Stefano Donno on twitter

giovedì 15 dicembre 2016

Paolo Nori riscrive «Morgante» di Luigi Pulci, di Paolo Nori (BUR Biblioteca Univ. Rizzoli). Intervento di Nunzio Festa



Paolo Nori che entra in Luigi Pulci è Busi che entra in D'Annunzio. Perché se lo mangia. Lo supera. Prende la sua opera e la sparge nelle sue opere. Crea, crea ancora. L'idea, infatti, d'affidare la "riscrittura" del Morgante a Nori, è stata una bellissima pazzia. Che c'ha lasciato un piccolo fiore, ulteriore. Prima di riconsegnarci 'l'antieroico Morgante' regalatoci già dal Pulci, infatti, Paolo Nori ripropone alcuni suoi Discorsi a mo' d'introduzione d'autore. E con citazioni e accadimenti, e con sedimentazioni e tradimenti avvicina lettrice e lettore nella passeggiata dei canti. Come, insomma, sulle avventure dell'Orlando e degli orlandini ai tempi non si scherzava poi troppo, adesso poco e niente per dire si sdrammatizza delle pose per esempio di tale Boldrini e del da poco perso Scalfaro. Ma Pulci proprio per questo, scriveva. E per la stessa ragione inventa ora ora in questo tempo il nostro Nori. Dunque le vicende dell'Orlando, Margutte, Astarotte, re Carlo e i paladini tutti s'impigliano intanto nelle storie almeno altrettanto fascinose di Monsieur Jourdain di Moliere, innamorato della sua Marchesa, d'Eugenio Onegin del Puskin...

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Macro pop 2