Stefano Donno on twitter

martedì 31 gennaio 2012

L’ultimo giorno felice di Tullio Avoledo (edizioni Verdenero). Intervento di Vander Tumiatti*

Francesco di mestiere fa l’architetto e decide di portare per una scampagnata domenicale, moglie, figli e amici in una gita lungo le isole della laguna veneta. Tutto sembra andare contro una giornata di relax, e infatti viene bombardato da telefonate sul cellulare, cosicché i pensieri si accumulano nella sua testa formando un nugolo inestricabile e malevolo di ansie, stress, e tensioni … il tutto in un’alchimia di storie provenienti dal suo lontano passato sino ai progetti di un futuro incerto e poco chiaro. Nella sua testa ecco che comincia a farsi strada però un pensiero nitido, preciso, che comincia a fare pulizia di tutta quella nebbia interiore che per poco non lo soffoca: l’unica proprietà rimastagli ovvero quella dove abita zio Tarciso, una persona piuttosto anziana, ma singolarmente scorbutica, e scostante. Un pensiero ossessivo che nella testa di Francesco si lega  ad un surreale pranzo slow food, e poi la verità su un mondo dove gli intrecci tra “eco/mafia” e politica assumono contorni quasi “fantascientifici”. Quali dunque i legami tra questi frame mnemonici che il protagonista vive sulla propria pelle? Uno solo: il paradigma di una grande lezione di educazione ambientale sul dissesto e il progressivo deterioramento dei nostri fiumi e della qualità della  nostra vita. Fondamentalmente l’autore parla della nostra incapacità di tutelare l’ambiente a noi circostante, arrivando a perdere quel senso dell’urgenza che forse potrebbe cambiare quell’impressione di deriva cui siamo obbligati a sottostare, arrivando quasi al punto di disprezzare le problematiche di carattere ecologico, come cose altre, che non ci riguardano da vicino. L'Avoledo che leggiamo in questo libro è un Avoledo insolito, rispetto alle sue non certo strabilianti prove come “Breve storia di lunghi tradimenti” o la “Ragazza di Vajont” che ho avuto modo di leggere qualche tempo fa. Questo libro è fondamentalmente bello, denso di essenzialità, prerogativa che solo una grande autore riesce a infondere alle sue opere, commovente, ironico, e si potrebbero elencare molte altre qualità! Ma ciò che ha colpito in particolare è il salto di prospettiva scelto dall’autore per dispiegare il tessuto narrativo, dando luogo a un insolito e perciò assai intrigante punto di vista. Devo dire che sfogliarlo mi e' piaciuto davvero, il libro si legge bene, e soprattutto ha il pregio di mostrarci quanto malata sia la società di oggi … una società che nell’arco di qualche generazione è riuscita nella titanica impresa di provocare enormi disastri ambientali sotto l’imperativo categorico del dio denaro, cancellando dall’agenda della nostra vita la possibilità di riconsiderare i nostri stili di vita. Ma il libro unisce alle tematiche ambientali quelle sociologiche tuffandoci nella provincia profonda del Nord Est e nei suoi miti, primo tra questi il benessere, conquistati a prezzo del tempo, del paesaggio, della perdita della memoria e della propria cultura. Francesco, architetto che ha venduto la sua anima alla mafia, diventerà pienamente consapevole di questa perdita incommensurabile, della grande assenza di vita, soltanto in quelle ultime ore di un giorno finalmente felice.

*Fondatore di Sea Marconi Technologies

OGGI MANGIO DA … 142: ANTICA OSTERIA DEI CAMELI’

“Sulla strada che da Bergamo porta a Lecco, fra Ponte San Pietro e Pontida, si trova Ambivere, piccolo paese di 2200 abitanti, frazione compresa. All'inizio del centro storico, racchiusa in una corte Lombarda del 500 sorge l'Antica Osteria dei Cameli. Fondata nel 1856 dagli avi degli attuali gestori, continua nella sua attivita' di ristorazione. Una mirata ristrutturazione, firmata dalla rispettosa capacita' dell'Architetto Lucio Agazzi di Bergamo, ultimata nel luglio 2001, ne ha riemerso l' antica personalita'. Una volta entrati, vi troverete in un ingresso cinquecentesco, arredato con salottino e camino. Li avrete la possibilita' di lasciare i vostri soprabiti e di accomodarvi, secondo preferenza, in una delle diverse sale. In un ambiente caldo e confortevole sarete accolti personalmente dal titolare Camillo Rota che vi sara' accanto durante tutta la vostra sosta. Una volta che avrete scelto, con tutta comodita' dal menu che cambia seguendo le stagioni e il mercato, potrete in tutto relax gustarvi le preparazioni che Loredana e Fernanda, rispettivamente moglie e mamma di Camillo, invieranno al vostro tavolo. E allora potrete notare la rigorosa ricerca delle materie prime, l' instancabile applicazione in cucina per trasformarle, alleggerirle, personalizzarle ed esaltarle senza cancellarle. Tutto questo per farvi conoscere il loro grande progetto: "la cucina dei colori, dei profumi, dei sapori; la cucina dell'amore".”

QUI

JERUSALEM: The Biography by Simon Sebag Montefiore (Knopf)

“Jerusalem is the universal city, the capital of two peoples, the shrine of three faiths; it is the prize of empires, the site of Judgement Day and the battlefield of today’s clash of civilizations. From King David to Barack Obama, from the birth of Judaism, Christianity and Islam to the Israel-Palestine conflict, this is the epic history of three thousand years of faith, slaughter, fanaticism and coexistence. How did this small, remote town become the Holy City, the “center of the world” and now the key to peace in the Middle East? In a gripping narrative, Simon Sebag Montefiore reveals this ever-changing city in its many incarnations, bringing every epoch and character blazingly to life. Jerusalem’s biography is told through the wars, love affairs and revelations of the men and women—kings, empresses, prophets, poets, saints, conquerors and whores—who created, destroyed, chronicled and believed in Jerusalem. As well as the many ordinary Jerusalemites who have left their mark on the city, its cast varies from Solomon, Saladin and Suleiman the Magnificent to Cleopatra, Caligula and Churchill; from Abraham to Jesus and Muhammad; from the ancient world of Jezebel, Nebuchadnezzar, Herod and Nero to the modern times of the Kaiser, Disraeli, Mark Twain, Lincoln, Rasputin, Lawrence of Arabia and Moshe Dayan. Drawing on new archives, current scholarship, his own family papers and a lifetime’s study, Montefiore illuminates the essence of sanctity and mysticism, identity and empire in a unique chronicle of the city that many believe will be the setting for the Apocalypse. This is how Jerusalem became Jerusalem, and the only city that exists twice—in heaven and on earth.”.

ECOBIOEVOLUZIONE DI SAMUELE VENTURINI (CASTEL NEGRINO GRUPPO EDITORIALE)


Ecobioevoluzione


Il libro del giorno: Autori Vari - Imparare con la Robotica (Applicazioni di Problem Solving). Editore Erikson


Imparare con la Robotica
Autori Vari


La robotica educativa, indicata come priorità della scuola italiana dalla Direttiva del MIUR n. 93 del dicembre 2009 in tema di ampliamento Offerta formativa, offre agli insegnanti nuovi strumenti didattici che permettono una didattica attiva, in cui l'apprendimento è stimolato e motivato. In particolare la robotica è una tecnologia concreta, manipolabile, lontana dall'immaterialità di quanto avviene con il computer. Costruire e programmare un piccolo robot per svolgere un compito è un ottimo esercizio che costringe gli alunni a ipotizzare soluzioni a eventuali problemi, programmare e collaudare il robot, valutarlo e documentare l'esperienza realizzata. Questo libro propone suggerimenti concreti per realizzare in classe percorsi educativi multidisciplinari (matematica, fisica, informatica, scienze, ma anche elettronica, meccanica, teoria del controllo) attraverso la progettazione, la costruzione e l'utilizzo di robot. Dopo una parte introduttiva dedicata alla storia della Robotica Educativa e ai suoi fondamenti cognitivi e metodologici, vengono descritte le caratteristiche del robot utilizzato nel testo (LEGO® Mindstorms® NXT). Il libro propone una serie di esperienza da riproporre in classe; per ciascuna si forniscono le linee guida per gli studenti, le note per gli insegnanti, istruzioni per la costruzione, la programmazione e il collaudo del robot, olter a domande e suggerimenti di ulteriore approfondimento. Il volume si conclude con un'appendice che presenta il linguaggio testuale utilizzato per la descrizione dei programmi presentati (che vengono realizzati con un linguaggio iconico).


