Stefano Donno on twitter

mercoledì 20 gennaio 2016

Comprensione del crepuscolo di Luca Nicoletti (Passigli)



"(...) Anche per Nicoletti in principio è il Verbo, a patto però che sia originato da una solida genealogia poetica, prosodicamente disposta ora a distendersi in volute ritmiche ampie e ariose: 'i rami fermi nel bianco / un canto immenso / emerso da un sogno di neve, / le colline tornate a un racconto / anteriore ai colori', ora invece a contrarsi in notazioni scarne ed essenziali... ... È un libro davvero originale e davvero poetico, questo di Luca Nicoletti, intriso di un'umanità profonda e - di questi grami tempi rara. Ed è un libro generoso, dove la poesia si riconosce in una matrice che è di tutti e per tutti, di là da ogni ipotesi di mero sperimentalismo tecnico-formale e a favore piuttosto di un principio attivo di ecologia poetica, psicologica, mentale...". (Dalla prefazione di Alberto Bertoni)

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Macro pop 2