), Il padre francese (1999), Essere musulmano, con Sua Altezza Reale Principe di Giordania El Hassan bin Talal (2001), John Star (2001), Premio Cesare Pavese 2002, Una lunga estate (2003), L’invidia (2006), L’equivoco (2008), Premio Acqui Terme 2009. Attualmente è conduttore di rubriche d’approfondimento culturale per la rete televisiva La7

domenica 28 marzo 2010

Il libro del giorno: Cotto e mangiato di Benedetta Parodi (Vallardi A.)

Nella rubrica televisiva di Italia 1, "Cotto e mangiato", Benedetta Parodi, moglie e mamma superimpegnata ma attenta alla gioia che può procurare un pasto appetitoso consumato tutti insieme, svela ogni giorno, direttamente dalla propria cucina, la ricetta di un piatto facile e di sicuro successo.
Accogliendo le richieste dei suoi numerosissimi fan, Benedetta ha ora raccolto in un libro il meglio del suo tesoro culinario e lo ha dedicato a tutte quelle donne (ma anche agli uomini!) che, pur indaffarate, prive di tempo e di fantasia, non vogliono rinunciare ai piaceri della tavola e a condividerli con gli altri.
La sua formula di successo è semplice e più che mai attuale: ricette per tutti, facili, veloci, sane e economiche, con un occhio di riguardo ai tempi di realizzazione e al portafogli.

Il mistero della bara di Lorenzo Bosi (Freaks edizioni)




















TREDOZIO – Cosa succede quando un piccolo paese resta isolato nel bel mezzo di una tormenta, una bara arriva dalla Russia e, come se non bastasse, una serie di delitti fanno tremare i cittadini? Di questo parla il nuovo romanzo di Lorenzo Bosi, autore che in Emilia Romagna ha letteralmente spopolato con la sua saga fantasy dei “Sei amici”. Ora Lorenzo ha voluto cimentarsi con un giallo, di sicuro interesse: è infatti il primo giallo ambientato a Tredozio, un piccolo paesino tra Forlì e Faenza.
Il risultato è un libro di 150 pagine, edito dalla neonata casa editrice faentina Freaks Edizioni, che si può ordinare sul sito www.freaksedizioni.it o trovare in vari punti vendita del faentino.

In viaggio per la memoria - diario fotografico di Massimiliano Spedicato (Lupo editore)
















“Un viaggio ad Auschwitz è una storia a prima vista già scritta, letta e interpretata, una storia del passato. se non fosse che la meta, quel nome, conserva ancora, per fortuna dell’umana memoria, il senso dell’orribile. Un viaggio ad Auschwitz è allora tornare sul luogo del delitto e scoprirne gli indizi nei luoghi comuni delle nostre esistenze”. Un viaggio fotografico che riprende l’esperienza del Treno della Memoria che, dal 2005, ha coinvolto più di 700 ragazzi. Una vicenda che attraverso i loro occhi e le loro sensazioni rivive tra le pagine di questo importante documento che porta con sè indistintamente l’animo e la sensibilità di questo territorio. Si tratta di fotografie che riescono a porre il lettore in ascolto, a predisporre l’animo a osservare il vuoto che narrano quei muri ora privi di filo spinato, che raccontano l’orrore e l’angoscia dei forni, e i suoni sinistri delle rotaie portatrici di morte e angoscia terribile. Di questo tratta il volume edito da Lupo editore dal titolo “In viaggio per la memoria”, diario fotografico di Massimiliano Spedicato, fotoreporter salentino, collaboratore de “La Gazzetta del Mezzogiorno” e di altre testate giornalistiche di calibro nazionale, eclettico obiettivo della cultura e puntuale testimone di nera. Le immagini presenti nel volume risalgono al 2006/2007 anno in cui il “Il treno della Memoria”, ha viaggiato sino ad Auschwitz, in occasione dell’anniversario dell’abbattimento dei cancelli del campo di concentramento, il 27 gennaio 1945. Un viaggio durato non più di 24 ore, che coinvolge 600 persone per convoglio, e che costituisce una significativa esperienza, andando a costruire un profondo legame tra destini, storie di oggi e di ieri. Massimiliano Spedicato è riuscito a cogliere i più variegati momenti del viaggio con il linguaggio proprio della fotografia, lanciando il suo contributo personale a che nessuno possa dimenticare quel passato. Il volume “In viaggio per la memoria. Diario fotografico di Massimiliano Spedicato”, edito da Lupo Editore e redatto da Mauro Marino, contiene alcuni scritti di Paolo Paticchio, Oliviero Alotto, Giovanni Sciola e Renato Grilli. Editing e grafica sono stati curati da Francesca Speranza.

sabato 27 marzo 2010

Il libro del giorno: La parola contro la camorra di Roberto Saviano (Einaudi Stile Libero)

"Attraverso il racconto della cronaca quotidiana ho cercato di far emergere la realtà di una guerra sconosciuta a gran parte del Paese. Migliaia di morti negli ultimi dieci anni, tra cui decine di vittime innocenti: ecco la verità del Sud Italia. Una verità sempre più ignorata dai media nazionali. Questo libro e questo Dvd raccontano storie sconosciute, a volte dimenticate o spesso colpevolmente rimosse. Storie che mappano la mia terra e ne tracciano una geografia diversa da quella ufficiale, e a parlare sono le testate locali: titoli e articoli scritti col sangue, che gridano vendetta".
Roberto Saviano

