Stefano Donno on twitter

giovedì 19 gennaio 2017

Carve the Mark. I predestinati di Veronica Roth. Traduttore: R. Verde (Mondadori)



Non c'è posto per l'onore nella lotta per la sopravvivenza
«Tu supponi che io sia brutale perché è questo che hai sentito dire di me» dissi. «Allora parliamo di quel che ho sentito dire di te? Sei uno dalla pelle sottile, un codardo, uno stupido?»
«Tu sei una Noavek» continuò lui ostinato. «La brutalità ce l'hai nel sangue.»
«Non ho scelto il sangue che mi scorre nelle vene» risposi. «Non più di quanto tu abbia scelto il tuo fato. Tu e io siamo entrambi diventati quello che era scritto che diventassimo.»
In una galassia percorsa da una forza vitale chiamata corrente, ogni uomo possiede un dono, un potere unico e particolare, in grado di influenzarne il futuro. CYRA è la sorella del brutale tiranno che regna sul popolo shotet. Il suo dono, che le conferisce potere provocandole allo stesso tempo dolore, viene utilizzato dal fratello per torturare i nemici. Ma Cyra non è soltanto un'arma nelle mani del tiranno. Lei è molto più di questo. Molto più di quanto lui possa immaginare. AKOS è il figlio di un contadino e di una sacerdotessa-oracolo del pacifico popolo di Thuvhe. Ha un animo generoso e nutre una lealtà assoluta nei confronti della famiglia. Da quando i soldati shotet hanno rapito lui e il fratello, l'unico suo pensiero è di liberarlo e portarlo in salvo, costi quel che costi. Nel momento in cui Akos, grazie al suo dono, entra nel mondo di Cyra, le differenze tra le diverse origini dei due ragazzi si mostrano in tutta la loro evidenza, costringendoli a una scelta drammatica e definitiva: aiutarsi a vicenda a sopravvivere o distruggersi l'un l'altro. Carve the Mark - I predestinati è un racconto sul potere, l'amicizia e l'amore in una galassia carica di doni inaspettati.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Macro pop 2