Stefano Donno on twitter

giovedì 17 agosto 2017

Mr. Vegas - G.O.A.T (Official Video)

P!nk - What About Us (Official Video)

Chris Brown - Questions (Official Video)

Top 10 Movies You’ll Like if You Liked Deadpool

Hectrum Destination FREE Dubstep Music For Monetize

Le novità in libreria per Jo March, Giunti e Marsilio

Al di là del bene e del male di Friedrich Nietzsche

Diario del seduttore di Sören Kierkegaard (BUR)

DAEMONOLOGIE, In FORME of a Dialogue. Divided into Three Bookes

Sideralgia di Marta Vigneri (I Quaderni del Bardo Edizioni)
























La ferita che sai dire, non è ferita.
La ferita s'apre prima del nome.
È anteriore alla voce.
È lì, nel disabitato, e scuote gli arti e serra la mandibola.
È lì, per risucchiarti tutta intera.
Lì, per irridere l'infuturarsi.
Per inchiodare l'adesso
al suo inesauribile ripetersi.
Uguale.
La ferita è anteriore al nome,
lesione appestata dal silenzio.

Marta Vigneri è nata a Galatina, in provincia di Lecce, nel 1978. Laureatasi in Filosofia presso l’Università degli studi di Lecce, ha successivamente conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in “Scienze della Mente e Teoria dei Significati” nella medesima Accademia. Sogna di vivere in un querceto, dove le sia garantito l’amore di un gigantesco cane corso dagli occhi di stagnola. E la vita, inventata, della scrittrice di cose minime.

Un' educazione milanese di Alberto Rollo (Manni)



Questa è una ricognizione autobiografica ed è il racconto della città che l'ha ispirata. Si entra nella storia dagli anni Cinquanta: l'infanzia nei nuovi quartieri periferici, con le paterne "lezioni di cultura operaia", le materne divagazioni sulla magia del lavoro sartoriale, la famiglia comunista e quella cattolica, le ascendenze lombarde e quelle leccesi, le gite in tram, le gite in moto, la morte di John F. Kennedy e quella di papa Giovanni, Rocco e i suoi fratelli, l'oratorio, il cinema, i giochi, le amicizie adolescenziali e i primi amori fra scali merci e recinti incustoditi. E si procede con lo scatto della giovinezza, accanto l'amico maestro di vita e di visioni, sullo sfondo le grandi lotte operaie, la vitalità dei gruppi extraparlamentari, il sognante melting pot sociale di una generazione che voleva "occhi diversi". A questa formazione si mescola la percezione dell'oggi, il prosciugamento della città industriale, i progetti urbanistici per una Grande Milano, le trasformazioni dello skyline, il trionfo della capitale della moda e degli archistar.

mercoledì 16 agosto 2017

A$AP Mob - Feels So Good (Official Video)

2Baba - Gaga Shuffle [Official Video]

Top 10 Anime Tournament Battles

Top 10 SHOCKING Real Life Revenge Stories

Another Top 10 Elvis Presley Songs

La nonna a 1000° di Hallgrímur Helgason. Traduttore: S. Cosimini (Mondadori)



"Fa bene a tutti perdere la facciata della propria casa, sentire lo stridore dei freni davanti al proprio figlio o vedere sparare alla schiena al proprio innamorato. Ho sempre detestato frequentare gente che non ha mai dovuto scavalcare un cadavere." A Herra Bjornsson tutto questo è capitato. Ma non solo. Le è capitato anche di baciare il più famoso dei Beatles quando erano solo ignoti scarafaggi appena sbarcati ad Amburgo e di incrociare in una bettola di Parigi lo sguardo libidinoso di Sartre. Le è capitato di attraversare la guerra con un'unica ricchezza, due perle della collana di Casanova, peccato che un soldato tedesco alto e idiota le abbia viste e se le sia mangiate. Ha scaricato più di un uomo con la frase: "È arrivato il taxi", compreso, ancora in sala parto, il padre del suo primogenito. Ha fatto tre figli con nove uomini, conoscendo le canaglie di mezzo mondo. Nipote titolata del primo presidente d'Islanda, ha attraversato il vecchio continente e si è spinta fino in Sudafrica e in Argentina, ha conosciuto le guerre e si è fatta nuovi amici (e spasimanti) su Facebook. È sopravvissuta ai figli privi di talento e a tutte le terribili nuore. Ma ora, chiusa in un garage nella sua amata Reykjavik, in compagnia di un computer portatile, due stecche di Pall Mall e una bomba a mano di fabbricazione tedesca, è decisa a battere sul tempo la propria malattia. Non senza aver preparato la sua ultima, grandiosa vendetta...