In questo cofanetto, che riunisce un libro e un DVD, lo scrittore e giornalista napoletano, autore di Gomorra e La bellezza e l’inferno, torna ad affrontare uno dei temi a lui più cari: il ruolo che la parola può avere nello sconfiggere le organizzazioni criminali.
Il volume, un agile testo di poco più di 60 pagine, propone due testi inediti di Roberto Saviano. Il primo, intitolato Una luce costante, è una riflessione sul potere della parola, uno strumento di cui la camorra si è sempre servita per diffamare e isolare i suoi avversari perché «Le organizzazioni criminali hanno necessità di portare avanti un assioma: chi è contro di noi lo fa per interesse personale. Chi è contro di noi sta diffamando il territorio, perché noi non esistiamo come loro ci raccontano». In Così parla la mia terra, invece, l’autore ripercorre la puntata speciale di Che tempo che fa del 25 marzo 2009 a lui dedicata, una serata seguita da oltre 4 milioni e mezzo di telespettatori, e approfondisce i temi toccati in quell'occasione: dal modo in cui i giornali locali parlano del crimine organizzato al rapporto tra linguaggio dei media e organizzazioni criminali.
Arricchisce il volume Il racconto delle immagini, una ricca serie di fotografie, tra cui spiccano le pagine dei quotidiani napoletani con gli articoli dedicati ai fatti di cronaca criminale, istantanee di delitti e foto di funerali. Lo completano, infine, gli scritti di Walter Siti, Aldo Grasso, Paolo Fabbri e Benedetta Tobagi, approfondimenti personali e illuminanti, omaggi al coraggio civile di Saviano, al suo impegno nella ricerca della verità e nella denuncia sociale. Nel Dvd, della durata di 120 minuti, sono contenuti due video. Il primo, un'«orazione civile» di quasi un'ora, assolutamente inedita, è stato registrato lo scorso 30 ottobre appositamente per il questo cofanetto. Il secondo è la puntata speciale di Che tempo che fa, uno degli eventi televisivi dello scorso anno, di cui Benedetta Tobagi, nel suo contributo, parla così: «Saviano porta nelle case in prima serata quello che una gran parte del Paese non vuole vedere. A partire dai titoli dei quotidiani locali, spiega come decodificare i meccanismi di intimità complice tra la stampa e le organizzazioni criminali in Campania. …Saviano rompe il silenzio, insegna a vedere, svela infine il volto osceno della realtà. Mentre racconta, guardiamo lo scheletro nudo e spietato del mondo di tutti i giorni attraverso la lente dei suoi occhi, come chi uscisse dalla caverna e scorgesse per la prima volta, con stupore e spavento, i veri contorni delle cose. Resta come un sasso nella scarpa, sotto il materasso, fastidioso, la verità».

La parola contro la Camorra di Roberto Saviano (Einaudi Stile Libero, isbn 8806202189)

Hanno tutti ragione di Paolo Sorrentino (Feltrinelli)

Paolo Sorrentino, classe 1970. Napoletano. Il suo primo lavoro come lungometraggio dal titolo “L’uomo in più” con Toni Servillo e Andrea Renzi viene presentato alla mostra internazionale del cinema di Venezia. A Cannes ci va due volte, nel 2004 con “Le conseguenze dell’amore”, e nel 2006 con “L’amico di famiglia”. Il fatto che oggi come oggi molti artisti scelgano di proiettare i propri percorsi estetico-crativi anche in ambiti che non sono proprio di loro competenza, non è cosa rara, anzi. Non per ultimo a percorrere questa strada è stato proprio Paolo Sorrentino, che adesso veste gli abiti dello scrittore e si prepara ad affrontare il pubblico. Ed ecco che esce per i tipi di Feltrinelli, il suo primo romanzo dal titolo “Hanno tutti ragione”. Sorrentino, che è veramente il migliore dei giovani registi della nostra Italia, come con la macchina da presa è in grado i far sognare, così a mio avviso lo è stato, anzi lo è, con la penna. La storia è quella di Tony Pagoda, cantante melodico nel pieno di una carriera scoppiettante fatta di successo, bravura, belle fanciulle e soprattutto incontri con grandi, piccoli, buoni e cattivi maestri, in un’Italia ancora florida e picarescamente felice. Tony Pagoda ha letteralmente assorbito da qualsiasi avvenimento che gli è capitato nella vita, solo il succo, tanto che come in una sorta di illuminazione psico-cosmica, decide (dopo una breve tournèè in Brasile) di sparire, di essere solo lontananza e silenzio. Sceglie di stabilirsi nel sud america , vivendo prima a Rio, e poi a Manaus. In una parola sceglie l’auto/esilio, e lo fa per un ventennio. Ma qualcuno è disposto a pagare una bella somma per riaverlo in Italia, dandogli ancora lo spiraglio di nuovi orizzonti e di un nuovo futuro. Quel qualcuno è Fabietto, uno dei tanti attori “non protagonisti” nel nostro paese vacuo, falso, ipocrita, e corrotto. Una figura più che trasversale, a metà tra l’imprenditore e il politico, non essendo in realtà né l’uno né l’altra, che offre a Pagoda l’opportunità di ritornare a cantare, nella sua casa, in madrepatria, per il capodanno del 2000. Una situazione che entra a gamba tesa nella vita del protagonista, riportandolo ad un grado zero di malessere e insensatezza. Il campionario linguistico messo in campo da Sorrentino, è sudicio, spavaldo sino al grottesco, caustico, ma soprattutto urlato, quasi in simbiotica mimesi con le grammatiche della camorra napoletana. Sono circa 320 pagine di un libro che raccontano con la voce di Sorrentino, quanto il nostro paese faccia schifo, dove la gente vuole solo fregarti, dove non ci può essere pietà né speranza, né qualcuno che alla fine raddrizzi la spina dorsale e dica finalmente No, a tutto quello che non va. In fondo non si va al di là della descrizione di un eroe che alla fine partecipa con il suo “vissuto” a stereotipati clichè narratologici come la partecipazione alla colpa, il successivo pentimento, e il ritorno nel ventre della colpa stessa. Ancora tutto molto novecentesco … non ci meritiamo forse di andare avanti ed aprire nuovi camminamenti? Perlomeno “Tutti hanno ragione” è un romanzo fuori dal comune, anche se il termine “comune” andrebbe rivisto forse un pochino!

venerdì 26 marzo 2010

Il libro del giorno: Come funzionano i romanzi di James Wood (Mondadori)

