Stefano Donno on twitter

mercoledì 21 dicembre 2016

Il segreto di Gotham di Lyndsay Faye. Traduttore: N. Gobetti (Einaudi)



Una città feroce e in fermento, un corpo di polizia che sta muovendo i primi passi e un detective alle prese con un caso che lo trascinerà in uno dei vicoli più bui della storia americana. Questa è New York, nel 1846. «Un romanzo spettacolare» - Gillian Flynn
«Il giorno in cui le accadde il peggio - e con "peggio" intendo quella tragedia, quell'atrocità oltre ogni limite di sopportazione che per impedirla moriresti, per impedirla uccideresti - Lucy Adams stava lavorando in un negozio di fiori, e sistemava rose di serra scarlatte e arancioni i cui colori avrebbero fatto sfigurare un tramonto di mezza estate. Quanto poco venni a sapere di lei, quando la conobbi. Drammaticamente poco. I dettagli sarebbero venuti in seguito. Molto dopo la volta che le dissi che io, Timothy Wilde, stella di rame numero 107 e difensore di chiunque diavolo mi paresse, avrei rimesso tutto a posto.»
Quando Lucy Adams piomba nelle "Tombe", la centrale della polizia newyorkese, per denunciare la sparizione della sorella e del figlio, il detective Timothy Wilde non può lontanamente immaginare che cosa con quel caso andrà a scoperchiare. Setacciando i bassifondi della città, invasi in quegli anni da torme di immigrati irlandesi ridotti alla fame, e infilandosi nei salotti degli affari e della grande politica, Timothy e il fratello Valentine scopriranno un'orribile tratta di persone, e un inestricabile intreccio di corruzione, violenza e razzismo.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Macro pop 2