GENERATION STAR WARS

“This blog was founded in May 2004 to cover everything from Mac OS X to movies and beyond! However, it wouldn't be until the summer of 2007 that it was christened Generation Star Wars; in my mother's memory; I remembered a comment made by my former A-Level Sociology tutor; it was the 30th anniversary of Star Wars.
About the author - John Hood has a BA (Hons) in Media Production from the Media School of Bournemouth University and was featured in the Alumni Association magazine, The Talbot, a Media Careers special. An early childhood fascination with media production began when John's parents took him to see Star Wars in 1977. Shortly afterwards John was bought an Hitachi portable tape recorder as a Christmas gift... As part of an Exeter College/BBC Radio Devon partnership, John co-wrote and produced several documentaries. These were broadcast as part of teenage magazine show "90 MPH"!
After graduating from Bournemouth University, in June 1996, John worked for the BBC, Thomson Reuters and Dow Jones in various capacities. In 1998 John started developing original content (in mixed media) for internet distribution. The ability to work cross-platform, and conceptualise, and apply that thinking to print, broadcast or interactive content is key to successful multimedia practitioners! Successfully battled for justice on behalf of his late mother. John's legal action culminated in an out of court settlement with the RD&E NHS Foundation Trust Hospital, which was reported in the national press. The Chief Executive apologised for any deficiencies in his mother's care! Donations, made to Lucerne House Care Centre, in memory of John's mother, have been used to fund equipment for the computer room on Alphinbrook Unit! In view of his computer expertise, John was able to provide input, with the General Manager’s support, on suggested computer peripherals to provide assistive technology for residents. John was interviewed in BMW Magazine Autumn/Winter 2011 regarding his 1 Series Coupé M Sport. His artwork, photographs and blog posts are featured on Saatchi Online, Thomson Reuters, Nielsen, Chicago Sun-Times, TV Guide and USA Today websites.

HERE

AmerisourceBergen

“AmerisourceBergen is one of the world's largest pharmaceutical service companies serving the United States, Canada and selected global markets with a focus on the pharmaceutical supply channel.  Servicing both pharmaceutical manufacturers and healthcare providers, the Company provides drug distribution and related services designed to reduce costs and improve patient outcomes.  Our scale, our position in the healthcare industry, and the value we bring to the channel have all helped our business continue to succeed.
Locations: AmerisourceBergen operations reach across the United States and Canada, as well as in selected global markets.  Our 26 pharmaceutical distribution centers and three specialty distribution centers are strategically located throughout the United States; and we currently have nine distribution centers in Canada.”

HERE

DANESI LATERIZI

“La storia di Danesi ha radici antiche e tutta la forza e la solidità di un’impresa che, da oltre cinquant’anni, continua a evolversi e crescere, nei numeri, ma anche e soprattutto nella qualità dei suoi prodotti e sistemi. Una storia che comincia nel 1955, anno in cui viene fondato il primo stabilimento di Soncino, nel cuore della pianura lombarda, ovvero in una zona ricca di argille di qualità con le quali approvvigiona tutta l’area compresa fra Cremona, Bergamo e Milano, interessata, nei primi anni Sessanta, da uno straordinario boom edilizio che le restituisce nuova fisionomia. Nel 1983 lo sviluppo dell’attività aziendale prosegue con l’acquisizione e l’immediata ristrutturazione di una seconda fornace, la Casella Braga, situata in provincia di Brescia. Questa, potenziando gamma e capacità produttiva, rafforza la copertura commerciale nell’area lombarda e consente a Fornaci Danesi di cominciare a estendere il proprio sviluppo commerciale anche negli importanti mercati del Veneto e dell’Emilia. Un ulteriore significativo salto di qualità avviene poi nel 1999, quando Fornaci Danesi acquisisce gli impianti di produzione di laterizio di Casei Gerola e di Lugagnano Val d’Arda che, ristrutturati e gestiti secondo l’ormai consolidata esperienza acquisita, consentono di incrementare ulteriormente la gamma e la diffusione dei prodotti a marchio Danesi in tutto il nord e centro Italia. Gli anni 2000 confermano il dinamico sviluppo societario caratterizzato da una sapiente politica di acquisizioni mirate, di sinergie e alleanze, nonché attraverso l’ingresso in settori complementari a quello specifico della produzione di laterizi. Una strategia incalzante contraddistinta dalla volontà di garantire uno sviluppo costante dell’azienda e di consolidare gli importanti risultati raggiunti. Queste le tappe più significative:
Nel 2000 viene costituita Latercom, società commerciale di cui Fornaci Laterizi Danesi detiene la partecipazione di controllo, il cui scopo è commercializzare, insieme ai propri prodotti, anche quelli di alcuni tra i marchi più importanti del comparto del laterizio.
Nel 2004 viene acquisita la partecipazione di Gruppo Sereni, storica e qualificata azienda cremonese.
Il 2005 vede l’acquisizione di Laterizi Valdata la cui attività, affiancandosi a quella dello stabilimento di Casei Gerola, consente di rafforzare la presenza del gruppo nell’area nord ovest del paese. Nel 2006 Fornaci Laterizi Danesi consolida la pluriennale alleanza strategica con il Gruppo RDB attraverso l’acquisizione di quote di partecipazione in RDB Strutture, società produttrice di prefabbricato leggero, e in RDB Terrecotte, società produttrice di mattoni faccia a vista. Infine, un ulteriore rafforzamento si determina nel 2007 con l’acquisizione da parte di Fornaci Laterizi Danesi, di quote della stessa RDB.
Nel 2008 nasce Danesi Latertech (confluita in Danesi nel 2009) una nuova società specificamente finalizzata alla produzione di laterizi ad alte prestazioni termiche. Negli anni più recenti, infatti, il Gruppo Danesi ha investito ingenti risorse nella ricerca e nello sviluppo di nuove gamme di laterizi con ottime caratteristiche termiche e acustiche, ma senza mai dimenticare gli indispensabili requisiti di efficienza in fase di posa e di gestione in cantiere.
Nascono così le gamme più performanti e innovative - tra le quali spiccano la linea Thermokappa con inserti in Neopor o sughero e i nuovi blocchi Poroton Plan TS a setti sottili – specificamente progettate e realizzate per rispondere alla crescente domanda in tema di risparmio energetico. Una strategia produttiva mirata, al punto che nel 2010 Danesi e Danesi Latertech diventano Partner Casa Clima grazie all'elevata competenza tecnica acquisita e al suo costante impegno per una gestione sostenibile. Un grande traguardo per il Gruppo Danesi e un chiaro obiettivo per il prossimo futuro: trasformare l’argilla in benessere abitativo, producendo laterizio di elevata qualità e prestazioni, in grado di rispondere alle più elevate prescrizioni tecnico-normative finalizzate al risparmio energetico”.

QUI

Weekly Address: President's Blueprint Includes Renewal of American Values



In his weekly address, President Obama discusses the blueprint he put forward this week in the State of the Union Address for creating an economy built to last. After focusing on American manufacturing, American energy, and skills for American workers during each of the last three days, he used his weekly address to highlight his commitment to a renewal of American values. The President is challenging leaders in Washington, DC to follow the model set by our men and women in the military, end the gridlock and start tackling the issues that matter -- without regard for personal ambition.

Piers Faccini: Tribe - Official Music Video



Remarkable animated video from the new album MY WILDERNESS

ROSA SPINA

“L’artista Rosa Spina siciliana di origine ma calabrese di adozione, vive e lavora a Catanzaro dove ha insegnato 'discipline pittoriche' presso il Liceo Artistico Statale. Dal 1964 è presente in numerose manifestazioni d’arte contemporanea a carattere nazionale e internazionale, ha avuto riconoscimenti e premi, ha allestito personali in varie città italiane e ha esposto anche all’estero, la sua creatività è conosciuta oltre che in tutta Italia, anche in Finlandia, Germania, Stati Uniti, Brasile, Francia e Australia. Da tempo l’artista Rosa Spina è operatrice culturale, ha promosso e organizzato eventi espositivi in numerosi location di città italiane. Pioniera in Italia nella genesi della Fiber Art, innovatrice sempre , oggi come al tempo del suo debutto, nel mondo delle esposizioni. L’arte di Rosa Spina ha riflessi nelle prime sperimentazioni di quel filone di artisti statunitensi che alla fine degli anni sessanta, indicò la via di una nuova estetica basata sulle possibilità espressive e poetiche del medium tessile. Per la sua creatività utilizza l’icona della tradizione e la racconta attraverso un linguaggio contemporaneo. Nelle sue opere emerge il Défilage, prodotto del telaio metamorfizzato, operando lacerazioni e sfilacciamenti al frammento di arcane rievocazioni.
Cascate di fili reinterpretate e trasformate esprimono una nuova forza creativa, producono contatti impensabili e allargano nuovi orizzonti mentali e visivi, dove il segno tessile si fonde con il segno pittorico in un unicum di grande suggestione. Alla fine degli anni settanta il rapporto di stima ed amicizia con il noto artista Mimmo Rotella è fondamentale per costruire un percorso autonomo e innovativo. A Milano conosce Pierre Restany che apprezza il suo lavoro e la stimola a proseguire nella sperimentazione. La straordinaria capacità di progettare , attraverso il telaio, trasformando successivamente il filo in arte ha reso il lavoro della spina elaborato, colto sofisticato, aperto alle più attuali istanze dei linguaggi artistici contemporanei, ha permesso all’artista di evolvere seguendo il proprio istinto creativo lungo diversi percorsi semantici, contando su una sicurezza del fare di eccezionale classe. (l’immagine qui riportata rappresenta un’opera dell’artista Rosa Spina)
QUI

lunedì 30 gennaio 2012

“Non è un cambio di stagione” di Martin Caparròs (Edizioni Ambiente/Verde Nero) di Vander Tumiatti*