Uno dei primi a indagare i meccanismi del processo creativo fu, nel 1857, il critico d'arte John Ruskin con un saggio dal titolo .Gli elementi del disegno., una sorta di vademecum che voleva essere d'aiuto al pittore, al comune amatore d'arte, all'osservatore curioso. Dopo aver invitato il lettore a guardare la natura, per esempio una semplice foglia, e a riprodurla in un disegno a matita, Ruskin esamina un'opera del Tintoretto, e di qui si addentra pazientemente nei segreti della creazione artistica. Non esistono saggi analoghi sulla narrativa. Importanti scrittori e critici letterari si sono cimentati nell'analisi del romanzo, ma non hanno davvero esplorato l'istinto creativo, limitandosi nella maggior parte dei casi alla forma e allo stile o rivolgendosi a un pubblico di soli specialisti.
James Wood si pone questo arduo obiettivo e tenta un approccio diverso, meno teorico. Forse più di ogni altra forma letteraria, la finzione narrativa vive in osmosi con il reale: nei romanzi e nei racconti, letteratura e vita creano un circolo virtuoso, arricchendosi vicendevolmente. Sul piano dell'esperienza individuale, chi legge, o scrive, affina il proprio sguardo sulla realtà, e vivendo impara a penetrare con maggior acume la pagina scritta, in una continua evoluzione. In tale prospettiva, analizzare gli elementi costitutivi della narrazione l'intreccio, i personaggi, il dialogo, lo stile - e approfondire le tecniche dell'artificio può rivelarsi un prezioso strumento di conoscenza.

La prima notte solo con te di Arnaldo Colasanti (Mondadori)

Cosa può accadere quando nel bel mezzo di una giornata qualunque, dove ogni cosa si trova al suo giusto posto e il tempo si incasella in maniera ordinata nei quadranti regolari dell’esistenza, un cortocircuito manda in pezzi una vita intera. O meglio ci si sente in bilico sull’abisso, e si ha paura, timore e tremore, orrore forse, di precipitare nel nulla senza aver portato a termine magari qualcosa di fondamentale importanza. Si avverte la necessità allora di ricucire in fretta e furia in un unico grande mosaico tutti i nostri ricordi, fosse anche in una sola notte, perché il fiato comincia a mancare e ogni attimo diventa prezioso. E allora si comincia a cercare le giuste parole, quelle che forse ti possono salvare in extremis, capovolgendo la sorte in men che non si dica; si comincia disperatamente una fonte di luce sicura e continua perché si ha paura del buio, dell’immemorialità, del non essere un pensiero felice degno di ricevere un cantuccio in fondo al cuore; si cerca libertà di dire, di amare, di donare carezze e sorrisi prima che sia troppo tardi.

Penso che sia fondamentalmente questo il senso dell’ultimo lavoro di Arnaldo Colasanti (La prima notte solo con te, Mondadori), autore che ho sempre seguito e apprezzato sin dai tempi di “A giorno chiaro. Ritratti di poesia italiana” per poi amare definitivamente nel suo penultimo lavoro dal titolo “Gatti e scimmie”. Il primo che ho citato di saggistica il secondo un romanzo. Una bambina, nella sua stanza, viene vegliata dal padre scrittore, che in preda ad una strana e singolare ansia, le dedica tutta la sua vita, raccontandola con l’amore e la delicatezza che solo un genitore può avere, in una lunga lettera dove si respirano i giorni vissuti tra le pagine di un libro (quello magari che ti ha fatto finalmente capire come va il mondo), le cicatrici lasciate sulla pelle dalle illusioni più brucianti, le delusioni, le disillusioni, le bugie, i rancori, i pudori, ma con una fiducia estrema nella Vita, sì quella con la V maiuscola, che in un modo o nell’altro ti ripagherà semplicemente dell’averLa vissuta. Colasanti è un grande scrittore oltre che un serio e preparato professore universitario, di quelli che non sai mai se amarli o odiarli, vuoi perché troppo bravo, vuoi perché troppo troppo!

Ad ogni modo parliamo di un modo di pensare e del fare scrittura come un profondo gesto spirituale in cui i propri tracciati autobiografici si intrecciano vuoi con la finzione vuoi con la riflessione. Un processo inscindibile che Colasanti sente come missione, come imperativo categorico affinchè le parole e quello che descrivono e raccontano non cadano nel vuoto, ed anzi si affermino con sempre più forza con la consapevolezza che tutto è sempre un grande inizio. Perché consigliare questo libro? Perché si tratta di un libro intriso di delicatezza e poesia che ci fa riflettere in maniera lieve ma puntuale, sulle paure, i sogni, le memorie e quello che c’è di più vero in ogni vita. Un racconto in cui le storie testimoniano la forza dell’amore paterno e la necessità di tramandare ai figli un’eredità di sentimenti.

Claudio Comandini, Basso Impero (Sovera edizioni). Un estratto

CRONACHE DAL BASSO IMPERO (p. 35-36). Credi davvero che siamo in un’epoca peggiore delle altre, oppure che esista un progresso? Stavo interessandomi alla tarda antichità: alla vita quotidiana durante il basso impero. Ti sembra di sentire le grida di una folla perduta, concentrata in una piazza ricavata dal prosciugamento di una palude, dove la fogna passa a cielo aperto. Nell’ordinarietà del malaffare, la normalità del ladrocinio, in un’epoca di principi del foro bugiardi, di corti piene di puttane. Dove la popolazione è falciata dalle epidemie e dall’ordinaria violenza urbana, il fiume straborda, i rifiuti marciscono per strada, la speculazione edilizia riempie ogni vuoto. Incontrollata l’immigrazione di schiavi delle province, agricoltori senza più terra, che vendono e comprano mogli e figlie alla prostituzione nella suburra perché altro lavoro non c’è. E questi “extracomunitari” sono intrusi pericolosi per gli scaricatori del porto fluviale e i figli di buona famiglia, con cui condividono le stesse sbronze, le stesse chiacchiere, le stesse puttane. Insomma, ritrovo la storia dei nostri giorni. Come se già dai tempi di Roma vivessimo una lunga decadenza. Come se il basso impero non fosse mai finito.
GIOIA (p. 22). Gioia vuole bene a tutti, e gli sta bene così. Lei è così, rossa così, pienotta cosi. Il suo pomeriggio trascorre fra le immagini della tv i cosmetici e le telefonate. Lei adora Fiorello come una muta che attende da lui la voce, e tutte le canzono le ha imparate da lui. E’ amica di Ambra, certo, gli batte le mani quando si muove così ben telecomandata, ma non ha il suo stile, non fa la saccente con quella forzata disinvoltura che piace tanto ai frustrati. Questo lo sa. Ma non si cura di capire. Cambia ad ogni notiziario, poi figurati oggi che c’è sta manifestazione, cheppalle. La guarda un po’, ma poi si rompe, e canta le sigle pubblicitarie. E prega che i Take That non si scioglino mai, lei prega che i Take That non si sciogliano mai. Esce un giorno con me e un giorno con te, e dà a tutti quel che gli và. Lei adesso ha quindici anni, e non gliene importa un granché. Si sente grande, sa di essere piccola. Guarda la borgata fuori, non pensa che sia brutta. Fra un po’ esce con Mario, stasera forse farà pace con Lele, magari stasera andrà a ballare. Fuori la pioggia ha smesso, ma può ricominciare, ma non gli importa.

