Stefano Donno on twitter

venerdì 29 gennaio 2016

Sovverso di Nicola Fragetta (Paguro)



"Sovverso" è una denuncia che dirama in una doppia valenza di senso: da un lato esso denota il potere sovversivo della poesia nel grigiore asfittico della vita, capace di trasformare in mattino anche un prosieguo incosciente. Dall'altro, "Sovverso" ammonisce come dietro la fermezza cristallizzata della realtà sotto ed al di là del verso ispirato dagli snodi essenziali dell'esistenza si celano pur sempre in fondo interstizi di bellezza che solo un occhio attento, quello del poeta, riesce ad intravedere. Allora "Sovverso" non è altro che una sintesi di due anime (di qui la bipartizione in due libri), entrambe inneggianti alla capacità della poesia (poiein quale creazione di visioni) di iniziare a frequenze nuove e sconosciute, che abbiano come modello un ideale assoluto: in questo resiliente percorso di ricerca emotiva della grazia, la visionarietà del poeta, quale potere di anticipazione del cambiamento, diventa potenzialità di innovazione affinché la realtà non sia solo un freddo agglomerato di eventi ma piuttosto un magnifico ed esaltante viatico di bellezza.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Macro pop 2