Martín Caparrós (Buenos Aires, 1957) si è laureato in Storia a Parigi, è vissuto a Madrid e New York e ha diretto riviste culturali. Ha tradotto Voltaire, Shakespeare e Quevedo, ha vinto il Premio Planeta Latinoamericano, il Premio Rey de España e la borsa di studio Guggenheim. Le sue opere sono state tradotte in svariate lingue. Lui  è un personaggio incredibile che di recente ha fatto delle affermazioni degne di essere prese in considerazione.  Se è vero dunque quello che dice l’ex funzionario ONU Martin Caparròs, ovvero che l’ambientalismo non solo si è macchiato di business e di velleità modaiole, la possibilità che per  vivere ogni giorno abbiamo bisogno di un’apocalisse diventa sempre più concreta. Parte da queste considerazioni Caparròs nel suo ultimo lavoro dal titolo “Non è un cambio di stagione” uscito in Italia per le Edizioni Ambiente. Questa è l’ultima pubblicazione che sono riuscito a valutare tra i miei tanti impegni di lavoro su e giù per l’Italia. Si tratta di un libro molto interessante, tanto che alcune considerazioni in esso riportate potrebbe suscitare nella migliore delle ipotesi un “vespaio”: una forte eco/delusione dovuta all’incapacità di fare analisi obiettive davanti alle grandi tragedie come la fame nel mondo; il fatto che l’ecologia sia diventata una moda e che detti l’agenda delle soluzioni che i principali capi di governo prendono in merito: un neoconservatorismo nelle frange più estreme della sinistra ecologica, dovuto ad una perdita del senso di un futuro eco/compatibile; il generale fraintendimento della società civile nei confronti delle questioni ecologiche più importanti … ovvero ci si preoccupa per una foca che sta annegando e non dei bambini denutriti che muoiono ogni giorno. Questo libro è importante perché ci fa riflettere sul fatto che ogni categoria di “impegnati”, ha la sua personale apocalisse, sulla quale però non riesce a mettere a fuoco possibili soluzioni o proposte. “Non è un cambio di stagione” è un percorso dunque in nove paesi dal Brasile alla  Nigeria al Niger al Marocco alla Mongolia all’Australia alle Filippine, alle isole Marshall sino agli Stati Uniti ormai sotto attacco del cambiamento climatico. Una vera e propria riflessione a fior di lama quella di Caparròs sulle contraddizioni dell’ecologismo e dell’ambientalismo esasperato che a sua volta si fa “affarismo” riuscendo addirittura a smascherare con ironia e intelligenza le zone d’ombra di certi ambienti dell’ecologia integralista che si mascherano di purezza quando in realtà sotto sotto a volte c’è del marcio.


*Fondatore di Sea Marconi Technologies

OGGI MANGIO DA … 141: RISTORANTE L’ARCO ANTICO

“"Pronto,arco antico?"
"Si?"
"Parlo con Flavio costa?"
"Si,sono io"
"Buongiorno, vorrei prenotare un tavolo per martedi' 10 aprile, siamo in due. E' possibile?"
"ehm,veramente avevamo intenzione di tener chiuso perchè a pasqua e pasquetta lavoriamo e martedi' volevamo riposare (n.b. il ristorante e' chiuso normalmente domenica e lunedi' a pranzo)..."
"Accidenti,io purtroppo sono di rientro da un giro e devo essere a Roma martedi' sera.
Ci tenevo tanto ad assaggiare la sua cucina. Stando cosi' lontano non ho molte opportunita' di venirla a trovare""
Mi dispiace....senta, allora facciamo cosi', ci vediamo martedi' a pranzo cosi' non rimane col dubbio..."
"E' sicuro? Non vorrei essere responsabile del suo mancato riposo..."
"Non si preoccupi"
"Va bene allora mi chiamo...,ci vediamo martedi'".

Ecco, con questi ottimi auspici e'iniziata la nostra piacevolissima esperienza all'Arco Antico, davvero un ristorante giovane, vivace, dove la freschezza gustosa dei piatti ne fa uno dei nuovi luoghi gourmet italiani a pieno merito.Ci accoglie con molta gentilezza la mamma dello chef che con altrettanto garbo, presenterà le varie portate che si susseguiranno:
spuma di asparagi violetti di Albenga con uovo di quaglia pochè e caviale di aringa affumicato (buona entree): crudo di nasello con emulsione di taggiasche e pinzimonio di verdure (fresco e gustoso);  brodetto freddo di piselli con nasello demi-cuit e schiuma allo champagne (la primavera in bocca);  crema di zucchette trombette all'extravergine con seppie al nero e scorzette di limoni candite (davvero eccellente); il famoso baccala' al contrario al vapore sul suo mantecato,chips di patate e salsa al basilico; gambero di oneglia al vapore con insalatina di carciofi e cipollotti nostrani; frittino croccante con agrodolce leggermente piccante di frutta e verdura (accostamento molto interessante); triglia farcita con foie gras d'anatra,salsa agrodolce allo sherry e caffe' ecomposta di cipolle (triglie freschissime ottime anche senza foie gras); orzo mantecato aglio, olio e peperoncino con cime di rapa, gamberi di oneglia e vongole veraci(il miglior piatto,forse); tagliatelle con frattaglie di agnello marinate al vino rosso ed erbe aromatiche(mi hanno ricordato l'oasis di vallesaccarda); capretto locale cotto a bassa temperatura in extravergine con salsa ai pernambucchi e spinacino(semplice ma ottimo); varianti di cioccolato ed agrumi. Una cucina solida e leggera,delicata e molto gustosa, con idee ben chiare,senza inutili orpelli,oserei dire in levare piuttosto che in battere.E poi lui, Flavio Costa, un ragazzo che definire alla mano e' dire poco,umile,simpatico e molto bravo.Belin,ecco un'altro indirizzo di quest'Italia golosa da tenere molto molto presente.”