giovedì 25 marzo 2010

Il libro del giorno: Cattive abitudini di Jim Nisbet (Fanucci)

Banerjhee Rolf è un brillante ed equilibrato scienziato americano, la cui vita oscilla tra i binari ordinari della relazione coniugale e le occupazioni del tempo libero: il giardinaggio e le meditazioni intorno all’astronomia.
C’è solo uno steccato di legno a separare la sua casa da quella dei vicini – Toby Pride, un tizio poco raccomandabile dedito al traffico di droga, e la sua fidanzata Esme, un’avvenente bionda costantemente persa tra i fumi di alcol e droghe –, ma le distanze fra i tre sembrano incolmabili.
Poi, un giorno, dopo quattordici anni di fedele servizio, Banerjhee perde il lavoro che svolgeva nel laboratorio di un’industria farmaceutica e, in preda al senso di inadeguatezza e agli interrogativi sul suo futuro, finisce per rendersi complice delle losche attività del suo vicino di casa e prendere parte a una feroce sparatoria in cui sono coinvolti narcotrafficanti e agenti federali. L’accelerazione degli eventi non lascia a Banerjhee altra alternativa che mettersi in fuga e andare incontro al destino, imprevedibile come una roulette che gira in silenzio rischiando di fargli perdere tutto.

Marco Inguscio, Storie minime, Poet/Bar 15.11 (Besa editrice)

"Sono queste le notti che preferisco, quando non si guarda la strada e le palpebre sono stanche della corsa, quando la luna è lattigine sulle nuvole. E' come quando mia madre si alza presto all'alba a lavare le stelle prima del giorno, come quando si trucca davanti lo specchio magica come l'uomo al primo disegno."

Marco Inguscio è nato nel mese di maggio del 1986 e risiede a Galatone (LE). Nel 2005 è stato premiato al concorso di poesia Internazionale “Arnaldo da Brescia”. Collabora con riviste locali e con associazioni studentesche preposte a favorire la mobilità internazionale tra gli studenti. Questa è la sua prima raccolta di versi e prose.

Alieni. Un mistero tra noi di Enrico Ruggeri e Candido Francica (Rizzoli)

Ce lo siamo sempre posti come interrogativo: il genere umano è l’unica specie vivente nell’universo? Se non lo è, come faremo a entrare in contatto con altre intelligenze e civiltà? La nostra vita sarebbe sconvolta da un ipotetico incontro e una possibile interazione con razze aliene? Si tratta di quesiti che l’uomo si chiede sin dagli inizi della sua Storia, e che sono sovente generati non solo dallo stupore che si può provare nell’osservare l’immensità di un cielo notturno stellato, quanto dalle innumerevoli circostanze anomale che cortocircuitano la realtà, generando anomalie in tutti i campi dall’archeologia, all’arte alla scienza. In più di qualche rappresentazione Maya, ad esempio si notano incisioni e sculture murarie che rappresentano veri e propri velivoli interplanetari. Come spiegarlo? Popolazioni arretrate a Tahiti e in Oceania, disponevano di tecnologie avanzatissime per il trasporto di tonnellate e tonnellate di metalli. Come spiegarlo? I cerchi nel grano, il più recente dei quali, a Chibolton in Inghilterra, comunicano informazioni lanciate nello spazio più di vent'anni prima da un radiotelescopio americano. Come spiegarlo? Ma gli eventi inspiegabili non si fermano solo qui, i segni inesplicabili ancora una volta, non si fermano qui. Con la trasmissione tv “Mistero”, andata in onda per più di una stagione su Mediaset, Enrico Ruggeri ha toccato tutti questi argomenti raccogliendo anche drammatiche testimonianze come quella della sarda Giovanna, che ha riferito di essere stata violentata ripetutamente dagli alieni e di aver partorito un ibrido alieno, poi morto poco dopo averlo dato alla luce. Ma già queste poche righe di scandaglio del lavoro di Enrico Ruggeri, ci spingono a ipotizzare una soluzione, che pur se non definitiva, ci può mettere nelle condizioni di intreprendere una ricerca seria e rigorosa. Intanto possiamo dire che non siamo soli nell'universo e i nostri "vicini di casa" si manifestano sulla Terra attraverso incontri quasi furtivi. E così che ne troviamo tracce dalla Bibbia alle pagine antico-romane dello storico Giulio Ossequente, dalle osservazioni astronomiche condotte nel Seicento sino alle relazioni top secret del Pentagono e del Kgb, ai bollenti articoli del fin troppo scomodo Mino Pecorelli. E ancora, sarebbe sostenibile, l’idea di una "rete" di famiglie, tutte imparentate fra loro, che manipolano e strumentalizzano gli eventi attraverso politici-fantoccio e personaggi di rappresentanza, prodigandosi per instaurare una tirannia a lungo preparata, con l’aiuto e la cooperazione di razze aliene? Certo il libro di Enrico Ruggeri, non ha lo stesso rigore delle ricerche portate avanti da un Roberto Pinotti, nè il sensazionalismo di un David Icke, ma rappresenta una solida guida per tutti quelli che desiderano avere una mappatura coerente e imparziale dei principali temi trattati dall’ufologia negli ultimi cinquant’anni. Naturalmente poi spetta al lettore, se interessato, ad approfondire e discernere cialtronerie e verità accettabili in materia

mercoledì 24 marzo 2010

Il libro del giorno: Altre stanze, altre meraviglie di Daniyal Mueenuddin (Mondadori)

