Stefano Donno on twitter

martedì 20 giugno 2017

Tesori negli abissi di Harry E. Rieseberg (Per Odoya dal 29 giugno 2017 in libreria)



Mentre le vele flosce e i fiocchi si gonfiavano al vento, la goletta si lanciò sulle onde; parve che scuotesse il capo, come il cavallo che sente il morso, poi cominciò a fendere l’acqua e a puntare dritto sulle scogliere. […] Tracciavano una curva a falce di luna sulla superficie del mare, perdendosi in lontananza; spostai il binocolo da un’estremità all’altra, osservandoli con grande attenzione. Poi Loesche abbassò lo strumento. «Eccoli, i tuoi Silver Shoals» disse.
Il tenente Harry E. Rieseberg ha dedicato tutta la sua vita al recupero di tesori sui fondali oceanici. Racconta le sue incredibili avventure in questo  memoir, che raccoglie le imprese di cui fu protagonista tra il 1930 e il 1970. L’affascinante "diario di bordo" delle sue spedizioni ci porta sulle orme dei grandi ricercatori del passato, come quel Sir William Phips che convinse re Carlo II e alcuni nobili inglesi a investire nella missione di recupero del tesoro contenuto nelle stive di un’intera flotta spagnola, naufragata a cavallo tra XVI e XVII secolo al largo delle Bahamas. Le carte della spedizione secentesca di Phips funzionarono come mappa del tesoro per la ricerca di quella che veniva chiamata “la flotta dell’argento” perché si occupava di portare in madrepatria i proventi delle colonie e delle loro ricchissime miniere. Fu solo per sfortuna che quel particolare tesoro sfuggì a Rieseberg: una tempesta lo privò della possibilità di ricuperare il contenuto di uno dei relitti che pur era riuscito a raggiungere e gli costò fratture multiple a una gamba.
Infatti, il nostro non si limitò a diventare lo Schliemann dei mari: i fondali oceanici sono molto più insidiosi degli scavi archeologici. All’interno dapprima di un semplice scafandro di gomma, che a stento lo riparò dall’attacco di una piovra in una delle sue prime spedizioni,  poi di un moderno robot atto allo scopo – brevettato da Eugene J. Romano –  il nostro coraggioso cacciatore di tesori si trovò faccia a faccia con ogni sorta di creatura sottomarina e insidia tecnica. Tanti furono i recuperi riusciti, da un capo all’altro del mondo, tante le leggende che si rivelarono inconsistenti, come quella del “Bottino di Lima” nell’isola di Cocos. L’emozione di vedere per la prima volta un relitto e il suo contenuto viene qui trasmessa con efficace entusiasmo:  sembra di essere lì, con il coraggioso palombaro, a due passi dal forziere che cambierà la nostra esistenza… Le foto, come di consueto per i libri della collana Odoya Library, aiutano l’immaginazione del lettore a contestualizzare queste grandi avventure, Tesori negli abissi  è corredato di mappe, foto dei forzieri, volti dei protagonisti e perfino lo schema tecnico dello scafandro articolato a doppia struttura sferica utilizzato per i recuperi. Gli elementi per il grande racconto di mare ci sono tutti: storie di storici naufragi, spedizioni millimetricamente organizzate, immersioni che portano faccia a faccia con “mostri” marini e galvanizzanti momenti in cui il coraggio viene ricompensato in metalli preziosi. Un saggio che da troppo tempo mancava dalle librerie italiane.

Harry E. Rieseberg, dal 1930 al 1970, ha solcato i mari di tutto il mondo alla ricerca di tesori sommersi, inseguendo leggende e resti di navi naufragate. Ha scritto decine di libri e pubblicato migliaia di articoli sulle sue spedizioni subacquee

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Macro pop 2