Stefano Donno on twitter

venerdì 26 agosto 2011

Sinfonia Carnale. La città sulla pelle, di Francesca Mazzucato, e-book (Damster). Intervento di Nunzio Festa












Marie e Leonardo. Il destino comune. I luoghi: città, musiche. Il nuovo romanzo breve, pubblicato in formato e-book, di Francesca Mazzucato, “Sinfonia Carnale. La città sulla pelle” è composto e scomposto in sei sezioni; dove, essenzialmente una voce femminile, ma con l'innesto naturale d'una piccola oratoria dell'uomo della storia e corsivi che sono la sensualità spedita fuori dal destino della carta e dal rumore del file proseguono il lascito sensoriale destinatoci dagli epigrammi scelti in apertura: quattro poesie di Alda Merini, quattro poesie di Roberto Carifi, tre di Giorgio Seferis, un estratto in prosa da Angot, Rimbaud, I. Santacroce, Carmine Mangone e Marcos Torrente. L'incontro che scaraventa l'accordo nella melodia infuocata avviene, ovviamente fra Marie e il musicista Leonardo, all'Opera di Nizza, dove quest'ultimo a eseguito Rossini. Mentre Marie, in fermento passionale e rinnovata dai pezzi uditi osserva le mani di lui che diventeranno fra non molto sua proprietà, possesso del suo corpo voglioso. Fra Bach e Rossini, ancora. Mentre i luoghi diventano sempre di più. Gli hotel sono letti diversamente e affinemente alle apparizioni compositi nelle descrizioni narrative di Tommaso Pincio e Alain Elkann, per dire. Lui vive normalmente a Zurigo, quando non è in giro per il mondo a dare concerti. Lei invece abitava a Marsiglia e adesso s'è trasferita a Villefranche-sur-Mer a qualche metro da Nizza. Ma il posto che più di tutti alimenta la pelle è Parigi. La città di Cocteau: che ospiterà gli incontri amorosi della coppia. Ma soprattutto, in primis, la sospensione desiderosa che la donna costantemente mantiene nel petto prono. Le residenze quotidiane degli amanti sono distanti epperò appaino vicinissime. Persino quando Leonardo manca dalla carne di Marie per giorni e giorni. Che Leonardo ha persino una moglie, un matrimonio che veramente non vorrebbe chiudere. Marie corre inseguendo le pause e gli odori del suo uomo, della persona dalla quale non riesce e non vuole spezzarsi. Le vite di Marie e Leonardo, come si comprende da subito, sono destinate a cambiare. Specie in progetti e idea del futuro. Il desiderio e gli appagamenti consequenziali sono così potenti da inventare praticamente dal nulla una storia d'amore di quelle totali. Coma al solito, poi, gli accenti e i sottofondi che Francesca Mazzucato vuole nella sua narrazione sono le parole uniche che questa passione immensa potrebbe avere. Il barocco carnale di Francesca Mazzucato, scrittrice che già ha raggiunto vette elevatissime per esempio con “Hot Line”, “L'anarchiste” e altri romanzi erotici che si fanno ricordare e curato pubblicazioni importantissime d'altri autori anche, è la sola lingua che permette d'immaginare fino in fondo questa trama fitta di batticuori e urti della pelle, di sonorità dei tanti luoghi fatti pure a forza di personaggio e del fluire di ricordi che devono affacciarsi nella futura ulteriore passione. La musica è maggiormente, certo, quella reale. Come non è possibile non ascoltare le musica inventata dalla prosa maestosa e sensuale, goliardica e genuina dell'autrice bolognese. Per chi volesse scaricare il testo, è possibile farlo anche da qui: http://www.bookrepublic.it/book/9788895412504-sinfonia-carnale-la-citta-sulla-pelle/. Francesca Mazzucato con “Sinfonia Carnale” rende nuovamente omaggio alla fantasia e ai principi vitali degli esseri umani.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Macro pop 2