Nella campagna che circonda Lahore, in una vasta tenuta di proprietà di K.K. Harouni, si intrecciano le vicende di una quantità di personaggi. Oltre al vecchio signore di stampo feudale, gli abitanti dei villaggi vicini che dipendono dai suoi favori, i domestici, e una serie di parenti, prossimi o lontani, che hanno cercato fortuna in città o all'estero: gli sfacciatamente ricchi e i disperatamente poveri, tutti alle prese con i vantaggi e i limiti della posizione sociale, con la sparizione delle vecchie usanze, e con lo choc del cambiamento.
A farci capire che quello descritto da Daniyal Mueenuddin è il Pakistan contemporaneo sono soltanto la comparsa di una motocicletta, per quanto datata, l'evocazione del fantasma di una Rolls Royce, la visita di una figlia occidentalizzata, l'incontro a Parigi tra i genitori di un giovane pachistano e la sua fidanzata americana... Per il resto l'atmosfera del racconto è quella di una terra senza tempo, dove non hanno posto l'Occidente, o il fondamentalismo, e che brilla invece dell'intelligenza e dell'astuzia affinate dalle avversità dei personaggi più sfortunati.
Mueenuddin mette a nudo - a volte in commedia, più spesso in tragedia -, la complessità della cultura pachistana nel momento in cui l'ordine feudale sopravvissuto viene scardinato e trasformato in modernità: il risultato è una comédie humaine in miniatura dove spiccano personaggi femminili molto diversi da quelli che la cronaca propone quotidianamente alla nostra facile indignazione.

Prove di felicità a Roma Est di Roan Johnson (Einaudi Stile Libero)

«È che lo sfigato è sfigato per natura. Magari perché è grasso, timido, balbuziente. Io ero sfigato per convinzione. Era accaduto per eccesso di sensibilità, avrebbe detto mia mamma. Ero stato fregato, avrei detto io» Dopo Mario Desiati con il suo “Vita precaria e amore eterno” edito da Mondadori o antologie precarie come “Tu, quando scadi?” edita da Manni dove a più voci si racconta di un futuro incerto a rischio di povertà ed esclusione sociale, il medesimo orizzonte precario di una generazione, fatto di ricattabilità e sottomissione, ecco che Einaudi pubblica l’esordio di Rohan Johnson dal titolo “Prove di felicità a Roma Est”.

Si racconta la vita e gli amori del giovane Lorenzo Baldacci di anni 21, che da un piccolo paese di provincia si trasferisce con la sua vespa a Roma, per tentare di prendere in una scuola privata il desiderato diploma. Per tirare a campare fa il pony pizza boy ( ogni giorno per le consegne rischia di spaccarsi la schiena a causa del terribile dissesto stradale in cui vive l’eterna capitale d’Italia) , e vive con un professore in pensione, in attesa di trapianto, in attesa della morte nella sua sepolcrale solitudine.

A Lorenzo piace osservare, fotografare, memorizzare sfumature degli altrui tracciati biografici, per deglutire stili di vita, tic metropolitani, esistenze quasi in preda ad una compulsione voyeuristica. La Roma che emerge dai racconti del giovane, è una città che rivela i suoi volti molteplici, contraddittoria, cinica, minacciosa, una città di grandi ricchezze e grande povertà, fatta di badanti, truffe, subaffitti, e campi rom, una città osservata in una sorta di zona antropologicamente autonoma che va dal Quadraro alla Tuscolana piena di forte e grezza umanità. Una città che Lorenzo amerà di un amore singolare e viscerale, tanto da volerla osservare da una prospettiva veramente infima: si trasferirà nei pressi di un campo nomadi, raccontando fallimenti e sconfitte fino ad un suo personale e radicale cambio di punto di vista, su ogni cosa, che corrisponderà alla sua piena maturità. Splendida la figura di Samia, la ragazza di origine marocchina, bella anzi bellissima, quasi un inaccessibile mistero, forse anche per i lettori stessi. Un libro che consiglio caldamente!

Roan Johnson, è italiano al 100%. Nato da madre materana e padre londinese, è cresciuto a Pisa. Ha 35 anni e da 10 vive a Roma. Prove di felicità a Roma Est (Stile libero, 2010) è il suo primo romanzo.

martedì 23 marzo 2010

Il libro del giorno: Azzeccare i cavalli vincenti di Charles Bukowski (Feltrinelli)

Charles Bukowski "ritorna". Ritorna con una raccolta di scritti già pubblicati in vita ma che qui postulano una continuità, un'unità di tono, un preciso e vario dispiegarsi di temi. Che si tratti di arte, di musica, di politica, dei colleghi scrittori o di ripercorrere la propria vita, la penna del vecchio Buk non sorprende, ma illumina, lascia senza fiato. Che cosa doveva essere letteratura, era chiaro: "La maggior parte degli scrittori scriveva delle esperienze delle classi medio-alte. Avevo bisogno di leggere qualcosa che mi facesse sopravvivere alle mie giornate, alla strada, qualcosa a cui appigliarmi. Avevo bisogno di ubriacarmi di parole...".
"Azzeccare i cavalli vincenti" va oltre il testamento letterario. In questa raccolta di riflessioni Bukowski innesca una personalissima, vitale ed esplosiva battaglia contro la fiacca mentalità borghese, con uno humour disincantato, dark e cinico che non può lasciare indifferenti.
Ecco allora le prese di posizione contro la cultura "alta" delle università, i poco convenzionali pamphlet sul piacere di defecare e sul diritto di guidare ubriachi, e le dichiarazioni programmatiche sulla superiorità di una vita spogliata dagli agi materiali e magari arricchita da una bottiglia di vino e da un disco di Mozart.
Tristezza, follia, humour. L'universo bukowskiano concentrato in una raccolta di saggi e scritti apparsi su riviste e taccuini tra il 1944 e il 1990.