QUI

ALESSANDRO RUSSO

“ALESSANDRO RUSSO, nato a Catanzaro nel 1953, in quasi quarant’anni di pittura ha alimentato un’esperienza di solida personalità nel panorama figurativo europeo. Dalle prime mostre nella città natale presso la Galleria L’Astragalo (1973) e a Milano alla Galleria Lusca e alla Schettini (1979) è chiara la personale invenzione di un mondo visionario riscoperto nel visibile del quotidiano. Ciò porta il poeta e critico Piero Bigongiari a parlare di «sottili e aeree ossessioni inventive», e a proporlo per un’esposizione alla Galleria Pananti di Firenze (1981), primo di una serie di giovani pittori europei. Le altre mostre, a Roma e a Latina (1984), e ancora la personale di 80 opere alla Galleria Pananti (1988), dimostrano come la ricerca di Russo abbia ampliato le sue promettenti premesse. Negli anni cresce l’attenzione e la stima nei suoi confronti, così come cresce il rispetto per la scelta di lavorare nella città natale e di impegnarsi nell’insegnamento all’Accademia di Belle Arti catanzarese, dove è professore di Decorazione. Nella vita dell’artista contano le esperienze motivate dal suo radicamento, critico e appassionato nella propria terra: si ricordino la mostra alla Pinacoteca di Taverna (1990), l’esecuzione del grande ciclo intitolato Imago Urbis presso Palazzo De Nobili, sede del Comune di Catanzaro (1999), come la grande tela del Palazzo Pubblico Corato, le sue Historiae nei pannelli per il palazzo provinciale della Guardia di Finanza a Vibo Valentia, e il grande dipinto per il Centro Calabrese dei Vigili del Fuoco. Ma contano anche i frequenti impegni all’estero: la mostra personale alla Casa delle Arti di Pécs, su invito del Dipartimento Universitario di Italianistica (1995) e, su invito dell’Istituto Italiano di Cultura, l’ampia antologica ospitata nel Museo Petőfi di Budapest. Nel 1999, in occasione del terzo centenario della morte di Mattia Preti, espone in una collettiva al Museo di Belle Arti de La Valletta a Malta. Nel 2003 anche l’Istituto Francese di Firenze dedica un omaggio all’artista, ospitando la mostra intitolata Le chef d’oeuvre inconnue, a cura di Luigi Tassoni, Alberto Caramella e Gerome Bloch. A New York nel 2004 realizza un bozzetto dedicato all’11 settembre, e l’anno successivo partecipa con le sue opere alla prima rassegna del MAC, Museo di Arte Contemporanea dell’Accademia di Catanzaro, nel cinquecentesco Complesso del San Giovanni. Mentre nel 2008, a cura di Rosario Pinto, espone a Napoli alla Galleria Movimento Aperto i suoi Comizi, dal 2006 espone regolarmente alla Galleria Antonio Battaglia di Milano, che cura l’opera dell’artista calabrese. Ancora nel capoluogo lombardo, nel 2009 propone la sua ricerca pittorica Opera Mundi alla Galleria Donec Capiam Studio, a cura di Paolo Pocchini. Nel 2010 porta Paesaggi e Figure alla Galleria Antonio Battaglia di Milano e Paesaggi Industriali alla Galerie Bertrand Kass di Innsbruck. Nel 2011 realizza una grande mostra dal titolo Umanità. Maschere. Luoghi, a cura di Gianluca Marziani, presso il Complesso Monumentale del San Giovanni di Catanzaro. Sempre del 2011, a coronamento di una carriera coraggiosa e coerente, è il suo invito nel Padiglione Italia (regione Calabria) per la Biennale di Venezia. (a cura di Milly Curcio)” (l’immagina qui presentata riguarda un’opera di Alessandro Russo)

QUI

MICROCOSMO 3D DI BARRY ROTHSTEIN E BETSY ROTHSTEIN (GALLUCCI EDITORE)


Microcosmo 3D - con Occhiali 3D


Il libro del giorno: L'enneagramma di Gurdjieff - Speciale la Quarta Via n.2/2011 . Raccolta di 14 numeri de "La Quarta Via". (La Teca Edizioni)


L'enneagramma di Gurdjieff - Speciale la Quarta Via n.2/2011
Autori Vari


L'enneagramma è un simbolo misterioso in cui è racchiuso l'intero corpo dell'insegnamento trasmesso dalla Quarta Via. Questa raccolta ci aiuta a fare luce sull'interpretazione, l'utilizzo e la vera origine dell'enneagramma portato per la prima volta in occidente da Gurdjieff.
Ecco alcuni dei temi affrontati in questo Pack:
L'Enneagramma disegnato da Gurdjieff
L'ENNEAGRAMMA In movimento!
L'Enneagramma e l'Albero della Vita
I punti dell'Enneagramma: LA LUNA, MERCURIO, VENERE, MARTE, GIOVE, SATURNO
I sei principi dell'Enneagramma
L'Enneagramma e i Peccati
L'Enneagramma psicologico dei difetti
Il Sacro Enneagramma
Due enneagramma a confronto: NARANJO E GURDJIEFF

E molto, ma molto altro ancora... Le dispense di studio de La Teca - Istituto per lo sviluppo armonico e di Gurdjieff.es ti daranno la possibilità di approfondire l'insegnamento di Gurdjieff in modo completo, inserendolo nel contesto del filone cristiano-gnostico che ha profondamente influenzato il maestro armeno. Studiando le nostre pubblicazioni rimarrai sorpreso nel fare scoperte sull'origine dell'insegnamento della Quarta Via e potrai, finalmente, avere degli strumenti nuovi per lavorare più adeguatamente su te stesso.

COMICS IN CRISIS BY KHRIS REAVES AND BRIAN REAVES























HERE

BOEING

“Boeing is the world's largest aerospace company and leading manufacturer of commercial jetliners and defense, space and security systems. A top U.S. exporter, the company supports airlines and U.S. and allied government customers in 150 countries. Boeing products and tailored services include commercial and military aircraft, satellites, weapons, electronic and defense systems, launch systems, advanced information and communication systems, and performance-based logistics and training. Boeing has a long tradition of aerospace leadership and innovation. The company continues to expand its product line and services to meet emerging customer needs. Its broad range of capabilities includes creating new, more efficient members of its commercial airplane family; integrating military platforms, defense systems and the warfighter through network-enabled solutions; creating advanced technology solutions; and arranging innovative customer-financing options. With corporate offices in Chicago, Boeing employs more than 170,000 people across the United States and in 70 countries. This represents one of the most diverse, talented and innovative workforces anywhere. More than 140,000 employees hold college degrees -- including nearly 35,000 advanced degrees -- in virtually every business and technical field from approximately 2,700 colleges and universities worldwide. Our enterprise also leverages the talents of hundreds of thousands more skilled people working for Boeing suppliers worldwide. Boeing is organized into two business units: Boeing Commercial Airplanes and Boeing Defense, Space & Security. Supporting these units are Boeing Capital Corporation, a global provider of financing solutions; the Shared Services Group, which provides a broad range of services to Boeing worldwide; and Boeing Engineering, Operations & Technology, which helps develop, acquire, apply and protect innovative technologies and processes.
Boeing Commercial Airplanes - Boeing has been the premier manufacturer of commercial jetliners for more than 40 years. With the merger of Boeing and McDonnell Douglas in 1997, Boeing's leadership in commercial jets, joined with the lineage of Douglas airplanes, gives the combined company a 70-year heritage of leadership in commercial aviation. Today, the main commercial products are the 737, 747, 767 and 777 families of airplanes and the Boeing Business Jet. New product development efforts are focused on the Boeing 787 Dreamliner, and the 747-8. The company has nearly 12,000 commercial jetliners in service worldwide, which is roughly 75 percent of the world fleet. Through Boeing Commercial Aviation Services, the company provides unsurpassed, around-the-clock technical support to help operators maintain their airplanes in peak operating condition. Commercial Aviation Services offers a full range of world-class engineering, modification, logistics and information services to its global customer base, which includes the world's passenger and cargo airlines, as well as maintenance, repair and overhaul facilities. Boeing also trains maintenance and flight crews in the 100-seat-and-above airliner market through Boeing Training & Flight Services, the world's largest and most comprehensive provider of airline training.
Boeing Defense, Space and Security - Boeing Defense, Space & Security (BDS) provides end-to-end services for large-scale systems that enhance air-, land-, sea- and space-based platforms for global military, government and commercial customers. In addition to designing, producing, modifying and supporting fighters, bombers, transports, rotorcraft, aerial refuelers, missiles, munitions and spacecraft for military, civil and commercial use, BDS is developing enhanced capabilities through network-enabled solutions, communications and intelligence, surveillance and reconnaissance technologies. BDS supports the U.S. government as a system integrator on several programs of national significance, including NASA's International Space Station and, the Missile Defense Agency's Ground-based Midcourse Defense program. BDS is also expanding into new markets and adjacencies, including unmanned systems, cyber security, energy management, and support and logistics.
Boeing Capital Corporation - Boeing Capital Corporation is a global provider of financing solutions. Working closely with Commercial Airplanes and Defense, Space & Security, Boeing Capital Corporation arranges, structures and provides financing to facilitate the sale and delivery of Boeing commercial and military products. With a year end 2011 portfolio value at approximately $4.3 billion, Boeing Capital Corporation combines Boeing's financial strength and global reach, detailed knowledge of Boeing customers and equipment, and the expertise of a seasoned group of financial professionals.
Engineering, Operations & Technology - EO&T enhances Boeing's growth and productivity by driving technical and functional excellence across the enterprise. Its primary objectives are to support the company's business units by delivering high-quality, low-cost technical services in information technology, research and technology, and test and evaluation; integrated enterprise strategies that ensure technology is ready when needed, competitively protected and environmentally progressive; and highly disciplined and efficient engineering, operations and supplier management support that ensures program success. The organization pays particular attention to ensuring the success of development programs, and strives to attract, develop and retain a world-class technical and functional work force.
Shared Services Group - Shared Services Group allows business units to focus on profitable growth by providing the infrastructure services required to run their global operations. The group provides a broad range of services worldwide, including facilities services, employee benefits and services, staffing, recruitment, wellness programs, security, fire protection, site operations, disaster preparedness, construction, reclamation, conservation programs, virtual workplace, creative services, transportation, business continuity and the purchase of all non-production goods and services. It also offers comprehensive travel services to Boeing employees and manages the sale and acquisition of all leased and owned property for Boeing. By integrating services, Shared Services Group delivers greater value, creates "lean" processes and operations, leverages buying power and simplifies access to services for all of Boeing.”

