Stefano Donno on twitter

mercoledì 10 maggio 2017

L'ULTIMA OCCASIONE di Michele Navarra - Dal 10 maggio in libreria per Novecento editore



L’avvocato Alessandro Gordiani decide di lasciare Roma, il suo lavoro, la sua fidanzata, il suo studio avviato con sacrifici, incluso “un mutuo a tassi da strozzino con cavilli e codicilli degni di un giurista medievale”, perché non si riconosce più nel mondo giudiziario che lo circonda. Si trasferisce quindi in un piccolo paesino della Sardegna, dove la vita è apparentemente più semplice, più adatta al suo carattere. Ma all’improvviso il dramma: un ragazzo muore durante una festa e Alessandro, quasi senza rendersene conto, dovrà tornare a Roma e indossare di nuovo la toga per assumere la difesa dell’imputato in un processo difficile, dove tutto sembra confermare la colpevolezza del suo cliente.
Gordiani dovrà quindi fare i conti con se stesso, con la paura di non farcela e di non aver fatto abbastanza per quella toga che onora e rispetta e non toglie mai davvero. Perché fuggire e nascondersi non serve a molto e l’avvocato Gordiani ha forse l’ultima occasione per misurare le proprie scelte. In una Roma struggente, sul lungo Tevere dove per godersi lo spettacolo è necessario portarsi a pelo d’acqua, prende corpo una storia di ragazzi alla deriva, di rapporti strappati, di errori e sentenze; una storia in cui le vicende giudiziarie si legano a filo doppio ai sentimenti più intimi degli imperfetti protagonisti.

L’ultima occasione è la prima avventura dell’avvocato Gordiani, protagonista di tutti i romanzi di Navarra, un personaggio che resta nella memoria, umanissimo e profondo, con il taglio militare dei capelli, l’insonnia, i sogni tormentati tra Bruno Vespa e Monica Bellucci, innamorato degli scorci sconosciuti della Capitale, bella, caotica e convulsa da riscoprire la domenica mattina e al tramonto.
Michele Navarra è nato nel 1968 a Roma, dove vive e da più di vent’anni esercita la professione di avvocato penalista. Nel 2010 ha pubblicato Per non aver commesso il fatto (Giuffrè), vincitore dei premi “Legal Drama Society” e “Albingaunum”, seguito da Una questione di principio (Giuffrè, 2013), vincitore del premio “Città di Trieste – Festival del Cinema, Teatro e Letteratura”. Con Novecento Editore ha già pubblicato nel 2015 Solo la verità. Con il romanzo inedito A Dio piacendo ha vinto l’edizione 2017 del Premio Argentario.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Macro pop 2