Il dolce cammino di Fabrizio Buratta e Faraòn Meteoses (Aracne edizioni)

Ho avuto l’opportunità di conoscere Faraòn Meteosès con la sua silloge “Psicofantaossessioni” portato alle stampe dall’editore Lietocolle e subito ho riconosciuto una forte peculiarità nel modo di scrivere versi: la capacità di incantare con una pienezza di cromaticità affioranti da una vasta varietà di grammatiche, articolate attraverso una metrica personalissima. Con piacere seguo i passi di questo poeta, vedendolo impegnato in numerosissime uscite pubbliche per l’Italia, a testimonianza di un’indomita passione per la performatività. Ora per i tipi di Aracne, esce “Il dolce cammino…” un libro a due voci fondamentalmente, con il fotografo Buratta, compagno di viaggio in quest’avventura che attraverso due tipologie espressive tenta di seguire un comune approccio semantico ed estetico. I due protagonisti di questa esperienza editoriale vogliono farsi sentire con il loro grido di protesta che apre gli occhi della gente che avrà la fortuna di leggere questo libro su alcuni aspetti della vita di oggi come l’artificialità dei nostri tempi, le morti sul lavoro accanto alla categoria dello Sfruttamento a qualsiasi latitudine lo si voglia intendere. Ora che sia un libro di poesia che raccontano delle foto, o viceversa poco importa, dal momento che le 32 sequenze fotografiche di Fabrizio Buratta e le 32 “Fermate a richiesta” di Faraòn Meteosès sono il risultato di un’esplosione di energia incredibile la cui utilizzazione è prettamente di azione ermeneutica sul reale, sul circostante, sull’interiore, sull’utopico. Faraòn Meteosès ovvero Stefano Amorese si presenta al suo pubblico in maniera più matura arrivando a sfruttare la potenza delle parole sino al midollo, arrotandole, ritmandole per descrivere frammenti di mondo che debbono essere lacerati perché non sussistano più né inutili ipocrisie o superficiali fraintendimenti. Così si presenta Fabrizio Buratta al suo ipotetico pubblico a pag. 88: “Ho fatto politica, letto libri, visto film, mostre, teatro, eppure cado dalle nuvole! (…) L’affresco che si vede è per forza di “cose” doloroso, ma dal disagio nasce sempre la consapevolezza”. Amorese invece controbatte in questo modo: “ora sì che posso lasciarmi andare/ più liberamente e al mio diletto/ sorvolando tutti gli ammassi informi delle nuvolaglie/ e i bassipiani depressi sulle superfici/ frattanto che dabbasso la terra trema/ qui mi trastullo/ lontano dal mio dolore e dal mio travaglio/ dissolvo ogni inquietudine del mondo fisico/ che mi attanaglia/ sono felice nell’egoismo sano della pura morte”. Il volume presenta i contributi di Fabrizio Buratta, Faraòn Meteosès (Stefano Amorese), Plinio Perilli, Eugenio Maria Costantini, Ugo di Toro, Luca Cremonesi, Giacomo Cerrai. That’s all folk!

Scassata dentro di Enzo Mansueto (D'If edizioni) vista da Nunzio Festa



















La crosta dei componimenti di Mansueto è spaccata dal rumoreggiare del linguaggio. Tanto è vero che con “Scassata dentro”, in contemporanea, si devono accogliere i tormenti musicali de la Zona Braile; quelle, specifichiamo, vibrazioni di sottofondo che fanno da acqua che non scorre alle stesse poesie di Enzo Mansueto. Dunque, a me che ripudio Cccp e Csi, non fa forse piacere (se piacere davvero dovrebbe provocare). Però già in quella imitazione conosciamo mezzo timbro dell’autore. Ma sono le pagine, per fortuna – e non lo si legga da parziale stroncatura di quello che precede - , a presentare il vero volto del Mansueto. Che stiamo dando favori, in verità, all’autore. Il piccolo volume, curato attentamente dall’attenta e mobilissima Caridei, è appunto una delle pubblicazioni di Vico Lungo Gelso alla napoletana Toledo. Un miosotis. E’ già da qui si capisce che esiste una buona presentazione. Che la selezione è tanta, e ottima. La pelle dei versi di Enzo Mansueto è anticipata da una presentazione, baroccheggiante, che sa quasi d’altri tempi. Ma che nel contempo esprime parte delle belle capacità dell’autore pugliese. L’esteriorità dei versi, si diceva, è tutta sconquassata, d’uno sconquasso praticamente solitario, dalla volontà di dare forza e spiriti a un’attualità fatta e rifatta, strafatta. A leggere o ascoltare i moti della società nostrana. La lingua del poeta assume la forma del contrasto con la musicalità. Assurdo quanto vero. Perché deve reggere il primo scambio con l’interiorità dei versi stessi. E’ dalla posizione successiva, appunto, parte il reale senso involontariamente sinfonico ma volutamente in-fonetica dei testi. “Torniamo a casa stinti dall’inedia. / Nel cavo di una sedia. / Attorno al cavo cranio / un fascio di particole compone / un tronco senza nome. Il corpo estraneo”. Il filo da apprendere, per cominciare, dalle parole riportate è steso fino alla fine della raccolta. Sino a urtare il limite d’un esaurimento. Mansueto fa poesia estenuante. D’una efficacia tale da gridare all’autore provocatorio: che provoca applausi. Giusto, dunque, legge i versi del Mansueto in reading, performance varie. Ma magari senza rincorrere una sciocca emulazione dello scandire i versi eseguendo ritualità d’altri personaggi. Meglio far esprimere le stesse poesie senza imporre loro accenti parrocchiali.


lunedì 22 marzo 2010

Il libro del giorno: Assalto a un tempo devastato e vile. Versione 3.0 di Giuseppe Genna (Minimum Fax)

«Genna è in grado di dare dipendenza».
The Guardian

«Genna scrive con un’energia prodigiosa e agghiaccia il lettore».
The New Yorker

«Genna dimostra di essere lo scrittore italiano che tenta davvero la via di una letteratura civile, che non scompaia a libro finito».
Il Giornale