HERE

FONTANOT

“Le scale, elemento di collegamento tra più livelli architettonici, sono spesso considerate dai progettisti come un male indispensabile. Per Fontanot, fin dall’inizio della sua storia aziendale, hanno rappresentato una sfida continua, un prodotto da scoprire, da pensare, da progettare e da realizzare. La vera sfida è stata quella di trasformare la scala, un prodotto tipicamente artigianale, in un progetto industriale capace di rivoluzionare l’abitare su larga scala, razionalizzare i processi industriali per esprimere a pieno le potenzialità di un prodotto che unisse la perfezione e l’eccellenza industriale alla possibilità di personalizzare lo spazio della casa con un’architettura di stile. Che siano a chiocciola, a rampa, elicoidale, in legno, acciaio o in plastica le scale Fontanot hanno arredato e continuano ad arredare le case di tutto il mondo con uno stile inconfondibile, frutto di quella propensione al cambiamento, alla sperimentazione e all’innovazione che dal 1947 hanno conquistato il mercato.
Scale di ogni tempo - “Solo se abbiamo la capacità di abitare [il tempo] sappiamo costruire.” Le tipologie di scala che caratterizzano l’abitare sono molto vaste perché riassumono l’estetica architettonica di un’intera cultura in una determinata epoca. Sia che si tratti dei palazzi cinquecenteschi, degli edifici dell’architettura barocca e rococò, delle scale delle casbah arabe o delle scale antincendio tipiche delle metropoli americane, la scala è da sempre un percorso visivo e funzionale che realizza la continuità spaziale tra mondi (interno ed esterno, sopra e sotto, terra e cielo, terreno e divino) e diventa cardine compositivo denso di significato. Fontanot è il marchio che esprime tutti questi significati, è il marchio della scala universalmente intesa attraverso la storia, è l’evoluzione della scala da architettura funzionale ad architettura narrativa, è un marchio che crea una nuova cultura.”.

QUI

Faces from the First Lady's Guest Box: Mike Krieger

 



First Lady Michelle Obama invited a cross-section of Americans to sit with her in her guest box during President Obama's State of the Union address. Go Behind the scenes with Mike Krieger, Co-Founder of the photo sharing website Instagram, as he met the First Lady and took an Instagram with her in the Blue Room. http://whitehouse.gov/sotu

Lisa Hannigan - I Don't Know

 


Music video by Lisa Hannigan performing I Don't Know. (C) 2009 Lisa Hannigan under exclusive license for North America to ATO Records, LLC

domenica 29 gennaio 2012

OGGI MANGIO DA … 140: Ristorante Trattoria La Lanterna

“L'edificio che la ospita ha conosciuto i saraceni di Ariadeno Barbarossa nelle sue scaramucce nautiche col Doria.  Se questo ne limita lo spazio, conferisce però all'insieme quel senso di armonioso vissuto, forgiato dalle intemperie e dal sale. Fu infatti salatoria di acciughe, poi balera, prima dell'attuale destinazione. Dispone di un terrazzino esterno e di una sala interna poco più grande, diciassette tavoli in tutto. Il nostro menù è attento alla stagionalità, in mare, nell'orto e nel bosco, con una particolare attrazione per i prodotti locali. L'apporto di pescatori professionisti, che operano nelle acque del Parco, ci permette l'uso di pesce locale, dal più pregiato al più povero, sfruttati al massimo delle loro (...e delle nostre...) possibilità. Il pane è il vero valore aggiunto della trattoria: fresco di giornata, viene da noi prodotto alle olive taggiasche, bianco, alle noci e quant'altro, e viene offerto al cliente come un omaggio conviviale..”

QUI

Il libro del giorno: Linea di Sangue a cura di Tito Faraci e Roberto Diso (Sergio Bonelli editore)

Due uomini, due battaglie. Il primo uomo è un giovane soldato. Si chiama Paul, e la sua battaglia è quella che si sta combattendo sotto il monastero di Montecassino, uno dei momenti cruciali della Seconda Guerra Mondiale. L'altro è un sicario della mafia, lavora per la famiglia Bastiano, e la sua battaglia è contro il clan irlandese dei McLean, sullo sfondo di una New York dura e violenta. Che cosa collega Paul e Vic? Qual è la linea di sangue che li unisce?


INSIDE SCIENTOLOGY: The Story of America’s Most Secretive Religion by Janet Reitman. (Houghton Mifflin Harcourt)

“Scientology, created in 1954 by a prolific sci-fi writer named L. Ron Hubbard, claims to be the world’s fastest growing religion, with millions of members around the world and huge financial holdings. Its celebrity believers keep its profile high, and its teams of “volunteer ministers” offer aid at disaster sites such as Haiti and the World Trade Center. But Scientology is also a notably closed faith, harassing journalists and others through litigation and intimidation, even infiltrating the highest levels of the government to further its goals. Its attacks on psychiatry and its requirement that believers pay as much as tens and even hundreds of thousands of dollars for salvation have drawn scrutiny and skepticism. And ex-members use the Internet to share stories of harassment and abuse.  Now Janet Reitman offers the first full journalistic history of the Church of Scientology, in an evenhanded account that at last establishes the astonishing truth about the controversial religion. She traces Scientology’s development from the birth of Dianetics to today, following its metamorphosis from a pseudoscientific self-help group to a worldwide spiritual corporation with profound control over its followers and even ex-followers.  Based on five years of research, unprecedented access to Church officials, confidential documents, and extensive interviews with current and former Scientologists, this is the defining book about a little-known world..”

GIUSEPPE CELI

“GIUSEPPE CELI, nato a Catanzaro, inizia i suoi studi presso il Liceo Artistico di Reggio Calabria e li conclude a Catanzaro dove frequenterà successivamente la Scuola Libera del Nudo presso l’Accademia di Belle Arti.   La sua formazione si è via via arricchita di nuove esperienze frequentando i Corsi Internazionali di Litografia presso l’Istituto di Belle Arti di Urbino e i Corsi di Calcografia Sperimentale “Goetz” presso la Scuola Internazionale di Grafica di Venezia.   È in quegli anni che inizia il sodalizio con Renzo Biasion, maestro che lo influenzerà più in senso etico che stilistico, trasmettendogli il proprio modo di concepire l’arte nel suo rapporto con la vita.   Dal 1974 al 1982 ha insegnato al Liceo Artistico di Catanzaro e Cosenza e dal 1982 insegna Arte e Immagine nelle Scuole Inferiori di Primo Grado.  Agli inizi del 2000 abbandona il figurativo tradizionale a favore dei linguaggi contemporanei dell’arte, esprimendosi in una pittura di tendenza postmoderna.   Artista poliedrico, spinge le sue ricerche oltre che nel settore delle arti figurative (pittura, scultura e grafica), anche nel campo della fotografia digitale e del design.  Particolarmente attento ai linguaggi dei mezzi di comunicazione di massa.
Effettua pregevoli irruzioni in diverse espressioni d’arte (Pop Art, Espressionismo Astratto, Arte Povera, Informale materico).  Significative, originali e innovative sono state fin qui le intuizioni che hanno connotato il suo lavoro; così come ostinata è la sua determinazione nel perseguire un’indipendenza all’interno del contesto artistico italiano. Irrequieto rispetto ai ritmi canonici dell’attività artistica (vernissage, scadenze, ecc.), cerca rifugio nei suoi sempre più frequenti viaggi all’estero. Non partecipa alla vita mondana e ama essere un invisibile che coerentemente e intenzionalmente risulti assente anche dalle pubbliche manifestazioni.” (l’immagina qui presentata riguarda un’opera di Giuseppe Celi)

QUI


IL CALENDARIO MAYA DI ROBERTO LA PAGLIA (XENIA EDIZIONI)


Il Calendario Maya



LE MUMMIE DI MASSIMO CENTINI (XENIA EDIZIONI)


Le Mummie



SE STEVE JOBS FOSSE NATO A NAPOLI DI ANTONIO MENNA (SPERLING AND KUPFER EDITORI)


