Stefano Donno on twitter

mercoledì 13 gennaio 2016

Configurazioni dell'ultima riva. Testo francese a fronte di Michel Houellebecq (Bompiani)



Michel Houellebecq torna alla poesia per dirci, col suo stile arreso all’evidenza dei fatti, al male di vivere, che esiste la possibilità di un’isola. Sì, oltre le notti senza cielo, oltre le mattine in cui la speranza esita a raggiungere gli uomini, c’è un momento di possibile dolcezza, quando le pelli si toccano, si incontrano, in cui il mondo può addirittura risplendere. Così appena finito di leggere le quasi cento poesie di uno dei più grandi scrittori francesi ‘sopravviventi’ ci toccherà rimanere indecisi: ci avrà contaminato quel suo senso di condanna, di maledizione e disincanto, oppure ci avrà fatto sentire tutta l’esitazione, la fragilità e la bellezza dell’amore, della compassione, dei corpi?

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Macro pop 2