Assalto a un tempo devastato e vile è il libro cult di Giuseppe Genna, l'opera che al momento della sua prima pubblicazione fece gridare alla nascita di una voce potente e originalissima della letteratura italiana.
Oggi questo piccolo classico della letteratura italiana torna in una nuova edizione riveduta e ampliata.
Utilizzando le forme del racconto, del saggio, del reportage, Genna esplora il cuore delle città in cui viviamo e di un paese intero, componendo un vertiginoso mosaico del nostro tempo. Le storie, le parabole, le analisi, gli ammonimenti che Genna mise su carta sul finire degli anni Novanta oggi suonano paurosamente profetici. La degradazione delle periferie, l'impoverimento economico, il crollo della solidarietà e delle regole di convivenza, e soprattutto la desertificazione etica e spirituale di un intero popolo visti dalla lente deformante di una Milano fredda e inumana sono pugni nello stomaco difficilmente dimenticabili. Ma anche i racconti autobiografici, le riflessioni sulla letteratura, sulla religione, sui più scottanti temi politici e sociali, fanno di Assalto una bussola e un compagno di viaggio per tempi sempre più incerti.

“LEONARDO DA VINCI’S MUSICAL GIFTS AND JEWISH CONNECTIONS di Giovanni Pala e Loredana Mazzarella. Intervento di Luciano Pagano




















L’autore di questo libro, Giovanni Pala, è un musicista che suona ogni tipo di strumento e insegna, in particolare, percussioni. Nel 1999 è stato insignito del Golden Lion Prize al Festival di Venezia. Vive tra gli Stati Uniti e l’Italia. Il titolo originale di quest’opera a dir poco sconvolgente è “LEONARDO DA VINCI’S MUSICAL GIFTS AND JEWISH CONNECTIONS“ (The Americas Group). Perché sconvolgente? Semplice, da una lettura del famoso Cenacolo di Leonardo, visto con gli occhi e le conoscenze del musicista/musicologo, Giovanni Pala ha letteralmente decriptato un filone interpretativo che ci consente di ‘leggere’ un particolare del tutto inedito e che fino a questo momento non era mai stato preso in considerazione dagli studiosi dell’Artista. L’autore rivela così al lettore l’esistenza di uno spartito musicale celato tra le mani, i pani e i frutti raffigurati nell’Ultima Cena, nonché di una preghiera in ebraico nascosta negli spazi e fra le note nel celebre affresco. Come e perché Leonardo ha occultato le note sotto gli occhi di tutti, in un’icona universale come l’Ultima Cena? Questo è forse uno dei quesiti più interessanti mai sorti attorno a questo affresco. Il libro contiene inoltre approfondimenti su dettagli poco conosciuti della vita di Leonardo. L’aspetto più interessante è certamente costituito dal fatto che un’opera per noi così riconoscibile e consueta venga sottoposta a un vaglio critico totalmente inedito, che farà impallidire per protervia critica Dan Brown e affini, dato che la lettura oltre che plausibile è condotta con metodo scientifico e resa in modo divulgativo, quindi accessibile a un vasto pubblico di non specialisti. “Leonardo’s Da Vinci musical gifts and jewish connections“, scritto da un autore italiano e pubblicato per la prima volta negli Usa, è un esempio di divulgazione scientifica di altissimo livello che fa chiarezza su un tema, solo in apparenza, oscuro.

il Cenacolo di Leonardo sul sito di Haltadefinizione

informazioni ulteriori qui: www.davinciexperience.info

Per acquistare il libro su Amazon http://www.amazon.com/Leonardo-Vincis-Musical-Jewish-Connections/dp/0935047719/ref=sr_1_1?ie=UTF8&s=books&qid=1264480993&sr=8-1

Ash di Malinda Lo, collana Scatti (Elliot edizioni)




















Risale al 20 gennaio l’uscita del romanzo d'esordio della scrittrice americana di origine cinese Malinda Lo che è stato pubblicato in Italia da Elliot edizioni. Meglio tardi che mai!

Libro sorprendente, originale, atipico, una vera e propria provocazione, che se non fosse per il fatto che si tratta di un libro veramente eccezionale, penserei ad una delle tante trovate da marketing editoriale per vendere un prodotto in realtà scadente. A metterci poi “la carica da 100” il fatto che il libro era stato pubblicato negli U.S.A dagli stessi editori di Twilight. Ora in periodi di rivisitazioni cinematografiche e penso al film Wolfman di Joe Johnston con il grande Benicio Del Toro oppure a ibridazioni meticcianti come il lavoro di Seth Grahame-Smith “Orgoglio pregiudizio e zombie” edito dalla Nord, ecco che non mi stupisce più di tanto la storia di questa Cenerentola singolarissima, nuova, che affronta temi molto delicati e lo fa in maniera eccelsa come la questione della crescita interiore e la ricerca dell’identità tipica dell’universo adolescenziale, e che va al di là dei generi sessuali stessi. E così dopo anche la rivisitazione di Cenerentola “splatter” in riviste specializzate del settore di fine anni 80, ecco Ash, che secondo la critica born in U.S.A. assurge a divenire il simbolo della forza che l’amore scatena in ognuno di noi al di là di qualsiasi languore romantico. Per chi non l’avesse capito stiamo parlano del classico dei classici in fatto di fiabe, ovvero Cenerentola, ma questa volta lesbo. La piccola serva oggetto delle atroci angherie di matrigna e sorellastre come da copione va al ballo di corte con l’aiuto questa volta di un mago anziché della fatina, e incontra il principe azzurro, che perde la testa per lei. Ma lei non ha occhi che per un’altra, e allora …Per farla breve la storia è questa: in un reame fuori dal tempo, Ash vive sola con il padre in una grande casa vicino al bosco. La sua adorata madre è morta da poco e tutto quello che le rimane di lei sono solo le favole meravigliose con cui l’ha cresciuta. Ma per Ash esse non sono soltanto favole, sono il luogo dove la sua mamma continua a vivere, circondata da incantesimi e creature fatate. Un giorno però il padre della piccola decide di risposarsi e a breve sia lui che Ash si trasferiscono in città, lasciando così la foresta in cui lei è cresciuta. Quando, poco dopo, l’uomo muore improvvisamente, la ragazzina viene degradata a una servetta dalla matrigna e dalle due figlie di questa. Ash in varie occasioni riesce ad allontanarsi e a tornare nel “suo” bosco, alla tomba della madre: qui fa due incontri che le cambieranno la vita, il misterioso Sidhean, ambiguo e dotato di poteri magici, e Kaisa, una giovane donna a capo delle Cacciatrici del Re. Desiderosa di incontrare di nuovo la bella Cacciatrice reale, Ash stringe un patto con Sidhean: lei apparterrà a lui, ma questi prima userà le sue arti magiche per trasformarla in una principessa in modo tale che Ash possa partecipare al ballo del Principe e incontrare di nuovo Kaisa. Al ballo, il Principe non ha occhi che per Ash, ma lei preferisce ballare con Kaisa. Almeno fino a mezzanotte, quando dovrà essere di ritorno nel bosco perché lì l’aspetta Sidhean per prenderla… Magico e romantico, Ash è un debutto straordinario che racconta in modo incantato e indimenticabile cosa significhi crescere, scoprire se stessi e innamorarsi.