Se Steve Jobs Fosse Nato a Napoli


Due ragazzi chiusi in un garage si inventano il computer del futuro: leggero, veloce, dal design innovativo, che non si blocca e non prende virus. Se fossimo in America, la storia avrebbe un lieto fine, fatto di soldi, gloria e successo. È andata così a Steve Jobs e alla sua Apple. Ma siamo a Napoli, dove il genio non basta a cambiare un destino. Lo sanno bene Stefano Lavori e Stefano Vozzini, due ragazzi dei Quartieri Spagnoli, che per avviare l'attività e vendere il loro rivoluzionario computer si scontrano con il peggio del Belpaese: in Italia i prestiti si fanno solo a chi ha già i soldi, le regole sono scritte per gli scemi perché i furbi se le scrivono da soli, i bandi li vincono gli amici di amici, la burocrazia chiude un occhio su chi è ben ammanigliato, ma li tiene spalancati sui poveracci. E ammettendo che i due guaglioni siano abbastanza affamati e folli da non arrendersi, quando ci si mette di mezzo la camorra il loro sogno va letteralmente in fumo. O, almeno, così sembra. Questo racconto, tanto amaro quanto esilarante, è nato come post sul blog dell'autore e in poche ore ha fatto il giro del mondo prima di diventare un libro. Antonio Menna spiega in modo divertito e insieme spietato la condizione di un Paese che sguazza nei suoi mali e incoraggia le buone idee ad andarsene. E ci svela perché da noi la Apple non sarebbe mai nata. E forse Steve Jobs sarebbe finito a vendere le pezze al mercato. Prefazione di Pino Aprile.

THE CULTURAL EXPOSE’

“Founded in 2010, The Cultural Exposé is a creative  listings site for “hip + arty urban adventurers” who are looking for things to do in London and beyond. We like uncover the coolest and most creative happenings in the capital, so only recommend stuff we  genuinely co-sign!
HOW CAN I GET INVOLVED?
We’re always keen to hear from aspiring writers or photographers who love arts, culture, travel (and London!). Feel free to pitch ideas to editorial@theculturalexpose.co.uk
CREATIVE SERVICES (NEW!)
Our team of creative contributors are available to produce editorial and multimedia content (photography and video) to meet your project, event or marketing needs. One of our current clients is Perrier and our team provide editorial content for their online project, Société Perrier. E-mail us to find out more…
The Team - Matilda Egere-Cooper, Laura Thornley, Monique Todd, Aoife Moriarty, Apostolos Kostoulas, Rachel Segal Hamilton, Hugh Wright, Syriah Bailey, Clare Ebberson, Yusuf Orekan, Sian Goldby, Lucy Palmer, Aaron-Spencer Charles, West End Wendy”

HERE

FANNIE MAE

“Fannie Mae exists to serve America’s families and the housing market – and we’ve done so for more than 70 years. We are deeply committed to our mission: ensuring that working families have access to mortgage credit to buy homes they can afford over the long term or that they can secure quality rental housing.
About Fannie Mae - Fannie Mae is a government-sponsored enterprise chartered by Congress to keep money flowing to mortgage lenders, to help strengthen the U.S. housing and mortgage markets, and to support affordable homeownership. We are a national mortgage finance company, but we don’t offer home loans. We stand behind mortgage lenders – local and national banks, thrifts, credit unions, and other financial institutions in all 50 states – to securitize or buy the mortgage loans they originate, enabling them to replenish their funds so they can lend to other homeowners. Similarly, we work to keep funds flowing to support affordable rental housing. We’re also focused on helping struggling families. By working with our partners, we’re helping families prevent foreclosure and keep their homes whenever possible. When foreclosure is unavoidable, we work to sell homes quickly at or near market value to people who will live in those homes. That helps to stabilize neighborhoods and home values. We are committed to creating long-term value to help build a strong, sustainable housing market for the future. Our mission has never been more critical than it is today.
Fannie Mae’s Vital Role in the Market - Fannie Mae plays an even greater role in the housing market today as our nation recovers from the worst housing crisis since the Great Depression. Fannie Mae's role in the market – and our charter requiring us to serve in all communities at all times, good and bad – gives us a unique ability to respond to market challenges. When others pull back or leave the market, we step forward.
An Urgent Responsibility - Our mandate is to keep money flowing to mortgage lenders and to make sure people can buy or rent housing. We have one of the largest foreclosure prevention operations to help struggling homeowners keep making their mortgage payments and avoid losing their homes.
We work with mortgage servicers, housing counselors, and other partners to help distressed homeowners understand their options and find the best solution to meet their needs. Our goal is to help as many families as possible stay in their homes, protect property values in communities across the country, and build a stronger foundation for the U.S. housing market.
Today, we continue to focus on building a sustainable foundation for the future of America's housing.
Keep funds flowing to the mortgage market. We continue our commitment to our fundamental mission – providing mortgage liquidity.
Help distressed homeowners. We established one of the largest foreclosure prevention operations in the country in less than two years. Our efforts help stabilize communities and limit losses on our legacy book of business (pre-2009), which benefits taxpayers. Encourage sustainable lending. We have strengthened lending standards to help ensure that working Americans who buy homes can afford them over the long term. We are emphasizing long-term, fixed-rate mortgages – loans that protect homeowners from interest rate swings.
We are committed to working with our regulator, the Federal Housing Finance Agency (FHFA), and others to develop a better model for servicing mortgages to help reduce risk, increase flexibility, and improve service for borrowers. We focus on efforts that make a positive difference to families and communities across the country. We will continue to work with industry partners, lenders, and families to build a sustainable housing market for the future.”

HERE


FLIR SYSTEMS

“FLIR, leader mondiale nella progettazione, produzione e commercializzazione di termocamere ad infrarossi. FLIR Systems Inc, (NASDAQ: FLIR) è il produttore leader di sistemi avanzati di analisi delle immagini termiche, che comprendono termocamere ad infrarossi, per installazioni a bordo di aerei e sistemi di visione artificiale. I nostri prodotti giocano un ruolo vitale in numerose attività industriali, commerciali e governative in oltre 60 paesi. In qualità di pioniere nel settore delle termocamere ad infrarossi in ambito commerciale, da oltre 50 anni FLIR fornisce apparecchiature per la termografia e la visione notturna ai settori delle scienze e dell'industria, alle forze dell'ordine e al settore militare. Offre la più ampia gamma di termocamere ad infrarossi esistenti sul mercato, sia per principianti che per operatori termografici professionisti, per svariate applicazioni tra cui: manutenzione preventiva, automazione industriale, test non distruttivi, Ricerca & Sviluppo, ispezioni edili, termoidraulica, settore medicale, settore militare, sorveglianza, sicurezza e controllo dei processi produttivi, e molto altro ancora. L'azienda offre lavoro ad oltre 1.400 specialisti della tecnologia ad infrarossi, tutti estremamente motivati, e rifornisce i mercati internazionali attraverso una fitta rete di 60 sedi regionali, con funzioni di vendita ed assistenza. FLIR coopera strettamente con ITC Infrared Training Center per l'organizzazione di corsi di formazione professionali su diversi livelli e per diversi segmenti di mercato.

QUI

President Obama Discusses Energy in Colorado



From Buckley Air Force Base in Aurora, Colorado, President Obama discusses ways to promote clean energy produced in the United States -- and how the U.S. military is taking steps to lead on that effort

The Maccabees - Pelican




Download Pelican here: http://bit.ly/MaccabeesPelican
From their new album Given To The Wild, out now

Buy Given To The Wild:

HMV: http://bit.ly/MaccabeesHMV
Play: http://bit.ly/MaccabeesPlay
Amazon: http://bit.ly/MaccabeesAmazon
iTunes: http://bit.ly/MaccabeesiTunesSD

http://www.themaccabees.co.uk
http://themaccabees.tumblr.com
http://www.facebook.com/themaccabees
http://www.twitter.com/themaccabees

sabato 28 gennaio 2012

OGGI MANGIO DA … 139: Ristorante Trattoria I Marchesi

“...dici Liguria e pensi al mare. Ma ci sono gemme golose distanti dalle spiagge, gemme che devi cercare con attenzione...
I Marchesi Osteria si trova a Ceparana di Bolano, in quelle che furono le scuderie dell'antico Palazzo Giustiniani, adiacente all'omonima capella.  Il locale si estende in due accogliienti e raffinate sale arredate in stile provenzale.  La cucina, diretta dalla Chef Nadia Ricciardi, vuole offrire nuove e inaspettate esperienze dei sensi, in equilibrio fra ricette locali e sapori d'oltralpe.
In sala, Federico e Valeria Mazzoni vi seguiranno e consiglierano nel Vostro viaggio fra profumi e sapori, nella scelta dei vini e delle pietanze. La cura per i dettagli, la qualità dei prodotti e l'atmosfera amichevole sono aspetti peculiari dell'Osteria. Si parte da concetti semplici e chiari. Valori che definiscono l'attività de I Marchesi Osteria:  passione e dedizione, ricerca e tradizione, estetica e sostanza, creatività e gusto. Attraverso la selelzione delle migliori materie prime e dei vini, la maestria con cui vengono cucinati i piatti, la cura dei dettagli, il senso di genuina ospitalità, l'amore nello sperimentare e apprendere nuove ricette il lavoro si concretizza nella propria soddisfazione ma soprattutto nella piena soddisfazione dei clienti. Questo spirito così autentico e forte si rinnova ogni giorno per migliorarsi e mantenere un livello qualitativo eccellente, sia per un pranzo informale che per una cena da ricordare.  Ad maiora.”