Le novità in libreria per Feltrinelli editore 16 agosto 2017

Tributo a Giuseppe De Luca … nel cuore del fumetto

"Ottanta nostalgia": sino al 1 ottobre 2017 gli anni '80 in mostra allo...

Occult Psaligraphy by Hagen von Tulien

giovedì 10 agosto 2017

L'Evoluzione del Rap Italiano [1988- 2017]

Bonzai - I Feel Alright (Official Video)

Kcee - Vanessa (Official Video)

Frenkie - Malkice (Official Video)

Paola Turci - Un'Emozione Da Poco (Official Video)

The Evolution Of Hip-Hop [Timeline 1979 - 2017]

Top 10 Craziest Things Charles Manson Has Ever Said

Top 10 NAFTA Facts You Should Know

Uno sterminio di stelle. Sarti Antonio e il mondo disotto di Loriano Macchiavelli (Mondadori)



Sarti Antonio, sergente, non è un investigatore che resterà nella storia. E come potrebbe? Colite spastica di origine nervosa, niente Physique du role e neppure caratteristiche culturali necessarie per emergere. Eppure un pregio ce l'ha...
"Bologna non è più la stessa, la gente non sorride più." È da qualche tempo, precisamente dall'anno del terremoto in Emilia, che Sarti Antonio, sergente, va ripetendo con tristezza questa frase. A dargli ragione ancora una volta arrivano i fatti. Si sta occupando della scomparsa di Nanni Rolandina, una bella ragazza di anni diciannove e occhi turchini, quando viene chiamato d'urgenza dal cantiere del nuovo stadio del Bologna che sorgerà nella località archeologica di Villanova, dove Rosas ha fatto una scoperta interessante. Dagli scavi - per la gioia del capocantiere e dell'impresa costruttrice che dovranno sospendere i lavori - sono emerse, una dopo l'altra, tredici mummie di epoca etrusca, perfettamente conservate. Alcuni particolari risultano subito inquietanti. Intanto i corpi superano i due metri di altezza, hanno il cranio enorme e dodici di loro hanno i femori spezzati come se fossero stati sottoposti a un antico rito funebre. Ai piedi di una delle mummie c'è un omphalos, una pietra con l'incisione di un demone che impugna una mazza. Il mattino dopo Sarti Antonio è convocato di nuovo al cantiere per una macabra novità: nella notte i cadaveri sono diventati quattordici. Accanto alle mummie c'è il corpo dell'architetto Bonanno, progettista dello stadio e direttore dei lavori. Anche lui ha i femori spezzati. E anche ai suoi piedi c'è una pietra ricoperta di segni enigmatici. Chi odiava così tanto l'architetto da inscenare una cerimonia ancestrale? E Rolandina, la ragazza che ha fatto perdere le sue tracce, ha qualcosa a che fare con il mistero? In soccorso di Sarti giungono il talpone Rosas e le sue conoscenze archeologiche. I due avranno modo di rifletterci, come al solito, davanti a un buon caffè sotto i portici, ma per l'occasione proseguiranno le ricerche anche di fronte a un bel cestino di tigelle e crescentine sull'Appennino. È qui, attorno all'antico centro oracolare di Montovolo, che affondano le radici il mistero del demone etrusco e quello, ancora più intricato, di una portantina che viene da un passato di stragi e delitti. Dopo cinque anni di assenza, Uno sterminio di stelle segna il grande ritorno di Sarti Antonio, il personaggio più longevo e amato di Loriano Macchiavelli, alle prese con un caso nuovo e al tempo stesso antichissimo.

Macro pop 2