Malinda Lo è una giornalista americana di origine cinese. Ash, suo primo romanzo, è stato subito salutato da critica e lettori con entusiasmo e ammirazione ed è in corso di pubblicazione in numerosi paesi.

domenica 21 marzo 2010

Manifesto della poesia fenicea di Massimiliano Antonucci


















“Certi poeti rappresentano la realtà
/ ma questo lo sanno fare tutti./ L’unica lirica in grado di saziare lo stomaco/ zampilla acqua e sangue/ come una gallina azzannata da una volpe./ Uno scrittore vero s’infila tra le gambe un pugnale/ per segnare un suono ignoto”.

Capita che guardi e veda acqua. Le ombre dell’Arno si muovono dentro di me dove si trova sempre presente una dimensione parallela a quella del vivere giorno per giorno. L’acqua è una forza che mi perseguita e mi spezza la schiena, si nasconde ma alle volte fa di tutto per emergere in maniera prepotente sotto forma artistica: una sorta di ribellione e riscatto, una potenza vitale che mi rende elettrico come una gatta prima di mangiare. Nella sua voce si nasconde rabbiosa una disperazione fatta arte. Altri poeti hanno preferito scorciatoie, mezzucci per allietarsi l’esistenza, ma hanno finito per produrre una falsa forma di bellezza. Se sei poeta non sei facchino o imprenditore, non sei avvocato, impiegato o macellaio. Sei ladro. Un ladro che ruba dissonanze dentro le perfette costruzioni della mente. E mentre la notte mi invade con una continua richiesta di morte e di rinascita, lo spirito mi viene addosso in una vestaglia di raso rosso e il suo calore è più appagante di mille vittorie. Non abbiamo bisogno di una vita cauta ed infelice. Non abbiamo bisogno di una felicità vuota alla quale tutti possiamo ambire. Abbiamo bisogno di sentire. Di emergere. Per le strade noi vaghiamo oltre l’istinto in situazioni ai limiti della percezione, in luoghi apparentemente sconosciuti dove bruciamo, bruciamo sempre insieme a moschee piene d’odio e a cattedrali dorate che inneggiano falsi dogmi. Adesso che stiamo per scrivere l’anima della notte giunge e si mostra subito irrequieta. La notte ci invidia.

1) Nessuno è in grado di accedere alla propria realtà interiore senza avviare un processo di conoscenza profonda che inizia quando lo spirito s’impone sulla rozzezza della materia.

2) La poesia fenicea scaturisce dalla tensione prodotta dall’uomo-poeta che urta la materia e si oppone alla mediocrità che non vede prigioni.

3) Lo sforzo creativo dell'uomo supera tutte le prigioni della mente costruite sotto il comando impietoso della paura attraverso una differenziazione dell’individuo dallo status quo.

4) Il feniceismo rappresenta un movimento artistico di rottura verso quei comportamenti istintivi che preservano la propria natura dal distruggere le certezze mai discusse, sviluppando nel poeta una ricerca intuitiva che affonda oltre l’assetto consolidato dell’ordine sociale.

5) Gradino dopo gradino il poeta si inoltra al di sotto della soglia del logico per superare gli argini dell’essere statico e le allucinazioni indotte dalla falsità del vivere: egli è nella oscurità, oltre i simboli del giorno, dove è il baratro in cui si trova originario ed intatto un personale senso di verità.

6) La sensibilità di questi scrittori della vertigine si muove verso la scaturigine del bene e del male che compare dentro di sé.

7) Il potere di penetrare tra le ombre dell’esperienza li rende abili a trascendere il visibile; essi stracciano le vesti alla bellezza per imbattersi in quella verità che solamente il corpo ha il potere di raccogliere, nascondendola.

8) Sudore bile lacrime seme sangue plasmano il suono di un nuovo lirismo che non indietreggia al buio, anzi lo attraversa nel segno

di un linguaggio ruvido e non uniforme.

9) I poeti fenicei sono deliranti uccelli senza respiro che trapassano le vette del meraviglioso e profanano le profondità del fantastico

per rivelare l’oscenità di una forma di coscienza primordiale.

10) Tutti quelli che creano senza sapere il motivo, tutti gli invisibili, gli emarginati e gli inconsapevoli che vivono l’arte come una possibilità di redenzione, che rimuovono l’illusorietà dalla finzione poetica e non sanno ancora a cosa appartengono, fanno parte di questo movimento e sono detti poeti della fenice.

11) Il mondo ama l’arte ma odia l’artista che afferma la sua unicità su ogni metodo e tecnica.

12) Chi non vive la condizione di diversità non può capire la dimensione eroica dell’esistenza che traduce la frantumazione della regola

nella formazione di uno stile che aderisce alla più autentica individualità.

13) L’artista si denuda senza compiacersi. Mettere il trucco sopra i volti non è suo affare. Se sapesse farlo non riuscirebbe ad abbracciare l’Osceno. L’esercito della scimmia è contro di lui, l’umanità lo ripudia.

Macro pop 2