QUI

“Gli occhi di mia figlia” (Lupo Editore) di Vittoria Coppola è libro dell’anno 2011 per il TG1

Il romanzo di Vittoria Coppola, “Gli occhi di mia figlia” (Editore Lupo) ha vinto il concorso sondaggio del Tg1, “Il libro dell’anno lo scegli tu” classificandosi al primo posto con un distacco di oltre quattro punti percentuali (2. Le votazioni si sono svolte con un sondaggio sulla pagina del sito rai dedicato al programma di approfondimento Billy: il vizio di leggere, in onda come di consueto ogni domenica. Ha vinto una giovane scrittrice di ventisei anni, sostenuta da decine di migliaia di voti e da un passaparola nella rete e fuori, che ha unito i blog, le piccole librerie, le scuole, gli insegnanti, gli studenti, e le associazioni della categoria, come l’Associazione Pugliese degli Editori e i Presidi del Libro. Una vera e propria vittoria del saper far rete in modo sociale e veicolando letteratura e emozioni in presa diretta, sia sulla rete di internet che fuori, nella rete dei lettori, dei librai e di tutto ciò che ruota attorno all’editoria. “Gli occhi di mia figlia” (Lupo Editore) ha gareggiato dall’8 gennaio, fino alla mezzanotte del 25 gennaio, e vista la rimonta, prima di Michela Marzano (Mondadori), poi Pietrangelo Buttafuoco (Bompiani), secondo i dati a disposizione è stato proprio il passaparola messoin atto dall’editore fin dal primo giorno a far vincere il romanzo di Vittoria Coppola, che ha concorso con libri di grande valore. La felicità dell’editore Cosimo Lupo si spiega con le parole postate il giorno dopo su facebook “Siamo felici perchè, a volte, ci si sveglia pensando davvero che qualcosa può succedere grazie a tutti quelli che credono non solo in noi, ma nella piccola editoria, indipendente, che non ha paura, anche di sbagliare. Siamo felici perchè sappiamo che non siamo noi a vincere ma è la lettura, la scrittura e quell’odore che solo i libri hanno…siamo felici perchè non è un traguardo ma l’inizio di un nuovo sogno”. Un anno importante per Lupo Editore che con il romanzo di Vittoria Coppola è al terzo premio importante dopo il premio Torre dell’Orologio, consegnato da Simonetta Agnello Hornby a Nelson Martinico, alias Giuseppe Elio Ligotti, autore di “Dovevamo saperlo che l’amore”, un esordio ‘pubblicato a 65 anni’ che si va a affiancare a un altro esordio nel romanzo, quello di Osvaldo Piliego, che con il suo “Fino alla fine del giorno” ha vinto il Premio Nabokov.
Una nuova stagione per la piccola editoria? Con molta probabilità una conferma del fatto che ai mezzi di diffusione editoriale tradizionalmente intesi si sono affiancati altri strumenti e, dati alla mano e dato l’enorme numero di contatti sulla pagina del sito rai, questi strumenti permettono di raggiungere i lettori, sia appassionati che professionali, in modo capillare. Come ha affermato Bruno Luverà ai microfoni di Radio Uno, la presenza sulla rete è stata determinante, le votazioni hanno seguito ‘tre fasi’ nelle quali Vittoria Coppola è sempre stata in testa e alla fine la vittoria è arrivata poco prima di mezzanotte, con l’ultimo voto dei 581.000 espressi in totale di cui quasi il 28% alla Coppola, effettuato alle 23:58 e 48 secondi. Lupo Editore conferma così di essere una delle realtà più dinamiche dell’editoria del sud Italia, attento a intercettare i nuovi autori e a ‘non chiudere porte’, come afferma l’editore Cosimo Lupo.
“Gli occhi di mia figlia” verrà a breve ripubblicato in coedizione “Lupo Editore” e “edizioni A Nordest”, distribuito sul territorio nazionale da Messaggerie Libri, con promozione Vivalibri e stampato presso Mondadori Printing; un segnale tangibile che, come sostiene l’editore, “anche i lettori possono scegliere, grazie alla rete, quali libri trovare sugli scaffali”.

LUNA NERA DI ANDREA COSTANTIN (YOUCANPRINT)

"Luna Nera" è una raccolta di racconti interessante e atipica nello stesso tempo, le storie che contiene ruotano attorno alla figura dell'ex-commissario Leonardo Savelli, una "sorta di investigatore" che non lavora più in polizia, gestisce un negozio di orologi insieme al suo aiutante Maurino e, in realtà, non ha mai abbandonato l'ambiente dal quale proviene. Il denominatore comune delle storie, assieme alla presenza costante e risolutiva del protagonista, è quello di vicende che nascono al margine della crisi economica che sta attraversando il nostro paese, una crisi che in determinate situazioni è capace di tirar fuori il peggio dagli animi di alcune persone che costruiscono piani criminali per arricchirsi alle spalle dei deboli e che si trovano a incrociare, sfortunatamente per loro, l'excommissario Savelli. Un personaggio atipico, difficilmente assimilabile ai commissari onniscienti e supertecnologici cui ci hanno abituato le serie televisive d'oltreoceano "un tipo strano, Savelli. Con quello spolverino nero, la barba incolta e l'aria misteriosa, dà l'idea di un tipo da cui stare alla larga. Ma è anche simpatico, ricorda un po' le vecchie rockstar degli anni '80." Ecco tratteggiato l'aspetto 'vintage' di Savelli, con la viva voce delle protagoniste di uno dei racconti, quello dal titolo "I ricordi vivranno per sempre".

Il libro del giorno: La Macchina della Morte. Notize da un mondo in cui le persone sanno di che morte morire a cura di North R., Bennardo M., Malki D. Garbellini G. (Guanda)

 La macchina è stata inventata quasi per caso qualche anno fa. Con un semplice esame del sangue sa predire il modo in cui lasceremo questo mondo. Nessuna data. Nessun dettaglio. Solo un foglietto di carta con poche parole, insieme precise e insopportabilmente vaghe. Un oracolo infallibile, criptico e beffardo. Spaziando dall'umorismo alla fantascienza, dall'horror all'avventura, trentaquattro racconti di autori diversi immaginano mondi in cui il fatale responso della Macchina della Morte diviene il fondamento di una nuova gerarchia sociale o una semplice voce del curriculum, un mostro pervasivo contro cui lottare o una moda passeggera, il dato che può bruciare la carriera di un politico o il centro di nuovi giochi di società. Trentaquattro voci diverse per indagare come cambierebbero i rapporti umani e il lavoro, gli ospedali e le scuole, la giustizia e il crimine. Saremmo più liberi o vivremmo incatenati a quella sentenza ineluttabile, condizionati in ogni scelta da un destino che può materializzarsi in qualsiasi momento? Saremmo morbosamente attratti da ciò che ci ucciderà o cercheremmo di fingere con noi stessi di non sapere nulla? Sfideremmo la macchina per smentire il suo verdetto o cambieremmo la nostra vita nel tentativo di allontanare il più possibile un finale già scritto? Da un'idea nata sul web, un libro che può sembrare un gioco, ma che è anche un modo per riflettere sulla nostra ossessione di voler sapere tutto, di svelare anche l'ultimo mistero.

THE INFORMATION: A History. A Theory. A Flood. By James Gleick (Pantheon)

“James Gleick, the author of the best sellers Chaos and Genius, now brings us a work just as astonishing and masterly: a revelatory chronicle and meditation that shows how information has become the modern era’s defining quality—the blood, the fuel, the vital principle of our world. The story of information begins in a time profoundly unlike our own, when every thought and utterance vanishes as soon as it is born. From the invention of scripts and alphabets to the long-misunderstood talking drums of Africa, Gleick tells the story of information technologies that changed the very nature of human consciousness. He provides portraits of the key figures contributing to the inexorable development of our modern understanding of information: Charles Babbage, the idiosyncratic inventor of the first great mechanical computer; Ada Byron, the brilliant and doomed daughter of the poet, who became the first true programmer; pivotal figures like Samuel Morse and Alan Turing; and Claude Shannon, the creator of information theory itself. And then the information age arrives. Citizens of this world become experts willy-nilly: aficionados of bits and bytes. And we sometimes feel we are drowning, swept by a deluge of signs and signals, news and images, blogs and tweets. The Information is the story of how we got here and where we are heading.”

DINO VINCENZO PATRONI

“Dino Vincenzo Patroni (nome d'arte), o Vincenzo Dino come dall'anagrafe, è nato a Salerno nel 1947. E' pittore, scultore, grafico, medaglista e ceramista. Nel periodo in cui frequentò l'Accademia di Belle Arti di Napoli (fine anni Sessanta-inizio anni Settanta) fu allievo di Giuseppe Capogrossi, Giovanni Brancaccio e Antonio Venditti e si inserì ben presto nell'ambito artistico partenopeo frequentando intellettuali di primo piano quali Michele Prisco, Ugo Piscopo, Vitaliano Corbi, Carmelo Bonifacio Malandrino e Domenico Rea, esponendo in rassegne d'arte collettive e in mostre personali. E' stato docente per diversi anni nel Licei Artistici e negli Istituti d'Arte ad Eboli, Torre Annunziata, Napoli e Salerno; successivamente, quale vincitore di concorso a cattedra per esami e titoli in Accademie di Belle Arti, per molti anni ha ricoperto quella di Plastica Ornamentale presso l'Accademia di Belle Arti di Napoli, dopo aver insegnato nelle Accademie di Belle Arti di Catanzaro, Catania e Frosinone. Infine, nominato docente a tempo indeterminato anche per la Cattedra di Decorazione presso l'Accademia di Belle Arti Albertina di Torino, la rifiuta. La sua attività espositiva risale alla metà degli anni Sessanta nell'ambito di una figurazione che già preannunciava lo sbocco nel campo della ricerca che l'artista svilupperà intensamente in tutte le branche delle arti visive, a partire dagli anni Ottanta a tutt'oggi. Conosciuto in Italia e anche all'estero dove è stato invitato a simposi d'arte, di questo artista poliedrico si sono occupati storici e critici d'arte, filosofi, giornalisti e poeti di fama nazionale ed internazionale: Pierre Restany, Filiberto Menna, Giorgio Di Genova, Paolo Balmas , Ugo Piscopo, ed altri. Sue opere abitano in musei nazionali, quali il Museo del Bargello di Firenze, Museo della Città del Vaticano e all'estero presso la Dailés Galery di Panevezys in Lituania e presso il Museo nazionale di Luxor in Egitto. Suoi lavori sono stati esposti, per invito, in mostre collettive a Vienna, Barcellona, Amsterdam, Panevezys, La Valletta, Perth Western, Il Cairo, Seixal, Glasgow e Osaka, oltre che in piccole e grandi città italiane. E' autore, tra l'altro, di opere pubbliche in Campania e in Basilicata. E' stato inserito dallo storico dell'arte Giorgio Di Genova nella "Storia dell'Arte Italiana del '900" – Generazione Anni Quaranta, Tomo II°, Edizioni Bora – 2009 ed è stato segnalato nel Dizionario Biografico dei Meridionali, Istituto Grafico Editoriale Italiano – Napoli, 1970, volume III°, nel Catalogo dell'Arte Moderna Italiana n. 25, Giorgio Mondadori Editore, 1989; nel volume "Pittura in Sicilia dal Futurismo al Postmoderno" scritto dal critico d'arte ed artista Nicolò D'Alessandro, La Ginestra Editrice, 1991; nel volume "Percorso D'Artista" a cura di silvana Balbi De Caro, Editalia – Gruppo Istituto Poligrafico Zecca Dello Stato, 2008; nel Catalogo Degli Scultori Italiani, Editoriale Giorgio Mondadori, 2006 e in riviste specializzate, in quotidiani, periodici e importanti cataloghi nazionali ed internazionali d'arte con note o presentazioni critiche. La sua documentazione artistica è depositata, oltre che in Biblioteche nazionali e provinciali (tra le quali quella di Salerno), anche presso i più importanti centri italiani di documentazione degli artisti del XX e XXI secolo.” (l’immagina qui presentata riguarda un’opera di Dino Vincenzo Patroni)

QUI


Chris Cornell - Arms Around Your Love



Music video by Chris Cornell performing Arms Around Your Love. (C) 2007 Interscope Records

I SEGRETI PER GUADAGNARE CON GLI IMMOBILI DI ALBERTO CAMUNCOLI E OMAR JOHNSON (BEST INVEST SRL)


I Segreti per Guadagnare con gli Immobili + 2 CD


"Desideri anche tu conoscere i segreti per riuscire ad acquistare persino senza soldi immobili ad almeno il 30% di sconto rispetto al prezzo prudenziale di mercato, rivenderli velocemente e realizzare così profitti consistenti, sicuri e ricorrenti?"
"I Segreti per guadagnare con gli immobili. I Proprietari motivati: chi sono, come trovarli e perché ti renderanno finanziariamente libero"
La parola "crisi" è oramai da un anno sulla bocca di tutti: in televisione, al bar sotto casa, sui giornali, nelle piazze; Sembra veramente che non ci siano al momento possibilità né opportunità per riuscire ad aumentare il proprio benessere, far fruttare i propri risparmi e/o il proprio spirito imprenditoriale e raggiungere in pochi anni una vera libertà finanziaria.
Sempre a sentire l'opinione comune pare che il settore più in sofferenza sia proprio quello immobiliare: cala il numero delle compravendite, molte persone non riescono più a pagare la rata del mutuo ed i prezzi registrano una flessione più o meno marcata a seconda delle città e delle tipologie abitative.
Già, questo è quello che molti pensano...Ma sei proprio convinto che sia veramente così? In realtà, per chi già possedeva le corrette conoscenze ed era in grado di adottare le giuste strategie di investimento, il 2008 verrà ricordato come uno degli anni più profittevoli in assoluto; in tutta Italia infatti negli ultimi tempi le opportunità per concludere veri affari si sono moltiplicate proprio in virtù del fatto che ora si può acquistare a prezzi più bassi anche solo dell'anno precedente, guadagnando così, una volta rivenduto il bene, profitti ancora maggiori.
Come sempre le occasioni sono innumerevoli, esistono ovunque ed in ogni condizione di mercato ma si possono cogliere, godendo così dei relativi benefici economici, solo se si possiedono una mente preparata e le corrette informazioni; non basta infatti essere al posto giusto al momento giusto, bisogna soprattutto essere la persona giusta.

LE ALGHE DI LUCA FORTUNA (XENIA EDIZIONI)


Le Alghe



VIAGGIO A IXTLAN DI CARLOS CASTANEDA (BUR)


Viaggio a Ixtlan Da non perdere


Viaggio a Ixtlan è il terzo libro in cui Castaneda racconta la sua iniziazione ai misteri dello sciamanesimo messicano, grazie agli insegnamenti di don Juan Matus. In questo libro, che narra la fine dell'apprendistato dell'autore, a più di dieci anni dal primo incontro con il maestro, si precisano e si sviluppano temi chiave come il 'vedere' dello sciamano, tanto più profondo del guardare quotidiano; o, condizione necessaria per vedere, la 'capacità di fermare il mondo', di interrompere, cioè, il flusso di immagine che costituisce la nostra ordinaria interpretazione delle cose; o, ancora, 'il potere' che consente all'iniziato di controllare il mondo nelle sue manifestazioni più profonde.
Viaggio a Ixtlan è il capitolo finale della trilogia dedicata agli insegnamenti di don Juan Matas, l'indio yaqui che ha svelato a Castaneda i misteri della sua antica cultura. Un racconto illuminante, che ci permette di ripercorrere l'ultimo apprendistato dell'autore: il viaggio destinato a portarlo - attraverso lezioni, esercizi corporali e spirituali, prove, visioni - a percepire finalmente l'universo quale è, senza il filtro delle convenzioni. È giunto il momento di accostare, e fare proprio, un concetto fondamentale, che sta alla base del cammino verso una comprensione profonda dell'esistenza: la differenza tra il "guardare" quotidiano e il "vedere" del saggio. E, attraverso questo nuovo sguardo, padroneggiare la facoltà di "fermare il mondo", per interrompere il flusso di immagini nel quale scomponiamo il reale e giungere a un istante di totale lucidità.

Macro pop 2